Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Luanella Fontanabella e la mancanza d’acqua:

Luanella Fontanabella e la mancanza d’acqua

ottobre 4, 2011 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del libro di fiabe “C’era una svolta”, di Martino Ferroedito da Edizioni Ambiente (pag. 160 , 12.00 euro ).

Una volta il Signore e San Pietro giunsero in un paese a tarda sera.

“Finalmente, adesso potrò bagnarmi la gola!”, pensò Pietro, poiché in tutto il giorno non aveva bevuto neanche una goccia, e aveva più sete di Mosè nel deserto. Cercarono una fontana, ma quelle che trovarono erano tutte a secco.

– Va’ a bussare a quella porta – disse il Signore. Pietro andò e gli aprì una donna.

– Mi darebbe un bicchier d’acqua, buona donna?

– Certo, come no! È più di un anno che non piove, e la poca acqua che ho la vado a dare a uno straniero!

E gli chiuse la porta in faccia. Pietro si disperò, ma il Signore gli disse:

– Va’ a chiedere in quel bar – e Pietro andò.

Dieci euro vogliono, per un bicchier d’acqua – disse tornando.

– Presto me li dia, che la gola mi arde come una fornace!

– Pietro, ti sembra giusto pagare dieci euro per un bicchier d’acqua?

– Ma lei possiede tutte le ricchezze di questo mondo, cosa sono per lei dieci euro?

Il Signore non ne volle sapere, e Pietro si disperò ancora di più, tanto che avrebbe voluto piangere per potersi bere le lacrime.

In quel mentre passarono davanti al palazzo del Sindaco.

– Va’ a chiedere al Sindaco, vedrai che ti darà da bere. Pietro andò ma il Sindaco non lo fece neanche entrare, gli disse che era più di un anno che non pioveva e d’andare a cercare acqua da un’altra parte. A quel punto Pietro andò su tutte le furie:

– Ma lo sa lei chi sono io? Sono San Pietro! E quello là è il Signore!

A sentire queste parole, il Sindaco si prodigò in mille scuse e rincrescimenti, e offrì acqua, vino e pietanze d’ogni genere, ma il Signore non ne volle sapere, riprese il suo cammino e ordinò a Pietro di seguirlo. Pietro obbedì, ma subito ricominciò a lamentarsi e a disperarsi peggio di prima.

– Ma come! Quello ci dava da bere, e pure da riempirci lo stomaco! E poi via, a lei basterebbe una sola parola, e tutte le fontane del paese riprenderebbero a buttare acqua!

– E ti pare che un tale paese meriti una tale grazia? – ma Pietro non ascoltava ragione e continuava a disperarsi.

A sentire quei lamenti, dal giardino del Sindaco si affacciò una bellissima ragazza:

– Straniero, cosa ti capita di tanto brutto che sento le grida fin dal giardino?

– È che non bevo da un giorno, e la gola mi arde come una fornace!

La ragazza ne ebbe compassione, si allontanò e subito tornò con una brocca d’acqua fresca. Quando Pietro si fu dissetato, il Signore gli disse:

– Va’, Pietro, e porta alla ragazza questo bastone, come ri compensa del suo buon cuore. Dille che dove pianterà il bastone, lì sorgerà una fonte d’acqua pura.

E così Pietro fece, e poi si rimise in viaggio col Signore.

La ragazza, che faceva di nome Luanella, e lavorava come cameriera nel palazzo del Sindaco, subito corse a portare il bastone al padrone.

– Sindaco, guardi cos’ho qui: un bastone che dove lo si pianta, sorge una fonte d’acqua!

Il Sindaco lì per lì non ci voleva credere, ma Luanella, oltre che bella, era una ragazza seria e onesta, e così il Sindaco decise di fare una prova. Raggiunse la fontana del giardino, ci piantò dentro il bastone, e quella dopo un attimo si mise a zampillare da tutte le parti. Il Sindaco dalla contentezza non stava più nella pelle.

– Presto – disse Luanella. – Portiamola in piazza!

– Certo, prima però fammi godere un pochino di questo spettacolo, che è un anno che la fontana è a secco, e ogni giorno a vederla vuota mi si stringe il cuore!

E così Luanella si allontanò tutta contenta, e nel frattempo il Sindaco mirava e rimirava la fontana e pensava: “Se Luanella porta il bastone in piazza, non ci sarà più acqua per la mia fontana…”.

Detto fatto, chiamò una guardia e gli comandò di fermare Luanella prima che parlasse con qualcuno, di portarla fuori dal paese, di cavarle il cuore e di riportarglielo indietro come prova.

E così fece la guardia, e tornò indietro con il cuore di Luanella in un sacchetto.

– Hai fatto? – chiese il Sindaco.

– Ho fatto, però ne ho avuto una gran pena.

Quando ha visto il pugnale ha capito e ha gridato: “Ah, non avessi mai incontrato quei due stranieri che mi hanno regalato il bastone!”.

A quel punto il Sindaco fece due più due e capì che il bastone glielo avevano dato il Signore e San Pietro. Subito prese a disperarsi:

– Adesso l’anima di Luanella, buona com’era, salirà di certo in Paradiso, e racconterà tutto per filo e per segno. Io sarò dannato, e il bastone smetterà di buttare acqua! Ah, darei l’anima al Diavolo, purché quella di Luanella rimanesse sospesa a mezz’aria, e non arrivasse mai in cielo.

A queste parole, come dal niente spuntò fuori un giovane elegante e di buone maniere:

– Quel che desideri sarà fatto –, disse al Sindaco, – ma ricorda che il corpo di Luanella non dovrà essere mai sepolto, e una candela dovrà sempre rimanere accesa vicino al suo cuore.

L’indomani si celebrarono i funerali di Luanella. Il padre, un pover’uomo che faceva il ciabattino, si consumò gli occhi dal pianto, dato che quella era la sua unica figlia, e la moglie gli era morta di parto. Oltretutto quella figlia era il suo unico sostegno, perché la vista l’aveva quasi abbandonato e di risuolare le scarpe non ne aveva più la forza. Quando il corteo arrivò al cimitero, e i becchini stavano per coprire la bara, il Sindaco gridò:

– Fermi tutti! Luanella si muove!

Il padre della ragazza per un attimo sperò in un miracolo, e quasi s’aspettava di vedere Luanella rialzarsi e gettargli le braccia al collo, ma Luanella non si muoveva.

– Ecco, guardate, ha mosso un dito! Avete visto? – ripeté il Sindaco.

Martino Ferro*

*Martino Ferro ha pubblicato con Einaudi il romanzo Il primo che sorride (Premio Calvino, 2005) e La 21ª donna. È sceneggiatore, autore radiofonico e televisivo (I soliti idioti, Mtv).

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende