Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Santa Finiamola. Il mio sogno di ferragosto:

Santa Finiamola. Il mio sogno di ferragosto

aprile 19, 2011 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” publichiamo oggi un estratto del nuovo libro “Il paese degli struzzi” di Giovanni Sartori (Edizioni Ambiente, pag. 272 , 17.50  euro), politologo e docente alla Columbia University di New York.

Siamo troppi. Lo sappiamo dalle statistiche. Tra non molto saremo, sul nostro modestissimo pianeta, sei miliardi. Quando nascevo, se ricordo bene, eravamo sui due miliardi. Per sopravvivere stiamo sempre più distruggendo la natura che ci consente di vivere.  Abbattiamo foreste, desertifichiamo terre fertili, sciupiamo l’aria, inquiniamo fiumi, laghie mari, e l’acqua dolce già non basta. Queste sono cose che sappiamo in astratto, appunto dalle statistiche. Ma l’agosto è, quantomeno per gli italiani, il mese nel quale ci accorgiamo in concreto, toccandolo con mano, di essere troppi. Le autostrade si ingorgano, dei treni è meglio non parlare, e gli aeroporti, Fiumicino in testa, sono bolge dantesche. E per scalare, e anche morire, sul Monte Bianco si fa la coda.

Quando poi il grosso dei “troppi” arriva alla meta più agognata, al mare, allora i troppi davvero si contano. Sulle spiagge roventi gli ombrelloni fanno a gomitate e, non potendo invadere la strada retrostante, entrano quasi in acqua. E anche il mare, quando non infetta, brulica. Se ti provi a nuotare in bello stile picchi subito nella ciccia circostante; e se cerchi scampo al largo rischi di essere affettato dalle eliche che ti ronzano attorno e addosso. Il bagno di folla, e anche di folla in bagno, davvero ci piace? Visto che i nostri bagnanti ferragostani non sono comandati, visto che non sono obbligati a “spiaggificarsi”, forse ai nostri ferragostani il bagno di folla – stare tutti appiccicati, sudati, unti, insabbiati – forse piace davvero. Ma forse no. Perché i forzati delle vacanze all’italiana un po’ “forzati” sono.

Andarsene per Ferragosto per noi è un dovere. Chi resta in città, a casa, disonora il casato: è un poveraccio che porta scritto in fronte di essere un morto di fame. Insomma, schiuma della terra. Comunque, anche se ci piace essere troppi, il fatto resta che davvero troppi siamo. Il biblico “Crescete e moltiplicatevi” è un’esortazione di altri tempi che andava bene sin quando sulle carte geografiche si scriveva hic sunt leones, qui stanno i leoni. Va ancora bene? Per Papa Wojtyla, sì; ma per le persone sensate non può andar bene. Il cupio multiplicandi è oramai una folle voluttà di autodistruzione, un cupio mortis.

A che serve e a chi serve la nostra dissennata corsa alla moltiplicazione incessante? In Africa serve a far crescere il numero dei morti per denutrizione o ineccidi tribali; in America Latina e molte altre parti povere del mondo per cancellare la crescita economica con una ancor maggiore crescita di bocche da sfamare. Non sono mai stato in Cina ( il solo paese intelligente che cerca davvero di limitare le nascite); ma sono stato in India, e il formicaio umano di esseri scheletrici che ho visto nel Gange e dintorni mi ha terrorizzato. Perché crescere? Perché moltiplicarsi? Per mal vivere e, alla fine, mal morire in un pianeta brucato sino all’ultimo cespuglio da miliardi e miliardi di uomini-capra?

Torniamo al Ferragosto. La Chiesa ha ritenuto di solennizzare il mezzo-mese sacro degli italiani facendone una festa della Madonna. Ma, dico la verità , non vedo il nesso. L’Assunzione della Madonna può essere celebrata in qualsiasi giorno dell’anno (tanto non si sa). E sprecare il Ferragosto a questo modo mi sembra proprio peccato. Volendone fare una festa religiosa io la dedicherei – pensando ai “troppi” – a San Troppone, o ancor meglio a San Popoloso (inventato), un santo che immagino seduto, sempre più grosso e grasso, su una Terra sempre più piccola. E volendone fare una festa utile, una festa benefica, proporrei che venga chiamata la Festa di Finimola. Finimola era il nome, nelle famiglie contadine toscane del passato, appioppato, mi pare, alla settima femmina; un nome che stava appunto per dire “ora basta” (finimola è il dialettale di finiamola, di facciamola finita). Gran saggezza dei contadini antichi. E sarebbe gran saggezza nostra se oggi dedicassimo il Ferragosto a Finimola chiamandola affettuosamente Santa Finimola. Perché no? I santi assegnati al 15 agosto sono tutti di poca fama: San Alipio, San Altfredo, San Arduino, Santa Limbania, San Neapulo, San Tarcisio. Una Santa Finimola in più non stonerebbe affatto. Anche io, in vacanza, ho un sogno: di poter tornare al mare nell’anno di grazia 2100 trovandolo pulito e visibile (dalla spiaggia dove siedo). Le probabilità che quel mare sia proprio io a vederlo sono infinitamente basse; ma anche le probabilità che quel sogno si avveri per i miei pronipoti tanto buone al momento non sono. A meno che non intervenga, si diceva, Santa Finimola.

15 agosto 1997

Giovanni Sartori*

*Giovanni Sartori è uno dei massimi studiosi della politica del nostro tempo. È stato insignito di dieci lauree honoris causa e nel 2005 ha ricevuto il prestigioso premio Príncipe de Asturias, considerato il premio Nobel delle scienze sociali. È Albert Schweitzer Professor in the Humanities alla Columbia University e professore emerito di Scienza politica all’Università di Firenze. È membro della American Academy of Arts and Sciences e della Accademia dei Lincei. Editorialista del Corriere della Sera, è tra i più autorevoli e seguiti commentatori dell’attualità politica italiana e internazionale. I suoi libri sono tradotti in più di trenta lingue.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende