Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Pagliacci dentro”: lo strano mondo animale degli uomini:

“Pagliacci dentro”: lo strano mondo animale degli uomini

ottobre 25, 2011 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del libro “Pagliacci dentro”, di Simone Falorniedito da Giovane Holden Edizioni (pag.208, 12.00 euro ).

Mi calmo, credo sia terminata la discussione, ma i ricci di Enrica sono una foresta di punti interrogativi: “Come ti è venuto in mente quel titolo?… Cellule… Come hai fatto a pensarci?”

“Non ci ho pensato… è venuto.”

“Ci sarà una logica dietro…”

Cerco di organizzare un discorso breve ed efficace. Più chiaro sono e prima finisce questo interrogatorio.

“Sono sempre stato attratto dal funzionamento degli organismi. Mi piaceva osservali, studiarli. La nascita di una pianta o di un animale, la loro evoluzione, il loro adattamento all’ambiente e la loro capacità di resistenza ad agenti esterni: erano fenomeni che dovevo assolutamente capire. Darwin era il mio eroe. La laurea in biologia è stata una passeggiata. Poi, iniziai a fissarmi sul corpo umano. Divoravo libri di anatomia. Volevo fare medicina, ma a ventitré anni iniziai a uscire dai laboratori e dalle biblioteche. Cominciai a essere attratto da un altro organismo, molto più grande e complesso. La società. Dissi addio all’allegro chirurgo e iniziai letture di filosofi, sociologi, economisti, ma non mi bastava. I comportamenti sociali erano assai più difficili da comprendere di quelli biologici. Spesso erano contrari alla natura. Mi inscrissi a scienze politiche e macinai esami su esami. Dopo il dottorato, mi aggiudicai il concorso e convinsi il dipartimento ad attivare un corso di economia ecologica, un approccio di studio che incentra le sue analisi sul rapporto tra i limiti dell’ecosistema e il benessere delle persone, alla ricerca di un equilibrio. Avrei potuto tranquillamente chiamarla economia delle contraddizioni! Più studiavo, e più si generavano domande. Risposte, poche. Mi venne in mente così di abbandonare la visione macro, la ricerca di un nuovo paradigma sostenuto da modelli matematici e di concentrarmi sul comportamento delle persone. D’altronde, la teorie economiche e sociali nascono proprio osservando le scelte individuali. L’essere umano costituisce la cellula della società. Cominciai così, ad annotare parallelismi tra il funzionamento del corpo umano e delle sue cellule e il comportamento delle persone nella società. Il libro lo conosci e, quindi, non devo spiegartelo.”

“Wow, professore… A psichiatria, certi dottori parlano ancora di Cellule…”

“Già, ho attirato l’attenzione anche dei medici, che si sono messi a sindacare sull’esattezza scientifica di certe mie affermazioni… Non avevano capito che la mia era solo una grande metafora, non un trattato di biologia molecolare.”

“Se volevi suscitare discussione, ci sei riuscito.”

“Non era quella la discussione che volevo generare.”

“Insomma, volevi dire che la società dovrebbe funzionare come un corpo umano in buona salute e quindi, quando le cellule si comportano diversamente da come dovrebbero, occorre curarle. Dunque, le persone che si comportano in maniera tale da compromettere la salute della società e del pianeta, devono essere aiutate… educate.”

“No. Non puoi banalizzare così…” mi sta tornando il nervoso.

“Non volevo banalizzare, ho solo tentato una sintesi…”

“Sintesi sbagliata.”

“Guarda che, per comunicare, occorre essere sintetici, non puoi mica pensare di parlare ore per farti capire…”

“E tu che ne sai?”

“Lavoro con persone con le quali non è facile comunicare. Devo trovare le parole giuste, i tempi, i gesti, il tono della voce. Sono io che devo capire loro, non il contrario… Un mio insegnante delle medie diceva sempre che quando gli allievi non capiscono, un docente non deve chiedere se hanno compreso la lezione, ma se si è spiegato bene.”

“Io non dovevo spiegare qualcosa a una singola persona. Scrivevo su riviste, parlavo alla tv. Non avevo rapporti diretti.”

“Ma con me, oggi, ce l’hai, e ti lamenti che non capisco… il tuo problema è che non riesci a comunicare come vorresti.”

“Basta… non ho più voglia delle tue lezioni, non eri venuta a scusarti per la tua saccenza?”

“Non ti arrabbiare, non ti voglio vedere come quella sera.”

“Quella sera? Cosa stai dicendo?… Tu non c’eri quella sera, che ne sai?” gli occhi mi si incendiano.

“La tua performance è su Youtube… cliccatissima!”

Mi sento gelare il sangue. Pietrifico guardando fisso il posacenere. Dimentico immediatamente la discussione sulle mie spiegazioni mal riuscite. Nella mia testa rivedo la pagliacciata di quella sera. Ogni dettaglio, ogni espressione delle persone che mi guardavano basite. Non riesco a stoppare questo film e mi vergogno pensando che quello show sia visto da migliaia di persone. Cerco un tasto da premere sulla sedia per poter sprofondare negli abissi dell’oblio.

“Lasciami solo…” dico serio e assorto, ma Enrica ha approfittato della mia distrazione e si è messa a ficcare il naso nel mio faldone che raccoglie le news scientifiche.

“Lo immaginavo…” dice lei.

“Come ti permetti, non toccare…” sono infuriato.

“Tu hai la fibromialgia.”

“Vattene,” mi alzo rapido nascondendo il dolore.

“Okay, okay, me ne vado, ma ti devo fare una proposta…” mi dice ormai sulla porta.

“Vattene,” sbatto l’uscio.

Mi butto sul letto. Il rum, le sigarette, le corde dei lillipuziani ingaggiati da Nichi, la colata lavica sulla schiena e quelle discussioni con Enrica hanno esaurito le mie scarse riserve energetiche. Neppure il do di petto di Ridi Pagliaccio potrebbe risollevarmi. Chiudo gli occhi e provo a dormire.

Simone Falorni*

*Nessuno ha mai capito bene di cosa si occupi. Sembra sia laureato e addirittura ‘masterizzato’, ma non si sa bene in che cosa. L’unica notizia certa è che sono materie che riguardano l’economia e l’ecologia, ma forse anche la politica. Qualcuno giura di averlo visto insegnare all’Università, ma non è dato sapere in quale città. Si possono trovare manuali, ricerche e articoli pseudo scientifici da lui curati, ma è possibile si tratti di un omonimo. Molti gli attribuiscono doti di grande organizzatore, pare abbia contribuito alla realizzazione di importanti eventi culturali, altri lo considerano un lupo solitario che si diletta nel fare foto e recensire osterie per conto di Slow Food. Si mormora che sia un grande appassionato di medicina integrata e che stia studiando per diventare naturopata. Tra le cose che ha fatto, vere o presunte, sicuramente ha scritto un romanzo.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende