Home » Rubriche »Very Important Planet » Regina degli abissi e dell’apnea. Il mare profondo di Chiara Obino:

Regina degli abissi e dell’apnea. Il mare profondo di Chiara Obino

settembre 9, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Madre di due bambine, dentista nella vita professionale, ma campionessa del mondo in carica (formula due pinne) con tanto di record mondiale di apnea, quando il 29 agosto scorso a Villasimius, in Sardegna, ha superato i limiti mondiali della disciplina, con una discesa negli abissi a -80 metri. Chiara Obino, culla a Torino, ma vita sarda, ha aggiunto un altro tassello importante al suo ricco curriculum, che vantava già il titolo di vice campionessa mondiale e tre record italiani. Una star dei fondali e una grande donna fuori dall’acqua, che riesce a conciliare il ruolo di genitore e di libera professionista con una passione che richiede enorme sforzo e sacrifici.

D) Chiara una vita per il mare, come è iniziata la tua passione?

R) Sono stata una bambina appassionata di mare e di fondali, mi tuffavo dagli scogli, cercavo con la maschera di riconoscere ogni creatura, ogni forma di vita che il mare offriva ai miei occhi. Pescavo i polpi con le mani e giocavo con loro. Ricordo quegli anni con grande emozione. Il mare mi è sempre stato compagno, teatro di estati magiche o rifugio di inverni uggiosi…

D) Quanto ha contato e influito sulla tua carriera sportiva vivere in Sardegna?

R) Vivere nell’isola è una grande fortuna, per l’apnea e non solo. Una natura potente e rigogliosa, una terra circondata da un mare cristallino con spiagge bianchissime e scogliere di granito modellate dal vento. Sono sempre stata affascinata dalla maniera in cui la natura regna, e la Sardegna è una terra molto generosa sotto questo profilo. Coniugare gli studi prima e la professione ora (sono una dentista) con l’apnea profonda non sarebbe stato possibile in una città  senza il mare.

D) Il 29 agosto hai  battuto un record mondiale, superando la barriera dei – 80 metri,  che tipo di emozioni hai provato? Un risultato che arriva sicuramente dopo un lungo lavoro di preparazione e allenamento…

R) Un record è l’espressione di impegno, passione, dedizione. Troppo spesso si pensa che il record sia il fine, in realtà è un mezzo. Un mezzo di crescita personale, uno strumento impareggiabile di introspezione e confronto, un appuntamento al buio con un grande amore. In questi anni ho imparato a riconoscere le mie paure e confrontarmi con esse, a identificare i miei limiti e accettarli prima di pensare di superarli, ad accettare le sconfitte ma pure a puntare sempre più in là. Raccogliere il risultato tangibile di un tale processo di ricerca interiore è una grandissima soddisfazione, un’ emozione unica e difficile da restituire con le parole. È ciò che ti spinge ad andare avanti, sempre più giù, nel profondo del mare e dell’anima.

D) In Brasile, alle Olimpiadi,  l’inquinamento dell’acqua era evidente  durante le prove in mare. Quanto conta l’acqua pulita per l’apnea?

R) E’ fondamentale poter contare su acque pulite, non solo perché una buona visibilità rende più piacevole avventurarsi negli abissi, ma anche per la sicurezza. La squadra di assistenza segue a vista la discesa e la risalita e tutti devono contare su acque libere da ostacoli come buste di plastica o altro in cui si potrebbe restare accidentalmente intrappolati.

D) Che consigli ti senti di dare  ai nostri lettori per contribuire a ridurre l’inquinamento del mare?

R) Innanzitutto di amare il mare, imparare a considerarlo casa nostra. Partendo da qui si può coltivare un senso profondo di rispetto per esso e le sue creature. Il resto viene da se: non abbandonare rifiuti, mozziconi di sigarette, ridurre lo spreco di acqua e detersivi, rispettare le norme della navigazione, ridurre l’inquinamento acustico…

D) Quali sono le tue azioni quotidiane, anche fuori dall’acqua, per difendere l’ambiente?

R) Difficile rispondere a questa domanda. Vivo l’amore per la natura d’istinto, cerco di fare del mio meglio ogni giorno e lo faccio in maniera spontanea. Ma ovviamente non è abbastanza. E’ indispensabile riuscire in una vera e propria rivoluzione sociale in senso ambientalista, ma gli interessi più potenti muovono ancora in direzione opposta…

D) Chiara, qual è secondo te l’emergenza ambientale  più urgente del nostro tempo?

R) L’inquinamento dell’aria, bene primario da cui dipende la vita, e quello delle acque che comporta la contaminazione della stragrande maggioranza delle risorse alimentari; andando così a colpire chiunque, dal neonato all’anziano. Ma a volte sembra che questo problema ambientale  interessi troppo poco…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende