Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » La rivoluzione delle api:

La rivoluzione delle api

luglio 12, 2011 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del nuovo libro “La rivoluzione delle api”, un noir di Serge Quadruppani, edito da Edizioni Ambiente nella collana VerdeNero(pag. 176, euro 15.00).

Salirono lentamente nell’immenso abbraccio delle montagne che aprivano le loro braccia dietro Pinerolo, attraversarono ponti sopra torrenti, ci furono prospettive verticali, brume luminose, creste lontane, ombrosi tunnel di conifere e panorami improvvisi. Poi camminarono sul prato dietro la casa di Minoncelli e a Simona tornarono in mente alcune frasi: Primavera. Dall’al di là del Muro Verde, dalle selvagge pianure invisibili, il vento porta il polline giallo e melato di non so quali fiori. A causa di questo polline dolce le labbra si seccano– vi passi sopra la lingua ad ogni istante – e probabilmente tutte le donne che si incontrano hanno le labbra dolci (e anche gli uomini naturalmente). Ciò disturba un po’ il pensare logico.

Oltre la nube giallastra che fluttuava sul prato, le arnie rovesciate e il loro contenuto sparso sull’erba. Il commissario, che sino a quel giorno mai si era interessato di apicoltura, provò un sentimento di desolazione davanti a quello spettacolo. Una scena del tutto simile alle rovine di una città dopo un terremoto. Qualcos’altro la turbava, qualcosa che mise alcuni secondi a identificare: il silenzio. Gli uomini della Scientifica facevano i loro rilievi e fotografavano senza dire una parola, Calabonda e i suoi uomini li osservavano, a braccia incrociate. Ma non c’era un solo ronzio d’api. Né dal lato del tetto in cui, il giorno prima, le bottinatrici si affaccendavano, né dal lato delle arnie. Dov’erano andate?

Avvicinandosi in compagnia del procuratore, Simona distinse quel che doveva essere il cadavere, più per la maniera in cui i tecnici gli giravano intorno fotografandolo, che per le sue forme. Ad alcuni metri di distanza, non era facile identificare in quel fagotto una figura umana. Un braccio spariva sotto un ammasso di cornici, di alveoli mielosi e di zolle di terra, mentre dall’altra manica della t-shirt spuntava un braccio violaceo tumefatto pieno di rigonfiamenti irregolari. Le gambe, nascoste a metà dai detriti delle arnie, erano gonfie come quelle di un annegato rimasto parecchi giorninell’acqua. Il viso…

«Cos’è questo?» s’interrogò ad alta voce il commissario. Aveva già visto alcuni cadaveri di mafiosi sfigurati dalla lupara o dal Kalashnikov, ma questo, questa specie di zucca rossa schiacciata a metà…

«Questa è una testa di cui una metà è stata attaccata dalle api e l’altra strappata da una pallottola di grosso calibro» disse una voce dotata di forte accento siciliano che aggiunse: «Non posso dirlo con certezza, ma scommetterei su un 12,7, un proiettile capace di attraversare due vetri blindati di un ingresso di banca, sparati forse dal pgm Hécate II, un’arma da guerra utilizzata dai tiratori scelti…»

Simona si era voltata per vedere chi avesse parlato e aveva scoperto un ometto grassoccio, dalle sopracciglia aggrottate che gli davano un’aria di perenne furore, cosa che probabilmente corrispondeva al vero, poiché aggiunse: «E non venite a scassare i cabasisi a chiedermi di più perché non sono dell’umore e non ho ancora neanche finito l’autopsia dell’altro cadavere che già mi fate domande su questo. Ma che vi prende in mezzo a ’ste montagne? Peggio che da noi! Mangiate catafero a colazione, o cosa?».

Ciò detto, l’uomo si diresse a lunghi passi verso un’utilitaria di marca tedesca parcheggiata alla meno peggio vicino al padiglione di degustazione. «Dottor Pasquano!» gli gridò dietro il procuratore. «Il rapporto…?»

L’interpellato salì in macchina e prima di sbattere la portiera gridò: «Stasera l’avrà sulla sua scrivania. Ne avrà due al prezzo di uno. Ma non mi scassate a chiamarmi prima di allora». E partì in quarta, con le ruote posteriori che fecero schizzare terra ed erba.

«Le presento il dottor Pasquano» disse il procuratore con un sorrisetto. «Un eccellente professionista e un carattere spaventoso: ieri sera avrà perso a poker.»

«Ho l’impressione di averlo già incontrato» disse Simona. «È possibile, se ha già indagato in Sicilia. Ha fatto tutta la sua carriera tra Agrigento e Porto Empedocle. Ha chiesto il trasferimento qui un anno fa, con un colpo di testa, dopo aver litigato con il questore. Secondo me non aspetterà a lungo per tornare nella sua terra…»

«I miei rispetti signor procuratore.»

Il maresciallo dei carabinieri si era avvicinato e aveva portato la mano al berretto, con lo sguardo fisso sul magistrato, ignorando deliberatamente il commissario.

«Buongiorno, maresciallo. Si è fatto un’idea di cosa sia successo?»

Il carabiniere passò rapidamente il pollice sui baffi e con l’indice sistemò gli occhiali da sole.

«Come da dovere, ci siamo astenuti dall’avvicinarci al corpo in attesa che la Scientifica faccia il suo lavoro. Ma da un rapido esame del luogo, sembra che la vittima si sia dedicata alla distruzione delle arnie con un’ascia che si può scorgere laggiù, a pochi centimetri dalla sua mano…»

Tra le cornici ammassate vicino al corpo spuntava una larga lama. «E qualcuno gli ha sparato addosso mentre devastava l’apiario? Con un’arma da guerra?»

Era il commissario che aveva fatto la domanda. Il carabiniere girò la testa per guardarla in faccia, come se scorgesse solo in quel momento la sua presenza. Sembrò esitare prima di rispondere.

«L’ascoltiamo» disse Evangelisti, e l’utilizzo del plurale non sembrò piacere al carabiniere, perché i suoi baffi risalirono verso le narici: «A quanto pare» mormorò.

Fece una pausa, si raschiò la gola e abbassò la testa verso la cartella che teneva in mano.

«C’è qualcos’altro…» disse come controvoglia. «Un’altra specie di rivendicazione… l’abbiamo trovata sotto una pietra, tra l’apiario e il margine della foresta.»

Tirò fuori dalla tracolla un foglio conservato in un sacchetto di plastica sigillato. Vi era impressa una frase in rosso, a grossi caratteri: “La rivoluzione delle api è cominciata”.

Serge Quadruppani*

*Serge Quadruppani, scrittore francese, vive tra Roma e Parigi, dove dirige la collana della casa editrice Metailié dedicata al noir italiano. Tra i suoi romanzi tradotti in Italia ricordiamo: L’assassina di Belleville, La breve estate dei colchici, La notte di Babbo Natale, pubblicati nei Gialli Mondadori. Per Marsilio sono usciti In fondo agli occhi del gatto (2007), Y (2008) e Rue de la Cloche(2009). Collabora con diversi quotidiani e riviste, tra cui Il Secolo XIX, la Repubblica, il manifesto, L’Unità, Le Monde diplomatique e il settimanale satirico Siné Hebdo, che ha ospitato il romanzo-feuilleton Le furiose (DeriveApprodi, 2010).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

dicembre 8, 2016

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

Banca Etica, la prima e tutt’ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, ha espresso apprezzamento per l’articolo dedicato alla finanza etica all’interno della Legge di Bilancio, appena approvata ​dal Senato in via definitiva​. “È importante che vi sia il riconoscimento legislativo del valore sociale e ambientale, oltre che economico e finanziario, della finanza [...]

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende