Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Luanella Fontanabella e la mancanza d’acqua:

Luanella Fontanabella e la mancanza d’acqua

ottobre 4, 2011 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del libro di fiabe “C’era una svolta”, di Martino Ferroedito da Edizioni Ambiente (pag. 160 , 12.00 euro ).

Una volta il Signore e San Pietro giunsero in un paese a tarda sera.

“Finalmente, adesso potrò bagnarmi la gola!”, pensò Pietro, poiché in tutto il giorno non aveva bevuto neanche una goccia, e aveva più sete di Mosè nel deserto. Cercarono una fontana, ma quelle che trovarono erano tutte a secco.

– Va’ a bussare a quella porta – disse il Signore. Pietro andò e gli aprì una donna.

– Mi darebbe un bicchier d’acqua, buona donna?

– Certo, come no! È più di un anno che non piove, e la poca acqua che ho la vado a dare a uno straniero!

E gli chiuse la porta in faccia. Pietro si disperò, ma il Signore gli disse:

– Va’ a chiedere in quel bar – e Pietro andò.

Dieci euro vogliono, per un bicchier d’acqua – disse tornando.

– Presto me li dia, che la gola mi arde come una fornace!

– Pietro, ti sembra giusto pagare dieci euro per un bicchier d’acqua?

– Ma lei possiede tutte le ricchezze di questo mondo, cosa sono per lei dieci euro?

Il Signore non ne volle sapere, e Pietro si disperò ancora di più, tanto che avrebbe voluto piangere per potersi bere le lacrime.

In quel mentre passarono davanti al palazzo del Sindaco.

– Va’ a chiedere al Sindaco, vedrai che ti darà da bere. Pietro andò ma il Sindaco non lo fece neanche entrare, gli disse che era più di un anno che non pioveva e d’andare a cercare acqua da un’altra parte. A quel punto Pietro andò su tutte le furie:

– Ma lo sa lei chi sono io? Sono San Pietro! E quello là è il Signore!

A sentire queste parole, il Sindaco si prodigò in mille scuse e rincrescimenti, e offrì acqua, vino e pietanze d’ogni genere, ma il Signore non ne volle sapere, riprese il suo cammino e ordinò a Pietro di seguirlo. Pietro obbedì, ma subito ricominciò a lamentarsi e a disperarsi peggio di prima.

– Ma come! Quello ci dava da bere, e pure da riempirci lo stomaco! E poi via, a lei basterebbe una sola parola, e tutte le fontane del paese riprenderebbero a buttare acqua!

– E ti pare che un tale paese meriti una tale grazia? – ma Pietro non ascoltava ragione e continuava a disperarsi.

A sentire quei lamenti, dal giardino del Sindaco si affacciò una bellissima ragazza:

– Straniero, cosa ti capita di tanto brutto che sento le grida fin dal giardino?

– È che non bevo da un giorno, e la gola mi arde come una fornace!

La ragazza ne ebbe compassione, si allontanò e subito tornò con una brocca d’acqua fresca. Quando Pietro si fu dissetato, il Signore gli disse:

– Va’, Pietro, e porta alla ragazza questo bastone, come ri compensa del suo buon cuore. Dille che dove pianterà il bastone, lì sorgerà una fonte d’acqua pura.

E così Pietro fece, e poi si rimise in viaggio col Signore.

La ragazza, che faceva di nome Luanella, e lavorava come cameriera nel palazzo del Sindaco, subito corse a portare il bastone al padrone.

– Sindaco, guardi cos’ho qui: un bastone che dove lo si pianta, sorge una fonte d’acqua!

Il Sindaco lì per lì non ci voleva credere, ma Luanella, oltre che bella, era una ragazza seria e onesta, e così il Sindaco decise di fare una prova. Raggiunse la fontana del giardino, ci piantò dentro il bastone, e quella dopo un attimo si mise a zampillare da tutte le parti. Il Sindaco dalla contentezza non stava più nella pelle.

– Presto – disse Luanella. – Portiamola in piazza!

– Certo, prima però fammi godere un pochino di questo spettacolo, che è un anno che la fontana è a secco, e ogni giorno a vederla vuota mi si stringe il cuore!

E così Luanella si allontanò tutta contenta, e nel frattempo il Sindaco mirava e rimirava la fontana e pensava: “Se Luanella porta il bastone in piazza, non ci sarà più acqua per la mia fontana…”.

Detto fatto, chiamò una guardia e gli comandò di fermare Luanella prima che parlasse con qualcuno, di portarla fuori dal paese, di cavarle il cuore e di riportarglielo indietro come prova.

E così fece la guardia, e tornò indietro con il cuore di Luanella in un sacchetto.

– Hai fatto? – chiese il Sindaco.

– Ho fatto, però ne ho avuto una gran pena.

Quando ha visto il pugnale ha capito e ha gridato: “Ah, non avessi mai incontrato quei due stranieri che mi hanno regalato il bastone!”.

A quel punto il Sindaco fece due più due e capì che il bastone glielo avevano dato il Signore e San Pietro. Subito prese a disperarsi:

– Adesso l’anima di Luanella, buona com’era, salirà di certo in Paradiso, e racconterà tutto per filo e per segno. Io sarò dannato, e il bastone smetterà di buttare acqua! Ah, darei l’anima al Diavolo, purché quella di Luanella rimanesse sospesa a mezz’aria, e non arrivasse mai in cielo.

A queste parole, come dal niente spuntò fuori un giovane elegante e di buone maniere:

– Quel che desideri sarà fatto –, disse al Sindaco, – ma ricorda che il corpo di Luanella non dovrà essere mai sepolto, e una candela dovrà sempre rimanere accesa vicino al suo cuore.

L’indomani si celebrarono i funerali di Luanella. Il padre, un pover’uomo che faceva il ciabattino, si consumò gli occhi dal pianto, dato che quella era la sua unica figlia, e la moglie gli era morta di parto. Oltretutto quella figlia era il suo unico sostegno, perché la vista l’aveva quasi abbandonato e di risuolare le scarpe non ne aveva più la forza. Quando il corteo arrivò al cimitero, e i becchini stavano per coprire la bara, il Sindaco gridò:

– Fermi tutti! Luanella si muove!

Il padre della ragazza per un attimo sperò in un miracolo, e quasi s’aspettava di vedere Luanella rialzarsi e gettargli le braccia al collo, ma Luanella non si muoveva.

– Ecco, guardate, ha mosso un dito! Avete visto? – ripeté il Sindaco.

Martino Ferro*

*Martino Ferro ha pubblicato con Einaudi il romanzo Il primo che sorride (Premio Calvino, 2005) e La 21ª donna. È sceneggiatore, autore radiofonico e televisivo (I soliti idioti, Mtv).

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende