Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » La “terza crisi” nella lettura di Danilo Bonato:

La “terza crisi” nella lettura di Danilo Bonato

gennaio 31, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del  libro “La terza crisi” di Danilo Bonato, edito da Edizioni Ambiente (pag. 160, euro 15.00).

Perché i rifiuti ci preoccupano così tanto? Prima di tutto per i rischi che possono comportare per la nostra salute. Scorie tossiche da smaltire, terreni inquinati dai metalli pesanti, falde acquifere contaminate, sostanze nocive nell’aria che respiriamo. Poi ci sono i costi per la società. Negli Stati Uniti il costo per il solo trasporto dei rifiuti alle discariche ammonta a 50 miliardi di dollari. Se aggiungiamo i costi della raccolta, del trasporto, della differenziazione e dello smaltimento dei rifiuti del settore edile, agricolo, industriale e minerario il costo totale raggiunge cifre esorbitanti.

L’Europa e l’Italia, in proporzione, non sono poi tanto da meno. Il vecchio continente è invaso da due miliardi di tonnellate di spazzatura all’anno, frutto della crescita dei consumi e dei moderni stili di vita dei consumatori. Nella spazzatura si può trovare di tutto: rifiuti industriali, materiali da costruzione, imballaggi, automobili, pneumatici, carta, rottami ferrosi e rifiuti organici. Quando si confronta con questa sfida ciclopica l’Unione Europea rappresenta, a dispetto del suo nome, una realtà talmente eterogenea da fare arrossire i padri fondatori. Girando per l’Europa osserviamo paesi e regioni virtuosi che attraverso il riciclo e il recupero sono riusciti a trasformare il problema dei rifiuti in un’opportunità, ai quali si contrappongono territori colpiti da situazioni di desolante degrado ambientale.

Le azioni di maggior pregio per affrontare il problema dei rifiuti sono quelle relative alla loro prevenzione. Ci sono tanti modi per evitare di produrre rifiuti e l’eco-progettazione è uno di questi. Pensate per esempio a un detersivo che si vende sfuso presso il negozio e che il consumatore può ritirare munendosi di un solo contenitore in plastica riciclabile che può essere riutilizzato all’infinito. (…). Nonostante queste importanti iniziative i rifiuti però continuano ad aumentare. A oggi quasi la metà dei rifiuti urbani prodotti dai cittadini dell’Unione europea è smaltito in discarica, il 18% è incenerito e solo il 33% è riciclato o utilizzato per la creazione di compost. A dispetto dei progressi nelle pratiche di riciclaggio e incenerimento non si è ancora registrata una diminuzione dei rifiuti smaltiti in discarica, con conseguenti rischi per l’ambiente e la salute dovuti alle sostanze pericolose e inquinanti che escono dal circuito economico.

Per invertire la tendenza e arrestare il degrado dei sistemi naturali, la politica ambientale europea intende andare al di là della semplice regolamentazione dell’inquinamento e del controllo delle emissioni inquinanti e dei rifiuti. Per questo è stato di recente definito un quadro d’azione finalizzato a ridurre le pressioni ambientali derivanti dalla produzione e dal consumo delle risorse naturali, cercando ovviamente di non penalizzare lo sviluppo economico, soprattutto in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo. È infatti stabilito che la problematica delle risorse venga integrata in tutte le politiche comunitarie, nel rispetto degli obiettivi fissati dal Consiglio Europeo di Lisbona in materia di crescita economica e occupazione.

In pratica la strategia europea vuole incentivare nuove possibilità di gestione dei rifiuti tese a diminuire le quantità smaltite nelle discariche, a recuperare una maggiore quantità di compost ed energia dai rifiuti e a migliorare quantitativamente e qualitativamente il riciclaggio. Si è capito quanto sia importante cercare di ridurre gli impatti ambientali negativi generati dai rifiuti lungo il corso della loro esistenza, dalla produzione fino allo smaltimento, passando per il riciclaggio. Tale approccio permette di considerare i rifiuti non solo come una fonte d’inquinamento da ridurre ma soprattutto come una potenziale risorsa da sfruttare. I principali benefici attesi dalla strategia europea sui rifiuti sono un migliore rapporto costo-efficacia nella loro gestione, una diminuzione dei costi e degli ostacoli alle attività di riciclaggio e una riduzione dell’inquinamento provocato dai rifiuti, in particolare le emissioni di gas serra.

Tutte queste politiche comunitarie hanno preso finalmente forma nel giugno del 2008, subito prima dello scoppio della crisi finanziaria mondiale, quando il Parlamento europeo ha approvato una posizione comune sulla nuova direttiva quadro per la gestione integrata dei rifiuti. Per rafforzare la prevenzione, il riutilizzo, il riciclaggio e il recupero dei rifiuti, gli Stati membri stanno adottando misure volte ad assicurare che qualsiasi persona fisica o giuridica che fabbrichi o venda prodotti nei paesi dell’Unione europea sia soggetta a una responsabilità estesa del produttore. Tali misure possono includere l’accettazione dei prodotti restituiti e dei rifiuti che restano dopo l’utilizzo di tali prodotti, nonché la successiva gestione dei rifiuti e la responsabilità finanziaria per tali attività.

Allo stesso tempo gli Stati membri saranno chiamati ad adottare misure per incoraggiare una progettazione dei prodotti volta a ridurre i loro impatti ambientali e la generazione di rifiuti durante la produzione. Si potrà per esempio incoraggiare lo sviluppo di prodotti adatti all’uso multiplo, tecnicamente durevoli e che, dopo essere diventati rifiuti, sono adatti a un recupero adeguato e sicuro e a uno smaltimento compatibile con l’ambiente. Con queste innovative misure l’Unione europea intende trasformarsi in una “società del riciclo con un alto livello di efficienza delle risorse” e fissa precisi obiettivi per gli Stati membri. Il più importante prevede che entro il 2020, la preparazione per il riutilizzo e il riciclo di rifiuti quali carta, metalli, plastica e vetro provenienti dai nuclei domestici sia aumentata complessivamente almeno del 50% in termini di peso.

Danilo Bonato*

*Danilo Bonato, direttore generale del Consorzio Remedia, è un manager appassionato di ambiente, che crede nell’importanza di raccontare ai più giovani (e ai loro genitori) come si possa vincere la sfida della sostenibilità.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende