Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » L’elogio del limite di Fabrizio Pistoni. Divagazioni sull’arte dello “stop bucolico”:

L’elogio del limite di Fabrizio Pistoni. Divagazioni sull’arte dello “stop bucolico”

luglio 3, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del  libro “Elogio del limitedi Fabrizio Pistoni , edito da Ediciclo (pag. 160, 14,50 euro).

La prima salita è la sagra della concitazione. Teste basse e respiri affannati; le uniche persone con le quali riesco a parlare hanno più di sessant’anni: sono un bretone che mi racconta qualcosa su Tabarly, e Max che abita a Les Houches; parla con estrema calma, cercando di farlo in italiano, abitudine curiosa per un francese, ma nulla è casuale: Max è un figlio di emigrati e il suo sforzarsi di parlare una lingua che pratica sempre meno è un tributo alle origini; qualche anno fa la morte del padre fu lo spunto per tornare al focolare tante volte rievocato con nostalgia nelle storie che gli narravano quando era piccolo, ma il suo non fu un ritorno in auto attraverso il buco nella montagna, no… Il suo ritorno passava per le montagne, a piedi, e fu lo spunto per una nuova passione. È per questo che è qui ora, mi parla con trasporto dei momenti difficili di quel viaggio, del tempo infame che lo mise alla prova su alcuni colli canavesani… Canavesani?!

Scopro così di aver radici comuni con qualcuno che dieci  minuti fa era solo uno dei tanti sconosciuti. Questa storia mi piace sempre di più. Gente con macchine fotografiche al posto degli occhi. E sopra l’elicottero continua a seguirci con il suo frastuono invadente, stregato com’è dall’inquadratura del serpentone che le truppe disegnano sul pendio. Poi il primo colle. Cambio di paesaggio. Vallone ampio, praterie con mucche da confezione di cioccolato svizzero, pendii dolci. Le truppe sono ormai sgranate. Silenzio. È come entrare in un nuovo mondo, anzi no, questo è sconosciuto perché troppo antico: tutto funziona solo in base a ciò che il corpo fa e chiede. Nessun condizionamento indotto dall’ambiente sociale; da quanto ne apprezzo l’assenza intuisco la misura in cui mi influenza la vita. La routine quotidiana è un ottimo digestivo, in breve fa  accettare tutto, magari con l’aiuto di un paio di pastiglie: per mal di testa, stitichezza, pressione bassa o alta, impotenza, ansia, depressione e tutto il resto. La mente riprende a tritare pensieri, la lascio fare ma le impongo un solo divieto: nessuna domanda del genere “che ci faccio qui?”. Ho avuto un anno per pensarci e desiderare di esser dove mi trovo in questo momento. Qualunque sia il suo colore. Mi torna in mente la bellezza di quell’«osa fallire».

Intanto il paesaggio continua a cambiare e le prime nuvole anticipano la perturbazione prevista per questa notte. Pioverà? Così dicono, ma fatico a crederlo. La prima discesa finisce a La Thuile. Una faccia conosciuta mi chiede: «Come va?» e sembra una domanda nuova, senza nulla in comune con la stessa frase alla quale, in altri contesti, rispondo “bene” senza esitazione, a mo’ di riflesso condizionato, in quel mondo formale dove l’“abbastanza bene” è riservato ai momenti schifosi e la realtà la percepisci da un’espressione o dal tipo di silenzio che l’accompagna, non da ciò che la bocca dice. In ogni caso Faccia Conosciuta, come replica alla nota domanda, si becca un sorriso che nasce dal profondo e che per questo continuerò a ricordare. Il ristoro è frenetico, e io mi adeguo facendomi contagiare dalla fretta altrui. Temo che l’imitazione sia un istinto. È ridicolo il timore che perder un minuto possa risolvere in peggio l’esito della gara: le ore che mi separano dai primi hanno ben altra causa, eppure all’inizio ci casco sempre, sempre. E poi ci sono Steu e Ciolle davanti, non posso esser l’ultimo. Mentre mi ingozzo saluto Donato: è partito forte e mi descrive il ritmo furibondo dei primi, rafforzando la (s)gradevole sensazione di esser dietro a tutti.

Questo è il tratto dove incontrerò le mie due famiglie, quella creata, ovvero Mo (sta per Monica, Morosa o Moglie) con Teo e Luli, e quella d’origine: papà, Cillu (ho creduto di spartire le attenzioni dei miei con lui, in perenne competizione, fino a quando non ho realizzato che era così, da allora in poi è diventato mio fratello) e i suoi bimbi. Sette persone sono qui per vedermi, sette buone ragioni per non farmi aspettare troppo; non bastasse, mi toccherà pure la domanda molto candida di Luli e Teo: «Papi, ma quand’è che vinci?». Già… come glielo spiego che questo è un gioco dove anche arrivare ultimo ha un senso? La seconda salita è diversa dalla precedente fin dalla colonna sonora, adesso è quella da classica gita domenicale in montagna: i rumori del bosco con l’aggiunta di sempre più rari buongiorno, ’ngiorno, salve, bella giornata… Unica variazione sul tema un’impertinente matrona che se ne esce con uno stimolante: «Ma chi ve lo fa fare?». Touché. La domanda ha il potere di mandarmi in tilt, riesco solo a offrirle un sorriso ebete per l’incapacità di dire qualcosa di furbo. Ma non posso far finta di nulla e, visto che il viaggio questa volta è lungo, decido di fermarmi, faccio un po’ di allungamento e mi do un po’ di tempo.

L’ho scoperto da poco, lo chiamo “stop bucolico”: cerco un bel posto e mi stiro come un gatto; è come il reset per un computer e in allenamento funziona, in gara non so. Cinque minuti, poi riparto, perché la testa continua a ripetermi: “Sei in ritardo, i bimbi si sono stufati e stanno già tornando a Ivrea”; timore che il passar del tempo trasforma in certezza.Teo e Luli quando vengono con me iniziano a lagnarsi dopo tre minuti, quindi è impossibile che siano arrivati fin qua. Il ragionamento non fa una piega, ma quando finalmente li scorgo sono felice di dover ridimensionare il mio ruolo di padre carismatico: si sono fatti seicento metri di dislivello senza fiatare. Teo sorride e mi offre dei mirtilli, mentre Luli tace con sguardo interrogativo: so che vorrebbe chiedermi perché non stia vincendo, ma l’attesa troppo lunga le ha già fornito una risposta. Guardo Mo e la sento con me. E   poi Cillu e mio padre, e i bimbi di Cillu: Miki e Nico. È Natale? Per me sì, è un momento che include tutti i valori laici di quella festa, e non occorre aggiunger altro, quando ci si avvicina ai simboli la retorica è pericolosa.

Ma una foto di quel momento la voglio e a scattarla sarà una gentilissima collega con pettorale. Tutti in posa dunque. Io sono l’unico con gli occhi chiusi e manca Nico, a tre anni due ore di salita lasciano il segno e dorme come sanno fare i bambini, nulla potrebbe svegliarlo. Un sonno privo dei patemi che la vita laggiù in basso implica. Tra un po’ sarà così anche per noi con il pettorale. In quanti siamo qui anche per questo? Chissà… ma non credo di esser l’unico.

Fabrizio Pistoni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende