Home » Rubriche »Very Important Planet » Il ritorno alla terra del campione. Intervista a Francesco Moser:

Il ritorno alla terra del campione. Intervista a Francesco Moser

febbraio 10, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Dopo tante corse, finalmente la pace. Una tranquillità fatta di routine, la sveglia alle 5 del mattino, e poi lo sguardo che si perde tra le vigne e il lavoro al trattore. Ritiratosi dalle corse ormai da oltre vent’anni, Francesco Moser è tornato alla pace delle sue origini: i vitigni, la tradizione, la passione che poi, insieme alla tecnica, sono le caratteristiche di un buon vino. L‘Azienda Agricola Maso Villa Warth, fondata da Diego e Francesco Moser, riesce a riassumere, nella sua produzione, tutti questi elementi. Anche e sopratutto grazie alla sua collocazione geografica, il Trentino. Tra queste mura sono state realizzate la cantina vini, un piccolo agriturismo con servizio di residence – 6 appartamenti, arredati in legno rustico e attrezzati con cucina completa – e una sala banchetti.

D) Moser, come è nata questa passione per l’agricoltura?

R) È stato mio padre a trasmettermela: produceva vino, e quando ho smesso di correre, ho scelto di proseguire l’attività di famiglia, ho realizzato la cantina nuova e, dal 1988, produco anche io vino. Del resto, sono nato in campagna, tra i contadini: il mio è un ritorno alla terra.

D) C’è un vino, tra quelli che produce, che più di ogni altro sottolinea il suo amore per la natura?

R) È il Deamater, che celebra la Dea Madre, una metafora della “grande madre” che dà vita dal suo grembo a tutte le cose. La figura riprodotta su questa etichetta è opera dell’artista trentino Paolo Tait.

D) Con 273 vittorie su strada, lei risulta il ciclista italiano con il maggior numero di successi, quinto assoluto a livello mondiale. Cosa ricorda di quegli anni?

R) Sono stati, ovviamente, periodi bellissimi. Lo sport di allora era diverso da quello di oggi. Ai miei tempi, ad esempio, ricordo che correvamo mangiando le tortine di riso. Le portavamo in tasca, arrotolate in carta stagnola. E, poi, senza neppure scendere dalla bici, ma continuando a pedalare, durante i momenti più faticosi della corsa, le prendevamo per mangiarle e rimetterci in forza.

D) Quanto è importante l’alimentazione per lo sportivo?

R) È fondamentale. Bisogna mangiar bene per avere l’energia sufficiente. E noi, durante le gare, mangiavamo riso e carne. In corsa, invece, portavamo delle torte dolci fatte di riso. Non so di preciso come venissero preparate, ma ricordo che erano molto dolci, e questo perché le gare duravano 6-7 ore, era assolutamente fondamentale reintegrare i carboidrati.

D) Ha un ricordo particolare del suo periodo agonistico?

R) Quando andammo in Messico, dove vinsi il record dell’ora (massima distanza percorsa in un’ora che apparteneva da dodici anni a Eddy Merckx, ndr), portammo in valigia, insieme ai barattoli di sugo, anche i pacchi di riso. Allora, noi corridori della squadra vivevamo tutti insieme, nella stessa casa, e spesso portavamo con noi le nostre mogli, che cucinavano. In valigia, appunto, avevamo il riso, proprio per sentirci italiani anche nel mangiare. Le gare iniziavano presto e, dopo una colazione tradizionale, mangiavamo davvero molto, anche durante la corsa, per avere le forze sempre pronte. La capacità di mangiare bene mentre si pedalava era uno dei segreti che facevano la differenza. Non c’erano ancora gli integratori per far sopportare meglio la fatica.

D) Non c’era nemmeno il doping…

R) Non c’è mai stata una grande attenzione al doping nel ciclismo come in questi ultimi anni. Fortunatamente, nell’ultimo periodo le cose si vanno normalizzando. Chi si dopa, però, mette a rischio tutta la squadra.

D) Ha tre figli che condividono la sua stessa passione per il ciclismo (il figlio Ignazio corre con ottimi risultati, ndr). Cosa pensa dello sport di oggi?

R) Secondo me, quello che sta distruggento lo sport sono le scommesse. Se potessi, le eliminerei tutte, perché a causa delle scommesse le partite sono falsate.

D) Per lei, il ciclismo è stato una vera palestra di vita…

R) Ho cominciato a gareggiare perché correva mio fratello Aldo, e anche gli altri fratelli Enzo e Diego avevano corso come professionisti. Conoscevo già l’ambiente e le qualità tecniche di un corridore. Il ciclismo era parte della mia vita e della mia famiglia.

D) Secondo lei, campioni si nasce o si diventa?

R) Entrambe le cose: per continuare ad ottenere rtisultati devi sottoporti a tanti sacrifici, avere carattere. Potenzialmente, ce ne sarebbero molti di campioni, sportivi cioè che a livello fisico e tecnico potrebbero ‘sfondare’. Eppure, non tutti riescono ad ottenere ottimi risultati, proprio perché non hanno forza di carattere. La mera forza fisica, infatti, non basta.

D) Che consiglio darebbe a un giovane che vuole iniziare il ciclismo?

R) Deve essere consapevole che il ciclismo è uno degli sport più duri che esistono e, se vuole farcela, deve essere pronto ad affrontare molti sacrifici e a dedicarsi completamente a questa passione.

D) Oggi, lei vive tutti i giorni a contatto con la natura: quali sono i problemi dell’ambiente, dal suo punto di vista?

R) Tanti. Ad esempio, l’agricoltura è un lavoro difficile, che non sempre produce i risultati sperati. È difficile far quadrare i conti in campagna! Per questo, molti pensano che sia molto più semplice utilizzare sostanze dannose per l’ambiente, che però permettono spesso di ottenere rese maggiori. Ma in questo modo, aumentano i rischi e i problemi per il mondo in cui viviamo e, quindi, per noi stessi.

Agnese Pellegrini

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende