Home » Bollettino Europa »Rubriche » Nuova PAC: produrre di più inquinando meno. Intervista a Paolo De Castro:

Nuova PAC: produrre di più inquinando meno. Intervista a Paolo De Castro

gennaio 24, 2011 Bollettino Europa, Rubriche

Paolo De Catro, Courtesy of giuseppemelpignano.blog.tiscali.itA piccoli passi per riformare quella che rimane “la più importante - per storia e peso - delle politiche europee“: la Pac. La Politica Agricola Comune è in ballo dall’8 novembre scorso ed entro l’estate si attendono le proposte legislative.

Paolo De Castro, Presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo, ha raccontato a Greenews.info l’iter, i nodi e gli obiettivi della riforma. premettendo: “La sfida dell’agricoltura è la lotta al cambiamento climatico. Questa è la strada del futuro”.

D) Partiamo dall’iter della riforma. Ci può spiegare quali saranno i prossimi passi?

R) Con la presentazione della  Comunicazione della Commissione UE dello scorso 18 novembre, è iniziato ufficialmente il percorso di riforma della politica agricola comune dopo il 2013. Un percorso lungo e difficile nel quale, nei prossimi mesi, saremo impegnati al Parlamento Europeo, a partire dall’approvazione del Rapporto sulla Comunicazione di novembre. Successivamente, si passerà alle proposte legislative, attese entro l’estate. Ci apprestiamo a riformare quella che rimane la più importante – per storia e peso - delle politiche europee. Un lavoro di revisione che riguarderà tutti gli interventi di politica agricola comune, sia quelli del così detto “primo pilastro” (aiuti diretti per gli agricoltori e misure di mercato) sia la programmazione di sviluppo rurale. Ma al di là di tutto, ciò che occorre è produrre di più inquinando meno: è questa la sfida che anche l’agricoltura europea avrà di fronte nei prossimi anni. Preservare il potenziale agricolo europeo e incentivare attraverso di esso la produzione di valori pubblici (lotta al cambiamento climatico, salvaguardia ambientale, risparmio idrico, sviluppo socio – economico delle aree rurali) deve essere la strada del futuro.

D) Può spiegare ai non addetti ai lavori cosa si intende quando si parla di “aiuti disaccoppiati”, un termine oscuro alla maggior parte dei lettori, che si trova spesso sulla stampa?

R) Gli aiuti disaccoppiati vennero introdotti nel 2003 quando, l’allora Commissario all’Agricoltura Franz Fischler (da cui prende il nome la Riforma) propose una serie di innovazioni che disegnavano un nuovo volto della Pac. In questa direzione vennero fissati alcuni elementi chiave, tra cui l’introduzione di un aiuto diretto al reddito disaccoppiato”, vale a dire completamente svincolato dalla produzione, la cui concessione è legata al rispetto di criteri di sostenibilità ambientale e sociale dell’attività agricola. Una svolta epocale, che sancisce il passaggio da un aiuto legato allo status di agricoltore, ad uno che compensa i comportamenti attivi nei confronti della società: l’imprenditore agricolo europeo può accedere al pagamento solo se esercita la sua attività nel rispetto di criteri generali, finalizzati a perseguire la salvaguardia ambientale, il benessere animale, la sicurezza alimentare. In altri termini, viene premiato il suo contributo alla creazione di servizi socialmente desiderabili.

D) Perché il tema degli agricoltori attivi, è un tema così scottante?

R) Il tema degli agricoltori attivi è stato introdotto dalla Comunicazione che ho citato prima. In quel documento, si fa riferimento alla necessità di prevedere, nella nuova Pac, un sistema di pagamenti diretti che dovrebbe andare di pari passo con una migliore definizione e un più chiaro orientamento del sostegno verso i soli agricoltori in attività. Un aspetto importante ma, al tempo stesso, che necessita di un adeguato livello di definizione non riscontrabile all’interno del documento d’indirizzo UE. Su tale ambito, lavoreremo in Parlamento nei prossimi mesi per procedere ad una definizione del concetto diagricoltore attivo” che sia coerente con lo scenario attuale e congruo rispetto alle sfide e alle responsabilità che l’agricoltura europea si troverà ad affrontare nel prossimo futuro.

D) Presidente, quali sono le principali difficoltà per attuare la riforma della Pac del dopo-2013?

R) Le difficoltà, come dicevo, non sono poche. Il primo importante passo, sarà quello di eliminare le criticità contenute nella Comunicazione della Commissione, che rappresenta comunque la base su cui costruire la riforma. Tra queste, la necessità di prevedere una maggiore flessibilità nella gestione delle risorse da parte degli Stati membri; l’individuazione di un sistema di variabili che scongiuri il rischio di impatti distorsivi su territori e settori derivanti dalla nuova distribuzione delle envelope nazionali; strumenti ad hoc e specifiche riserve di bilancio per gestire le crisi di mercato; misure per riequilibrare e stabilizzare le relazioni all’interno della filiera alimentare tra gli anelli più deboli e le fasi a valle. Successivamente, il lavoro si concentrerà sulla valutazione e l’approvazione delle proposte legislative. Il tutto, non potrà in alcun modo prescindere da un adeguato livello di risorse finanziarie. È questa, infatti, la condizione necessaria e sufficiente per approvare una riforma della Pac ambiziosa, in linea con quanto espresso a larghissima maggioranza dal Parlamento attraverso il Rapporto dell’8 luglio scorso.

D) Quale è la situazione dell’agricoltura in Italia?

R) Quella italiana è un agricoltura unica al mondo in quanto a patrimonio produttivo. Un settore che ha nella distintività, tipicità e qualità, i principali elementi di forza. Tuttavia, spesso, il nostro sistema non è in grado di tradurre in reddito tali importanti potenzialità. Una condizione aggravata dalla crisi economico-finanziaria e dalla inattività del Governo che, negli ultimi due anni, non solo non ha introdotto strumenti e misure straordinarie (così come avvenuto nei principali paesi dell’Unione Europea) ma, in molti casi, non ha garantito neanche quegli interventi che, per anni, avevano caratterizzato l’ordinarietà per il settore. Nel prossimo futuro, la parola d’ordine per i nostri agricoltori deve essere internazionalizzazione. Un’opportunità, che per essere sfruttata, necessita di un adeguato livello strutturale e organizzativo della base produttiva così come della stabilizzazione dei rapporti tra gli attori della filiera.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

agosto 10, 2017

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

“Il 25 Agosto 2017 lascerò l’Italia per raggiungere Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, da dove il 28 Agosto partirò a piedi per ripercorrere, ben 231 anni dopo, il viaggio di Wolfgang Goethe del 1786. Il viaggio di Goethe  ha avuto una grande importanza nella cultura europea e sicuramente potrebbe coincidere con l’inizio del mito del [...]

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

agosto 4, 2017

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

RÖFIX, azienda austriaca presente in Italia dal 1980, ha lanciato una nuova linea di prodotti industriali per la bioedilizia a base di canapa a marchio “CalceClima Canapa“. I prodotti CalceClima – intonaco e finitura a base di canapulo e calce idraulica naturale – hanno già ottenuto il marchio di qualità Natureplus, che certifica la loro [...]

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

agosto 4, 2017

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

E’ stato prorogato fino al 7 settembre alle ore 13.00 il termine per la presentazione delle candidature per il CRESCO Award – Città sostenibili, il premio promosso da Fondazione Sodalitas e ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), in partnership con alcune aziende impegnate sul fronte della sostenibilità, per valorizzare la spinta innovativa dei Comuni italiani nel mettere [...]

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

agosto 3, 2017

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

Anche il lavaggio dell’automobile, in tempi di siccità, finisce sotto accusa per l’eccessivo  e inutile spreco di acqua. Un’ordinanza diffusa in alcune città italiane vieta infatti ai cittadini  l’utilizzo improprio  di  acqua destinata ad azioni quotidiane, come irrigare superfici private adibite ad attività sportive, riempire piscine private, alimentare impianti di condizionamento, pulizia e lavaggio della fossa  biologica o “lavare [...]

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

agosto 3, 2017

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

Torino sarà una delle città, con Berlino, Manchester e Göteborg, dove si testerà il servizio MaaS (acronimo di Mobility as a Service). La Città, insieme alla società partecipata 5T, è infatti tra i partner di IMove,  progetto del programma europeo Horizon 2020 che ha tra i suoi obiettivi la realizzazione di un servizio MaaS, che [...]

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

agosto 1, 2017

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

Mancano poche ore ormai al 2 agosto, il cosiddetto Earth Overshoot Day 2017 (o Giorno del superamento delle risorse della Terra), la giornata in cui l’umanità avrà usato l’intero “budget” annuale di risorse naturali. Stando ai dati a disposizione, il Global Footprint Network ha stimato che per soddisfare il nostro fabbisogno attuale di risorse naturali [...]

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

luglio 31, 2017

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

Sabato 2 e domenica 3 settembre 2017 a Rivalta di Lesignano De’ Bagni, in provincia di Parma, torna per il quarto anno l’appuntamento del “Rural Festival“, dedicato alla varietà di produzioni artigianali locali di agricoltori e allevatori: un invito alla scoperta e all’assaggio di prodotti di antiche razze animali e varietà vegetali. L’area protetta di biodiversità [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende