Home » Rubriche »Very Important Planet » Regina degli abissi e dell’apnea. Il mare profondo di Chiara Obino:

Regina degli abissi e dell’apnea. Il mare profondo di Chiara Obino

settembre 9, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Madre di due bambine, dentista nella vita professionale, ma campionessa del mondo in carica (formula due pinne) con tanto di record mondiale di apnea, quando il 29 agosto scorso a Villasimius, in Sardegna, ha superato i limiti mondiali della disciplina, con una discesa negli abissi a -80 metri. Chiara Obino, culla a Torino, ma vita sarda, ha aggiunto un altro tassello importante al suo ricco curriculum, che vantava già il titolo di vice campionessa mondiale e tre record italiani. Una star dei fondali e una grande donna fuori dall’acqua, che riesce a conciliare il ruolo di genitore e di libera professionista con una passione che richiede enorme sforzo e sacrifici.

D) Chiara una vita per il mare, come è iniziata la tua passione?

R) Sono stata una bambina appassionata di mare e di fondali, mi tuffavo dagli scogli, cercavo con la maschera di riconoscere ogni creatura, ogni forma di vita che il mare offriva ai miei occhi. Pescavo i polpi con le mani e giocavo con loro. Ricordo quegli anni con grande emozione. Il mare mi è sempre stato compagno, teatro di estati magiche o rifugio di inverni uggiosi…

D) Quanto ha contato e influito sulla tua carriera sportiva vivere in Sardegna?

R) Vivere nell’isola è una grande fortuna, per l’apnea e non solo. Una natura potente e rigogliosa, una terra circondata da un mare cristallino con spiagge bianchissime e scogliere di granito modellate dal vento. Sono sempre stata affascinata dalla maniera in cui la natura regna, e la Sardegna è una terra molto generosa sotto questo profilo. Coniugare gli studi prima e la professione ora (sono una dentista) con l’apnea profonda non sarebbe stato possibile in una città  senza il mare.

D) Il 29 agosto hai  battuto un record mondiale, superando la barriera dei – 80 metri,  che tipo di emozioni hai provato? Un risultato che arriva sicuramente dopo un lungo lavoro di preparazione e allenamento…

R) Un record è l’espressione di impegno, passione, dedizione. Troppo spesso si pensa che il record sia il fine, in realtà è un mezzo. Un mezzo di crescita personale, uno strumento impareggiabile di introspezione e confronto, un appuntamento al buio con un grande amore. In questi anni ho imparato a riconoscere le mie paure e confrontarmi con esse, a identificare i miei limiti e accettarli prima di pensare di superarli, ad accettare le sconfitte ma pure a puntare sempre più in là. Raccogliere il risultato tangibile di un tale processo di ricerca interiore è una grandissima soddisfazione, un’ emozione unica e difficile da restituire con le parole. È ciò che ti spinge ad andare avanti, sempre più giù, nel profondo del mare e dell’anima.

D) In Brasile, alle Olimpiadi,  l’inquinamento dell’acqua era evidente  durante le prove in mare. Quanto conta l’acqua pulita per l’apnea?

R) E’ fondamentale poter contare su acque pulite, non solo perché una buona visibilità rende più piacevole avventurarsi negli abissi, ma anche per la sicurezza. La squadra di assistenza segue a vista la discesa e la risalita e tutti devono contare su acque libere da ostacoli come buste di plastica o altro in cui si potrebbe restare accidentalmente intrappolati.

D) Che consigli ti senti di dare  ai nostri lettori per contribuire a ridurre l’inquinamento del mare?

R) Innanzitutto di amare il mare, imparare a considerarlo casa nostra. Partendo da qui si può coltivare un senso profondo di rispetto per esso e le sue creature. Il resto viene da se: non abbandonare rifiuti, mozziconi di sigarette, ridurre lo spreco di acqua e detersivi, rispettare le norme della navigazione, ridurre l’inquinamento acustico…

D) Quali sono le tue azioni quotidiane, anche fuori dall’acqua, per difendere l’ambiente?

R) Difficile rispondere a questa domanda. Vivo l’amore per la natura d’istinto, cerco di fare del mio meglio ogni giorno e lo faccio in maniera spontanea. Ma ovviamente non è abbastanza. E’ indispensabile riuscire in una vera e propria rivoluzione sociale in senso ambientalista, ma gli interessi più potenti muovono ancora in direzione opposta…

D) Chiara, qual è secondo te l’emergenza ambientale  più urgente del nostro tempo?

R) L’inquinamento dell’aria, bene primario da cui dipende la vita, e quello delle acque che comporta la contaminazione della stragrande maggioranza delle risorse alimentari; andando così a colpire chiunque, dal neonato all’anziano. Ma a volte sembra che questo problema ambientale  interessi troppo poco…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende