Home » Rubriche »Very Important Planet » “In food we trust”. GnamBox e il ritorno al cibo di stagione:

“In food we trust”. GnamBox e il ritorno al cibo di stagione

luglio 25, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Stefano Paleari e Riccardo Casiraghi, creativi e designer per formazione, cuochi e food blogger per caso. Il loro progetto Gnam Box è nato da una passione condivisa per la cucina, ma ora sta diventando sempre più conosciuto: un blog che li ha portati a essere recensiti da riviste come Vanity Fair, collaborare con canali televisivi all’avanguardia come QVC e con editori come Mondadori, che ha recentemente pubblicato il loro primo libro In food we trust. Grazie a comunicazione diretta, belle immagini e ricette di cucina firmate da amici o personaggi famosi, il duo ha piano piano riscosso sempre più successo e attirato le attenzioni della web community. All’insegna dell’amore per il buon cibo e soprattutto per le buone relazioni sociali.

D) Com’è nata e quando la vostra passione per la cucina?

R) È sempre stata innata in entrambi. Quando poi ci siamo incontrati abbiamo iniziato a metterla in pratica organizzando spesso cene in casa con amici. Piuttosto che andare al ristorante, ci piace vivere atmosfere casalinghe, cucinare insieme, lasciare le persone che ci vengono a trovare libere di portare quello che vogliono. A tavola possono nascere amicizie e nuovi sentimenti.

D) In effetti Gnam Box ha una valenza molto social…

R) La nostra forza sta nel potere della condivisione e della comunicazione attraverso immagini. Senza i social media Gnam Box non sarebbe esistito. Ora vogliamo impegnarci ancora più seriamente per portare avanti la nostra filosofia. Oltre alle ricette e agli ospiti vogliamo iniziare a raccontare sempre di più il nostro immaginario per rafforzare il nostro messaggio: mangiamo di stagione!

D) Che rapporto avete con la natura e l’ambiente?

R) Siamo legati fortemente alla natura e ai suoi ritmi, per questo vogliamo rispettare l’ambiente, anche con piccoli gesti. Banalmente il primo passo importante per noi è fare attentamente la raccolta differenziata dei rifiuti che spesso è molto sottovalutata.

D) Quali sono le altre azioni concrete che attuate quotidianamente?

R) Come dicevo, per noi la raccolta differenziata è un punto fondamentale. Cerchiamo poi di stare attenti a livello di consumi domestici, così come all’utilizzo di elettrodomestici nelle fasce orarie consigliate. Abitiamo a Milano e come in tutte le grandi città è sicuramente difficile tenere tutto sotto controllo, ma abbiamo visto un forte aumento del bike sharing, che è già un ottimo segnale verso un orientamento green. Anche per questo da un anno abbiamo deciso di vendere la nostra auto per muoverci solo con i mezzi pubblici e in bicicletta.

D) Quale considerate sia il danno ambientale più grave e perché?

R) I danni ambientali gravi sono molti, troppi, difficile sceglierne solo uno: dall‘inquinamento allo spreco di materie prime. Nel nostro piccolo cerchiamo di gestire al meglio gli sprechi e ridurre l’inquinamento.

D) Cosa ne pensate dell’esplosione di biologico, vegetariano e vegano? Soltanto una moda o piuttosto la conferma che una certa sensibilità ambientale si sta diffondendo in modo più esteso?

R) È la conseguenza della facilità di trovare informazioni o di fare ricerca. Pensiamo che non sia legata a una moda, ma all‘aumento di sensibilità nei confronti di queste tematiche. C’è sempre più attenzione a favore dell’ambiente e siamo molto contenti di questo. L’auto-produzione in cucina sta diventando un tema non solo per pochi. L’utilizzo di prodotti biologici si sta diffondendo sempre di più, di pari passo con la maggiore attenzione dei consumatori per la propria alimentazione. Ovviamente siamo convinti che sia necessario scegliere sempre con cura i fornitori. È importante stabilire un rapporto di fiducia con le persone che ci vendono il cibo.

D) Perché secondo voi il cibo è tornato ad avere così tanta attenzione mediatica?

R) Per noi il cibo, oltre ad essere fonte di nutrimento, rappresenta uno strumento per socializzare, per esprimere il bene per se stessi e per le persone che ci circondano. Crediamo che le persone ne siano così affascinate perché sentono sempre più l’esigenza di sapere cosa mangiano e da dove arrivano i prodotti che cucinano. È un rapporto profondo e intimo quello con il cibo, che stabilisce dei legami anche con la terra.

D) Quali sono le vostre origini e qual è il piatto che più rappresenta il legame con il vostro territorio?

R) Siamo entrambi brianzoli. Ma sicuramente il piatto che più ci rappresenta è una pasta al pomodoro. Non a caso è la prima ricetta che abbiamo fotografato nel nostro blog, utilizzando dei pomodori raccolti nell’orto dei genitori di Riccardo.

D) Cosa ne pensate della filosofia “km.0″?

R) Per noi il “km.0″ si estende a tutta l’Italia. Per questo consumiamo sempre soltanto prodotti del nostro territorio nazionale, vista la grande varietà alimentare di cui dispone.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende