Home » Rubriche »Very Important Planet » Regina degli abissi e dell’apnea. Il mare profondo di Chiara Obino:

Regina degli abissi e dell’apnea. Il mare profondo di Chiara Obino

settembre 9, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Madre di due bambine, dentista nella vita professionale, ma campionessa del mondo in carica (formula due pinne) con tanto di record mondiale di apnea, quando il 29 agosto scorso a Villasimius, in Sardegna, ha superato i limiti mondiali della disciplina, con una discesa negli abissi a -80 metri. Chiara Obino, culla a Torino, ma vita sarda, ha aggiunto un altro tassello importante al suo ricco curriculum, che vantava già il titolo di vice campionessa mondiale e tre record italiani. Una star dei fondali e una grande donna fuori dall’acqua, che riesce a conciliare il ruolo di genitore e di libera professionista con una passione che richiede enorme sforzo e sacrifici.

D) Chiara una vita per il mare, come è iniziata la tua passione?

R) Sono stata una bambina appassionata di mare e di fondali, mi tuffavo dagli scogli, cercavo con la maschera di riconoscere ogni creatura, ogni forma di vita che il mare offriva ai miei occhi. Pescavo i polpi con le mani e giocavo con loro. Ricordo quegli anni con grande emozione. Il mare mi è sempre stato compagno, teatro di estati magiche o rifugio di inverni uggiosi…

D) Quanto ha contato e influito sulla tua carriera sportiva vivere in Sardegna?

R) Vivere nell’isola è una grande fortuna, per l’apnea e non solo. Una natura potente e rigogliosa, una terra circondata da un mare cristallino con spiagge bianchissime e scogliere di granito modellate dal vento. Sono sempre stata affascinata dalla maniera in cui la natura regna, e la Sardegna è una terra molto generosa sotto questo profilo. Coniugare gli studi prima e la professione ora (sono una dentista) con l’apnea profonda non sarebbe stato possibile in una città  senza il mare.

D) Il 29 agosto hai  battuto un record mondiale, superando la barriera dei – 80 metri,  che tipo di emozioni hai provato? Un risultato che arriva sicuramente dopo un lungo lavoro di preparazione e allenamento…

R) Un record è l’espressione di impegno, passione, dedizione. Troppo spesso si pensa che il record sia il fine, in realtà è un mezzo. Un mezzo di crescita personale, uno strumento impareggiabile di introspezione e confronto, un appuntamento al buio con un grande amore. In questi anni ho imparato a riconoscere le mie paure e confrontarmi con esse, a identificare i miei limiti e accettarli prima di pensare di superarli, ad accettare le sconfitte ma pure a puntare sempre più in là. Raccogliere il risultato tangibile di un tale processo di ricerca interiore è una grandissima soddisfazione, un’ emozione unica e difficile da restituire con le parole. È ciò che ti spinge ad andare avanti, sempre più giù, nel profondo del mare e dell’anima.

D) In Brasile, alle Olimpiadi,  l’inquinamento dell’acqua era evidente  durante le prove in mare. Quanto conta l’acqua pulita per l’apnea?

R) E’ fondamentale poter contare su acque pulite, non solo perché una buona visibilità rende più piacevole avventurarsi negli abissi, ma anche per la sicurezza. La squadra di assistenza segue a vista la discesa e la risalita e tutti devono contare su acque libere da ostacoli come buste di plastica o altro in cui si potrebbe restare accidentalmente intrappolati.

D) Che consigli ti senti di dare  ai nostri lettori per contribuire a ridurre l’inquinamento del mare?

R) Innanzitutto di amare il mare, imparare a considerarlo casa nostra. Partendo da qui si può coltivare un senso profondo di rispetto per esso e le sue creature. Il resto viene da se: non abbandonare rifiuti, mozziconi di sigarette, ridurre lo spreco di acqua e detersivi, rispettare le norme della navigazione, ridurre l’inquinamento acustico…

D) Quali sono le tue azioni quotidiane, anche fuori dall’acqua, per difendere l’ambiente?

R) Difficile rispondere a questa domanda. Vivo l’amore per la natura d’istinto, cerco di fare del mio meglio ogni giorno e lo faccio in maniera spontanea. Ma ovviamente non è abbastanza. E’ indispensabile riuscire in una vera e propria rivoluzione sociale in senso ambientalista, ma gli interessi più potenti muovono ancora in direzione opposta…

D) Chiara, qual è secondo te l’emergenza ambientale  più urgente del nostro tempo?

R) L’inquinamento dell’aria, bene primario da cui dipende la vita, e quello delle acque che comporta la contaminazione della stragrande maggioranza delle risorse alimentari; andando così a colpire chiunque, dal neonato all’anziano. Ma a volte sembra che questo problema ambientale  interessi troppo poco…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende