Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » La “terza crisi” nella lettura di Danilo Bonato:

La “terza crisi” nella lettura di Danilo Bonato

gennaio 31, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del  libro “La terza crisi” di Danilo Bonato, edito da Edizioni Ambiente (pag. 160, euro 15.00).

Perché i rifiuti ci preoccupano così tanto? Prima di tutto per i rischi che possono comportare per la nostra salute. Scorie tossiche da smaltire, terreni inquinati dai metalli pesanti, falde acquifere contaminate, sostanze nocive nell’aria che respiriamo. Poi ci sono i costi per la società. Negli Stati Uniti il costo per il solo trasporto dei rifiuti alle discariche ammonta a 50 miliardi di dollari. Se aggiungiamo i costi della raccolta, del trasporto, della differenziazione e dello smaltimento dei rifiuti del settore edile, agricolo, industriale e minerario il costo totale raggiunge cifre esorbitanti.

L’Europa e l’Italia, in proporzione, non sono poi tanto da meno. Il vecchio continente è invaso da due miliardi di tonnellate di spazzatura all’anno, frutto della crescita dei consumi e dei moderni stili di vita dei consumatori. Nella spazzatura si può trovare di tutto: rifiuti industriali, materiali da costruzione, imballaggi, automobili, pneumatici, carta, rottami ferrosi e rifiuti organici. Quando si confronta con questa sfida ciclopica l’Unione Europea rappresenta, a dispetto del suo nome, una realtà talmente eterogenea da fare arrossire i padri fondatori. Girando per l’Europa osserviamo paesi e regioni virtuosi che attraverso il riciclo e il recupero sono riusciti a trasformare il problema dei rifiuti in un’opportunità, ai quali si contrappongono territori colpiti da situazioni di desolante degrado ambientale.

Le azioni di maggior pregio per affrontare il problema dei rifiuti sono quelle relative alla loro prevenzione. Ci sono tanti modi per evitare di produrre rifiuti e l’eco-progettazione è uno di questi. Pensate per esempio a un detersivo che si vende sfuso presso il negozio e che il consumatore può ritirare munendosi di un solo contenitore in plastica riciclabile che può essere riutilizzato all’infinito. (…). Nonostante queste importanti iniziative i rifiuti però continuano ad aumentare. A oggi quasi la metà dei rifiuti urbani prodotti dai cittadini dell’Unione europea è smaltito in discarica, il 18% è incenerito e solo il 33% è riciclato o utilizzato per la creazione di compost. A dispetto dei progressi nelle pratiche di riciclaggio e incenerimento non si è ancora registrata una diminuzione dei rifiuti smaltiti in discarica, con conseguenti rischi per l’ambiente e la salute dovuti alle sostanze pericolose e inquinanti che escono dal circuito economico.

Per invertire la tendenza e arrestare il degrado dei sistemi naturali, la politica ambientale europea intende andare al di là della semplice regolamentazione dell’inquinamento e del controllo delle emissioni inquinanti e dei rifiuti. Per questo è stato di recente definito un quadro d’azione finalizzato a ridurre le pressioni ambientali derivanti dalla produzione e dal consumo delle risorse naturali, cercando ovviamente di non penalizzare lo sviluppo economico, soprattutto in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo. È infatti stabilito che la problematica delle risorse venga integrata in tutte le politiche comunitarie, nel rispetto degli obiettivi fissati dal Consiglio Europeo di Lisbona in materia di crescita economica e occupazione.

In pratica la strategia europea vuole incentivare nuove possibilità di gestione dei rifiuti tese a diminuire le quantità smaltite nelle discariche, a recuperare una maggiore quantità di compost ed energia dai rifiuti e a migliorare quantitativamente e qualitativamente il riciclaggio. Si è capito quanto sia importante cercare di ridurre gli impatti ambientali negativi generati dai rifiuti lungo il corso della loro esistenza, dalla produzione fino allo smaltimento, passando per il riciclaggio. Tale approccio permette di considerare i rifiuti non solo come una fonte d’inquinamento da ridurre ma soprattutto come una potenziale risorsa da sfruttare. I principali benefici attesi dalla strategia europea sui rifiuti sono un migliore rapporto costo-efficacia nella loro gestione, una diminuzione dei costi e degli ostacoli alle attività di riciclaggio e una riduzione dell’inquinamento provocato dai rifiuti, in particolare le emissioni di gas serra.

Tutte queste politiche comunitarie hanno preso finalmente forma nel giugno del 2008, subito prima dello scoppio della crisi finanziaria mondiale, quando il Parlamento europeo ha approvato una posizione comune sulla nuova direttiva quadro per la gestione integrata dei rifiuti. Per rafforzare la prevenzione, il riutilizzo, il riciclaggio e il recupero dei rifiuti, gli Stati membri stanno adottando misure volte ad assicurare che qualsiasi persona fisica o giuridica che fabbrichi o venda prodotti nei paesi dell’Unione europea sia soggetta a una responsabilità estesa del produttore. Tali misure possono includere l’accettazione dei prodotti restituiti e dei rifiuti che restano dopo l’utilizzo di tali prodotti, nonché la successiva gestione dei rifiuti e la responsabilità finanziaria per tali attività.

Allo stesso tempo gli Stati membri saranno chiamati ad adottare misure per incoraggiare una progettazione dei prodotti volta a ridurre i loro impatti ambientali e la generazione di rifiuti durante la produzione. Si potrà per esempio incoraggiare lo sviluppo di prodotti adatti all’uso multiplo, tecnicamente durevoli e che, dopo essere diventati rifiuti, sono adatti a un recupero adeguato e sicuro e a uno smaltimento compatibile con l’ambiente. Con queste innovative misure l’Unione europea intende trasformarsi in una “società del riciclo con un alto livello di efficienza delle risorse” e fissa precisi obiettivi per gli Stati membri. Il più importante prevede che entro il 2020, la preparazione per il riutilizzo e il riciclo di rifiuti quali carta, metalli, plastica e vetro provenienti dai nuclei domestici sia aumentata complessivamente almeno del 50% in termini di peso.

Danilo Bonato*

*Danilo Bonato, direttore generale del Consorzio Remedia, è un manager appassionato di ambiente, che crede nell’importanza di raccontare ai più giovani (e ai loro genitori) come si possa vincere la sfida della sostenibilità.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

novembre 24, 2016

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ieri mattina ha accolto la richiesta di Greenpeace e del Pesticide Action Network (PAN) Europe stabilendo che i test di sicurezza condotti dalle aziende chimiche per valutare i pericoli dei pesticidi devono essere resi pubblici. Per la Corte di Giustizia questi studi rientrano infatti nell’ambito delle “informazioni sulle emissioni nell’ambiente“, [...]

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

novembre 24, 2016

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

Guido Barilla, Presidente della Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition, ha incontrato ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per presentare il 7° Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione dal titolo “Mangiare Meglio, Mangiare Meno, Mangiare Tutti” che si terrà il 1° dicembre 2016, all’Università Bocconi di Milano. Un grande evento interdisciplinare per creare un [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende