Home » Bollettino Europa »Rubriche » Il “Winter Package” e le troppo modeste ambizioni UE su rinnovabili e biocarburanti:

Il “Winter Package” e le troppo modeste ambizioni UE su rinnovabili e biocarburanti

dicembre 5, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

La Commissione Europea leva i sigilli al Winter Package, il “pacchetto energia” con cui l’esecutivo UE mette mano alle norme e alle strategie su rinnovabili, efficienza, mercato elettrico e trasporti. Si tratta di quattro misure non legislative, otto proposte legislative e nove documenti scritti, per un totale di ventuno provvedimenti e circa un migliaio di pagine che disegnano le prossime mosse della Commissione sulla questione energetica.

Ribattezzato (forse con un po’troppa enfasi, rispetto al contenuto) “Energia pulita per tutti gli europei”, vediamo quali obiettivi include.

Innanzitutto introduce un target vincolante per l’efficienza energetica. L’insieme dei Paesi dovrà ridurre del 30% (e non più del 27%) i consumi energetici entro il 2030. Nessuna modifica invece per quello al 2030 delle rinnovabili che rimane al già noto 27%, nonostante l’UE possa contare fin da oggi su una percentuale del 24%.

Un secondo punto importante riguarda i biofuel. Si ridurrà il target 2030 per quelli di “prima generazione” provenienti da colture alimentari (mais, colza, girasole) al 3,8% dall’attuale 7%, mentre i biocarburanti avanzati avranno il compito di raggiungere il 6,8% nel mix d’alimentazione dei trasporti, dividendo però il ruolo con l’elettricità.

C’è poi la questione del ruolo dei cittadini, trasformati - nella visione dell’“Unione dell’Energia”- nei cosidetti prosumers. “I consumatori europei saranno protagonisti centrali sui mercati dell’energia del futuro - spiega la Commissione - […] avranno la possibilità di produrre e vendere energia autonomamente”. Il primo passo in questa direzione è contenuto nelle misure di revisione del mercato elettrico e prevede di fornire agli europei una migliore informazione sui loro consumi energetici e sui relativi costi. Le proposte amplieranno la diffusione di contatori intelligenti, bollette chiare e condizioni di commutazione più facili.

Vengono ammessi e saranno regolamentati i regimi noti comecapacity mechanism, che compensano le riserve di capacità di produzione elettrica da centrali non utilizzate, allo scopo dichiarato di mantenere la sicurezza dell’approvvigionamento e di garantire la continuità della fornitura di elettricità di fronte all’intermittenza delle rinnovabili (per esempio se non c’è vento per far girare le turbine eoliche). Ma la Commissione nega che possano essere finanziate con i “capacity payment” le più obsolete, inefficienti, inquinanti e climalteranti centrali a carbone, perché sarà imposta una “soglia” che le esclude (per avere le compensazioni, le centrali dovranno emettere meno di 550 grammi per kilowatt/ora di CO2). A conti fatti, la misura dovrebbe escludere gli impianti termoelettrici a carbone più vecchi e meno efficienti, ma dare via libera a tutto il resto.

Sarà prevista anche anche unasmart finance for smart buildings“, che punta a stimolare investimenti pubblici e privati per ulteriori 10 miliardi di euro al 2020 incoraggiando una più efficace combinazione di tutte le forme di finanziamento.

Secondo le stime della Commissione, il piano potrà mobilitare 177 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati ogni anno, a partire dal 2020 al 2030, aumentando il Pil europeo dell’1% nel prossimo decennio e creando 900 mila nuovi posti di lavoro.

Tuttavia, per molte associazioni ambientaliste il Pacchetto UE “tradisce l’Accordo di Parigi”. La scelta di non aumentare l’impegno sulle rinnovabili, dicono in molti, è chiara se si osserva la proposta di aggiornamento della Direttiva ad esse dedicata contenuta nel Pacchetto. Nel testo Bruxelles inserisce una misura che colpisce al cuore la priorità di dispaccio: per i Paesi con una quota di rinnovabili già ampia nel mix energetico (15%), i nuovi impianti eolici e fotovoltaici non avranno più il diritto di precedenza sulle fossili. Vi sarà, invece, un nuovo approccio detto di “priorità di accesso”. Le rinnovabili, in sostanza, avranno sempre la garanzia di accesso alla rete, ma non saranno necessariamente le prime a essere utilizzate: nel caso in cui vi sia una sovrapproduzione o un calo della domanda, gli impianti eolici o solari saranno in realtà i primi a essere spenti o esclusi dalla rete, perché sono i più “flessibili” (quelli che si avviano e si spengono più facilmente) rispetto alle centrali che utilizzano le fonti fossili o il nucleare. In questi casi, i produttori delle rinnovabili avranno diritto a compensazioni, ma resta il fatto che verranno privilegiate, paradossalmente, le fonti più inquinanti e climalteranti.

Secondo Tara Connolly, consulente politica di Greenpeace UE, “questo pacchetto di misure non fa altro che tirare il freno. Distribuisce soldi alle centrali a carbone e dà alle compagnie energetiche più potere di controllo sul sistema energetico, limitando il ruolo dei consumatori come produttori di energia rinnovabile”. Al centro delle accuse in particolare “i sussidi conosciuti come capacity payments, di cui beneficeranno carbone, gas e e nucleare, con il pretesto di tenere le centrali pronte per essere accese”. “Al 2020 – denuncia Connoly - circa il 95% delle centrali a carbone avrebbe i requisiti per ricevere questo sussidio, secondo la proposta della Commissione, che include un tetto massimo per la CO2 solo per le centrali a carbone di nuova costruzione”.

La speranza degli ambientalisti è dunque che le proposte della Commissione vengano sostanzialmente migliorate durante la discussione in Consiglio UE, e soprattuto che siano emendate dal Parlamento Europeo, che ha già chiesto, tra l’altro, di portare al 40% l’obiettivo al 2030 per l’efficienza energetica e “almeno al 30%” quello per le rinnovabili.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende