Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Luanella Fontanabella e la mancanza d’acqua:

Luanella Fontanabella e la mancanza d’acqua

ottobre 4, 2011 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del libro di fiabe “C’era una svolta”, di Martino Ferroedito da Edizioni Ambiente (pag. 160 , 12.00 euro ).

Una volta il Signore e San Pietro giunsero in un paese a tarda sera.

“Finalmente, adesso potrò bagnarmi la gola!”, pensò Pietro, poiché in tutto il giorno non aveva bevuto neanche una goccia, e aveva più sete di Mosè nel deserto. Cercarono una fontana, ma quelle che trovarono erano tutte a secco.

– Va’ a bussare a quella porta – disse il Signore. Pietro andò e gli aprì una donna.

– Mi darebbe un bicchier d’acqua, buona donna?

– Certo, come no! È più di un anno che non piove, e la poca acqua che ho la vado a dare a uno straniero!

E gli chiuse la porta in faccia. Pietro si disperò, ma il Signore gli disse:

– Va’ a chiedere in quel bar – e Pietro andò.

Dieci euro vogliono, per un bicchier d’acqua – disse tornando.

– Presto me li dia, che la gola mi arde come una fornace!

– Pietro, ti sembra giusto pagare dieci euro per un bicchier d’acqua?

– Ma lei possiede tutte le ricchezze di questo mondo, cosa sono per lei dieci euro?

Il Signore non ne volle sapere, e Pietro si disperò ancora di più, tanto che avrebbe voluto piangere per potersi bere le lacrime.

In quel mentre passarono davanti al palazzo del Sindaco.

– Va’ a chiedere al Sindaco, vedrai che ti darà da bere. Pietro andò ma il Sindaco non lo fece neanche entrare, gli disse che era più di un anno che non pioveva e d’andare a cercare acqua da un’altra parte. A quel punto Pietro andò su tutte le furie:

– Ma lo sa lei chi sono io? Sono San Pietro! E quello là è il Signore!

A sentire queste parole, il Sindaco si prodigò in mille scuse e rincrescimenti, e offrì acqua, vino e pietanze d’ogni genere, ma il Signore non ne volle sapere, riprese il suo cammino e ordinò a Pietro di seguirlo. Pietro obbedì, ma subito ricominciò a lamentarsi e a disperarsi peggio di prima.

– Ma come! Quello ci dava da bere, e pure da riempirci lo stomaco! E poi via, a lei basterebbe una sola parola, e tutte le fontane del paese riprenderebbero a buttare acqua!

– E ti pare che un tale paese meriti una tale grazia? – ma Pietro non ascoltava ragione e continuava a disperarsi.

A sentire quei lamenti, dal giardino del Sindaco si affacciò una bellissima ragazza:

– Straniero, cosa ti capita di tanto brutto che sento le grida fin dal giardino?

– È che non bevo da un giorno, e la gola mi arde come una fornace!

La ragazza ne ebbe compassione, si allontanò e subito tornò con una brocca d’acqua fresca. Quando Pietro si fu dissetato, il Signore gli disse:

– Va’, Pietro, e porta alla ragazza questo bastone, come ri compensa del suo buon cuore. Dille che dove pianterà il bastone, lì sorgerà una fonte d’acqua pura.

E così Pietro fece, e poi si rimise in viaggio col Signore.

La ragazza, che faceva di nome Luanella, e lavorava come cameriera nel palazzo del Sindaco, subito corse a portare il bastone al padrone.

– Sindaco, guardi cos’ho qui: un bastone che dove lo si pianta, sorge una fonte d’acqua!

Il Sindaco lì per lì non ci voleva credere, ma Luanella, oltre che bella, era una ragazza seria e onesta, e così il Sindaco decise di fare una prova. Raggiunse la fontana del giardino, ci piantò dentro il bastone, e quella dopo un attimo si mise a zampillare da tutte le parti. Il Sindaco dalla contentezza non stava più nella pelle.

– Presto – disse Luanella. – Portiamola in piazza!

– Certo, prima però fammi godere un pochino di questo spettacolo, che è un anno che la fontana è a secco, e ogni giorno a vederla vuota mi si stringe il cuore!

E così Luanella si allontanò tutta contenta, e nel frattempo il Sindaco mirava e rimirava la fontana e pensava: “Se Luanella porta il bastone in piazza, non ci sarà più acqua per la mia fontana…”.

Detto fatto, chiamò una guardia e gli comandò di fermare Luanella prima che parlasse con qualcuno, di portarla fuori dal paese, di cavarle il cuore e di riportarglielo indietro come prova.

E così fece la guardia, e tornò indietro con il cuore di Luanella in un sacchetto.

– Hai fatto? – chiese il Sindaco.

– Ho fatto, però ne ho avuto una gran pena.

Quando ha visto il pugnale ha capito e ha gridato: “Ah, non avessi mai incontrato quei due stranieri che mi hanno regalato il bastone!”.

A quel punto il Sindaco fece due più due e capì che il bastone glielo avevano dato il Signore e San Pietro. Subito prese a disperarsi:

– Adesso l’anima di Luanella, buona com’era, salirà di certo in Paradiso, e racconterà tutto per filo e per segno. Io sarò dannato, e il bastone smetterà di buttare acqua! Ah, darei l’anima al Diavolo, purché quella di Luanella rimanesse sospesa a mezz’aria, e non arrivasse mai in cielo.

A queste parole, come dal niente spuntò fuori un giovane elegante e di buone maniere:

– Quel che desideri sarà fatto –, disse al Sindaco, – ma ricorda che il corpo di Luanella non dovrà essere mai sepolto, e una candela dovrà sempre rimanere accesa vicino al suo cuore.

L’indomani si celebrarono i funerali di Luanella. Il padre, un pover’uomo che faceva il ciabattino, si consumò gli occhi dal pianto, dato che quella era la sua unica figlia, e la moglie gli era morta di parto. Oltretutto quella figlia era il suo unico sostegno, perché la vista l’aveva quasi abbandonato e di risuolare le scarpe non ne aveva più la forza. Quando il corteo arrivò al cimitero, e i becchini stavano per coprire la bara, il Sindaco gridò:

– Fermi tutti! Luanella si muove!

Il padre della ragazza per un attimo sperò in un miracolo, e quasi s’aspettava di vedere Luanella rialzarsi e gettargli le braccia al collo, ma Luanella non si muoveva.

– Ecco, guardate, ha mosso un dito! Avete visto? – ripeté il Sindaco.

Martino Ferro*

*Martino Ferro ha pubblicato con Einaudi il romanzo Il primo che sorride (Premio Calvino, 2005) e La 21ª donna. È sceneggiatore, autore radiofonico e televisivo (I soliti idioti, Mtv).

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

agosto 10, 2017

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

“Il 25 Agosto 2017 lascerò l’Italia per raggiungere Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, da dove il 28 Agosto partirò a piedi per ripercorrere, ben 231 anni dopo, il viaggio di Wolfgang Goethe del 1786. Il viaggio di Goethe  ha avuto una grande importanza nella cultura europea e sicuramente potrebbe coincidere con l’inizio del mito del [...]

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

agosto 4, 2017

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

RÖFIX, azienda austriaca presente in Italia dal 1980, ha lanciato una nuova linea di prodotti industriali per la bioedilizia a base di canapa a marchio “CalceClima Canapa“. I prodotti CalceClima – intonaco e finitura a base di canapulo e calce idraulica naturale – hanno già ottenuto il marchio di qualità Natureplus, che certifica la loro [...]

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

agosto 4, 2017

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

E’ stato prorogato fino al 7 settembre alle ore 13.00 il termine per la presentazione delle candidature per il CRESCO Award – Città sostenibili, il premio promosso da Fondazione Sodalitas e ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), in partnership con alcune aziende impegnate sul fronte della sostenibilità, per valorizzare la spinta innovativa dei Comuni italiani nel mettere [...]

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

agosto 3, 2017

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

Anche il lavaggio dell’automobile, in tempi di siccità, finisce sotto accusa per l’eccessivo  e inutile spreco di acqua. Un’ordinanza diffusa in alcune città italiane vieta infatti ai cittadini  l’utilizzo improprio  di  acqua destinata ad azioni quotidiane, come irrigare superfici private adibite ad attività sportive, riempire piscine private, alimentare impianti di condizionamento, pulizia e lavaggio della fossa  biologica o “lavare [...]

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

agosto 3, 2017

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

Torino sarà una delle città, con Berlino, Manchester e Göteborg, dove si testerà il servizio MaaS (acronimo di Mobility as a Service). La Città, insieme alla società partecipata 5T, è infatti tra i partner di IMove,  progetto del programma europeo Horizon 2020 che ha tra i suoi obiettivi la realizzazione di un servizio MaaS, che [...]

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

agosto 1, 2017

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

Mancano poche ore ormai al 2 agosto, il cosiddetto Earth Overshoot Day 2017 (o Giorno del superamento delle risorse della Terra), la giornata in cui l’umanità avrà usato l’intero “budget” annuale di risorse naturali. Stando ai dati a disposizione, il Global Footprint Network ha stimato che per soddisfare il nostro fabbisogno attuale di risorse naturali [...]

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

luglio 31, 2017

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

Sabato 2 e domenica 3 settembre 2017 a Rivalta di Lesignano De’ Bagni, in provincia di Parma, torna per il quarto anno l’appuntamento del “Rural Festival“, dedicato alla varietà di produzioni artigianali locali di agricoltori e allevatori: un invito alla scoperta e all’assaggio di prodotti di antiche razze animali e varietà vegetali. L’area protetta di biodiversità [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende