Home » Rubriche »Very Important Planet » Il ritorno alla terra del campione. Intervista a Francesco Moser:

Il ritorno alla terra del campione. Intervista a Francesco Moser

febbraio 10, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Dopo tante corse, finalmente la pace. Una tranquillità fatta di routine, la sveglia alle 5 del mattino, e poi lo sguardo che si perde tra le vigne e il lavoro al trattore. Ritiratosi dalle corse ormai da oltre vent’anni, Francesco Moser è tornato alla pace delle sue origini: i vitigni, la tradizione, la passione che poi, insieme alla tecnica, sono le caratteristiche di un buon vino. L‘Azienda Agricola Maso Villa Warth, fondata da Diego e Francesco Moser, riesce a riassumere, nella sua produzione, tutti questi elementi. Anche e sopratutto grazie alla sua collocazione geografica, il Trentino. Tra queste mura sono state realizzate la cantina vini, un piccolo agriturismo con servizio di residence – 6 appartamenti, arredati in legno rustico e attrezzati con cucina completa – e una sala banchetti.

D) Moser, come è nata questa passione per l’agricoltura?

R) È stato mio padre a trasmettermela: produceva vino, e quando ho smesso di correre, ho scelto di proseguire l’attività di famiglia, ho realizzato la cantina nuova e, dal 1988, produco anche io vino. Del resto, sono nato in campagna, tra i contadini: il mio è un ritorno alla terra.

D) C’è un vino, tra quelli che produce, che più di ogni altro sottolinea il suo amore per la natura?

R) È il Deamater, che celebra la Dea Madre, una metafora della “grande madre” che dà vita dal suo grembo a tutte le cose. La figura riprodotta su questa etichetta è opera dell’artista trentino Paolo Tait.

D) Con 273 vittorie su strada, lei risulta il ciclista italiano con il maggior numero di successi, quinto assoluto a livello mondiale. Cosa ricorda di quegli anni?

R) Sono stati, ovviamente, periodi bellissimi. Lo sport di allora era diverso da quello di oggi. Ai miei tempi, ad esempio, ricordo che correvamo mangiando le tortine di riso. Le portavamo in tasca, arrotolate in carta stagnola. E, poi, senza neppure scendere dalla bici, ma continuando a pedalare, durante i momenti più faticosi della corsa, le prendevamo per mangiarle e rimetterci in forza.

D) Quanto è importante l’alimentazione per lo sportivo?

R) È fondamentale. Bisogna mangiar bene per avere l’energia sufficiente. E noi, durante le gare, mangiavamo riso e carne. In corsa, invece, portavamo delle torte dolci fatte di riso. Non so di preciso come venissero preparate, ma ricordo che erano molto dolci, e questo perché le gare duravano 6-7 ore, era assolutamente fondamentale reintegrare i carboidrati.

D) Ha un ricordo particolare del suo periodo agonistico?

R) Quando andammo in Messico, dove vinsi il record dell’ora (massima distanza percorsa in un’ora che apparteneva da dodici anni a Eddy Merckx, ndr), portammo in valigia, insieme ai barattoli di sugo, anche i pacchi di riso. Allora, noi corridori della squadra vivevamo tutti insieme, nella stessa casa, e spesso portavamo con noi le nostre mogli, che cucinavano. In valigia, appunto, avevamo il riso, proprio per sentirci italiani anche nel mangiare. Le gare iniziavano presto e, dopo una colazione tradizionale, mangiavamo davvero molto, anche durante la corsa, per avere le forze sempre pronte. La capacità di mangiare bene mentre si pedalava era uno dei segreti che facevano la differenza. Non c’erano ancora gli integratori per far sopportare meglio la fatica.

D) Non c’era nemmeno il doping…

R) Non c’è mai stata una grande attenzione al doping nel ciclismo come in questi ultimi anni. Fortunatamente, nell’ultimo periodo le cose si vanno normalizzando. Chi si dopa, però, mette a rischio tutta la squadra.

D) Ha tre figli che condividono la sua stessa passione per il ciclismo (il figlio Ignazio corre con ottimi risultati, ndr). Cosa pensa dello sport di oggi?

R) Secondo me, quello che sta distruggento lo sport sono le scommesse. Se potessi, le eliminerei tutte, perché a causa delle scommesse le partite sono falsate.

D) Per lei, il ciclismo è stato una vera palestra di vita…

R) Ho cominciato a gareggiare perché correva mio fratello Aldo, e anche gli altri fratelli Enzo e Diego avevano corso come professionisti. Conoscevo già l’ambiente e le qualità tecniche di un corridore. Il ciclismo era parte della mia vita e della mia famiglia.

D) Secondo lei, campioni si nasce o si diventa?

R) Entrambe le cose: per continuare ad ottenere rtisultati devi sottoporti a tanti sacrifici, avere carattere. Potenzialmente, ce ne sarebbero molti di campioni, sportivi cioè che a livello fisico e tecnico potrebbero ‘sfondare’. Eppure, non tutti riescono ad ottenere ottimi risultati, proprio perché non hanno forza di carattere. La mera forza fisica, infatti, non basta.

D) Che consiglio darebbe a un giovane che vuole iniziare il ciclismo?

R) Deve essere consapevole che il ciclismo è uno degli sport più duri che esistono e, se vuole farcela, deve essere pronto ad affrontare molti sacrifici e a dedicarsi completamente a questa passione.

D) Oggi, lei vive tutti i giorni a contatto con la natura: quali sono i problemi dell’ambiente, dal suo punto di vista?

R) Tanti. Ad esempio, l’agricoltura è un lavoro difficile, che non sempre produce i risultati sperati. È difficile far quadrare i conti in campagna! Per questo, molti pensano che sia molto più semplice utilizzare sostanze dannose per l’ambiente, che però permettono spesso di ottenere rese maggiori. Ma in questo modo, aumentano i rischi e i problemi per il mondo in cui viviamo e, quindi, per noi stessi.

Agnese Pellegrini

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende