Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » La “terza crisi” nella lettura di Danilo Bonato:

La “terza crisi” nella lettura di Danilo Bonato

gennaio 31, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del  libro “La terza crisi” di Danilo Bonato, edito da Edizioni Ambiente (pag. 160, euro 15.00).

Perché i rifiuti ci preoccupano così tanto? Prima di tutto per i rischi che possono comportare per la nostra salute. Scorie tossiche da smaltire, terreni inquinati dai metalli pesanti, falde acquifere contaminate, sostanze nocive nell’aria che respiriamo. Poi ci sono i costi per la società. Negli Stati Uniti il costo per il solo trasporto dei rifiuti alle discariche ammonta a 50 miliardi di dollari. Se aggiungiamo i costi della raccolta, del trasporto, della differenziazione e dello smaltimento dei rifiuti del settore edile, agricolo, industriale e minerario il costo totale raggiunge cifre esorbitanti.

L’Europa e l’Italia, in proporzione, non sono poi tanto da meno. Il vecchio continente è invaso da due miliardi di tonnellate di spazzatura all’anno, frutto della crescita dei consumi e dei moderni stili di vita dei consumatori. Nella spazzatura si può trovare di tutto: rifiuti industriali, materiali da costruzione, imballaggi, automobili, pneumatici, carta, rottami ferrosi e rifiuti organici. Quando si confronta con questa sfida ciclopica l’Unione Europea rappresenta, a dispetto del suo nome, una realtà talmente eterogenea da fare arrossire i padri fondatori. Girando per l’Europa osserviamo paesi e regioni virtuosi che attraverso il riciclo e il recupero sono riusciti a trasformare il problema dei rifiuti in un’opportunità, ai quali si contrappongono territori colpiti da situazioni di desolante degrado ambientale.

Le azioni di maggior pregio per affrontare il problema dei rifiuti sono quelle relative alla loro prevenzione. Ci sono tanti modi per evitare di produrre rifiuti e l’eco-progettazione è uno di questi. Pensate per esempio a un detersivo che si vende sfuso presso il negozio e che il consumatore può ritirare munendosi di un solo contenitore in plastica riciclabile che può essere riutilizzato all’infinito. (…). Nonostante queste importanti iniziative i rifiuti però continuano ad aumentare. A oggi quasi la metà dei rifiuti urbani prodotti dai cittadini dell’Unione europea è smaltito in discarica, il 18% è incenerito e solo il 33% è riciclato o utilizzato per la creazione di compost. A dispetto dei progressi nelle pratiche di riciclaggio e incenerimento non si è ancora registrata una diminuzione dei rifiuti smaltiti in discarica, con conseguenti rischi per l’ambiente e la salute dovuti alle sostanze pericolose e inquinanti che escono dal circuito economico.

Per invertire la tendenza e arrestare il degrado dei sistemi naturali, la politica ambientale europea intende andare al di là della semplice regolamentazione dell’inquinamento e del controllo delle emissioni inquinanti e dei rifiuti. Per questo è stato di recente definito un quadro d’azione finalizzato a ridurre le pressioni ambientali derivanti dalla produzione e dal consumo delle risorse naturali, cercando ovviamente di non penalizzare lo sviluppo economico, soprattutto in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo. È infatti stabilito che la problematica delle risorse venga integrata in tutte le politiche comunitarie, nel rispetto degli obiettivi fissati dal Consiglio Europeo di Lisbona in materia di crescita economica e occupazione.

In pratica la strategia europea vuole incentivare nuove possibilità di gestione dei rifiuti tese a diminuire le quantità smaltite nelle discariche, a recuperare una maggiore quantità di compost ed energia dai rifiuti e a migliorare quantitativamente e qualitativamente il riciclaggio. Si è capito quanto sia importante cercare di ridurre gli impatti ambientali negativi generati dai rifiuti lungo il corso della loro esistenza, dalla produzione fino allo smaltimento, passando per il riciclaggio. Tale approccio permette di considerare i rifiuti non solo come una fonte d’inquinamento da ridurre ma soprattutto come una potenziale risorsa da sfruttare. I principali benefici attesi dalla strategia europea sui rifiuti sono un migliore rapporto costo-efficacia nella loro gestione, una diminuzione dei costi e degli ostacoli alle attività di riciclaggio e una riduzione dell’inquinamento provocato dai rifiuti, in particolare le emissioni di gas serra.

Tutte queste politiche comunitarie hanno preso finalmente forma nel giugno del 2008, subito prima dello scoppio della crisi finanziaria mondiale, quando il Parlamento europeo ha approvato una posizione comune sulla nuova direttiva quadro per la gestione integrata dei rifiuti. Per rafforzare la prevenzione, il riutilizzo, il riciclaggio e il recupero dei rifiuti, gli Stati membri stanno adottando misure volte ad assicurare che qualsiasi persona fisica o giuridica che fabbrichi o venda prodotti nei paesi dell’Unione europea sia soggetta a una responsabilità estesa del produttore. Tali misure possono includere l’accettazione dei prodotti restituiti e dei rifiuti che restano dopo l’utilizzo di tali prodotti, nonché la successiva gestione dei rifiuti e la responsabilità finanziaria per tali attività.

Allo stesso tempo gli Stati membri saranno chiamati ad adottare misure per incoraggiare una progettazione dei prodotti volta a ridurre i loro impatti ambientali e la generazione di rifiuti durante la produzione. Si potrà per esempio incoraggiare lo sviluppo di prodotti adatti all’uso multiplo, tecnicamente durevoli e che, dopo essere diventati rifiuti, sono adatti a un recupero adeguato e sicuro e a uno smaltimento compatibile con l’ambiente. Con queste innovative misure l’Unione europea intende trasformarsi in una “società del riciclo con un alto livello di efficienza delle risorse” e fissa precisi obiettivi per gli Stati membri. Il più importante prevede che entro il 2020, la preparazione per il riutilizzo e il riciclo di rifiuti quali carta, metalli, plastica e vetro provenienti dai nuclei domestici sia aumentata complessivamente almeno del 50% in termini di peso.

Danilo Bonato*

*Danilo Bonato, direttore generale del Consorzio Remedia, è un manager appassionato di ambiente, che crede nell’importanza di raccontare ai più giovani (e ai loro genitori) come si possa vincere la sfida della sostenibilità.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende