Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Sebigas: il rifiuto agricolo che diventa energia:

Sebigas: il rifiuto agricolo che diventa energia

febbraio 16, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

L'impianto Sebigas di Villa di Tirano, Courtesy of Sebigas SpAIn natura nulla si distrugge, tutto si trasforma. E’ questo l’assunto da cui parte l’avventura imprenditoriale di Sebigas, l’ultima nata di Seci Energia, sub-holding del Gruppo Industriale Maccaferri di Zola Predosa (BO), che a dicembre è diventata una SpA da un milione di euro di capitale, grazie alle previsioni di fatturato per il 2011, che balzano da 15 a 50 milioni di euro.

Com’è possibile in tempi di crisi? E’ il bello della green economy, che offre, agli imprenditori più lungimiranti, la possibilità di trasformare un problema in una opportunità di business. Seci ha già vissuto questa esperienza nel 2006, con la chiusura di 6 su 7  zuccherifici a marchio Eridania, in seguito alla riforma europea per regolamentare le quote di produzione dello zucchero. “Per rispondere a questo tsunami il gruppo ha avanzato una proposta di riconversione“, ci spiega l’Ing. Raimondo Cinti, amministratore delegato di Seci Energia e presidente di Sebigas. “Visto che gli zuccherifici sono degli impianti fortemente energivori da sempre siamo partner in attività di cogenerazione. In questo caso abbiamo deciso di unire le competenze maturate dal nostro gruppo nel settore agro-industriale con quelle del settore energetico per avviare un processo di produzione da biomasse e oli vegetali attraverso il progetto Power Crop“.     

Ma ora la sfida si allarga. Se Power Crop consentirà infatti di produrre 150 MW di energia utilizzando le coltivazioni non food dei terreni un tempo dedicati alle barbabietole da zucchero, Sebigas fa un passo in più arrivando a valorizzare tutti i rifiuti e sottoprodotti della filiera agricola e zootecnica (residui colturali, vinacce, bucce di pomodoro, stocchi di mais, letami e liquami da allevamento ecc.), e cioé trasformandoli, grazie a un processo di fermentazione anaerobica, in biogas - utilizzabile per generare elettricità e calore – e digestato, un fertilizzante stabilizzato e inodore in grado di sostituire i concimi chimici di sintesi.

“Questo sistema”, ci racconta Cinti, “offre agli agricoltori un’importante forma di integrazione al reddito e risolve anche il problema degli spandimenti sollevato dalla cosiddetta direttiva nitrati e nitriti“. Per questo a Villa di Tirano, in provincia di Sondrio, 20 produttori locali, appoggiati dalla Fiper, hanno deciso di conferire, già dal 2009, i propri residui agricoli e zootecnici, dando vita al primo impianto italiano di biogas a capitale misto in territorio montano. Un esempio virtuoso in grado di produrre a regime 3 milioni e 780 mila kilowattora, con un abbattimento di circa 200 tonnellate di CO2.

D) Ing. Cinti quali sono i benefici per gli agricoltori?

R) Grazie alla tariffa onnicomprensiva, garantita per 15 anni, il reddito per l’agricoltore é certo, così come il rientro dell’investimento in 4/5 anni. Senza dimenticare il beneficio di ottenere anche energia termica gratis, utilizzabile in azienda per l’acqua calda, le serre o gli essicatoi.

D) Ma a chi si rivolge, in particolare, questa tecnologia? 

R) Le aziende agricole interessate a impianti da 1 MW hanno solitamente una taglia tale da gestire qualche centinaio di ettari di terreno. Ma possono anche essere produttori più piccoli che si associano. Quando poi un cliente ci voglia come partner noi siamo disponibili ad affiancarlo anche nell’investimento, oltre che attraverso un’assistenza tecnica continuativa. Impegnarsi a fianco dei propri clienti è un’evidenza del fatto che siamo noi i primi a credere nella bontà del progetto.

D) Dal biogas è possibile anche raffinare il biometano, che potrebbe ulteriormente contribuire a rivoluzionare il mestiere del contadino e renderlo più remunerativo. Si è parlato addirittura di “distributore del contadino“: è una prospettiva futuribile o a portata di mano?      

R) Questi impianti sono come una mucca: dipende cosa le si dà da mangiare! Il biometano è cioè funzione di cosa viene immesso nel digestore. Entrare nel circuito del gas civile è tecnologicamente possibile, l’importante è regolamentare adeguatamente questo processo. Sebigas tende a suggerire, ai propri clienti, una “dieta” che sia frutto dei prodotti agricoli dell’azienda: definito un input lei sa infatti cosa ottiene come output. In Germania si è già arrivati al “distributore del contadino”, ma in Italia l’importante è che la produzione sia normata in maniera precisa, per evitare di recare danni alle automobili e consentire uno sviluppo impiantistico su basi certe.  

D) Quali sono dunque le condizioni perché questa rivoluzione possa proseguire?

R) Abbiamo dimostrato, come paese, come classe imprenditoriale e come capacità tecniche di essere in grado di padroneggiare questi sviluppi, però per gestirli correttamente è necessario che i governi creino uno scenario stabile nel tempo, perché si tratta di investimenti ad alta intensità di capitale, che per essere ammortizzati richiedono alcuni anni. L’auspicio è infine che venga omogeneizzato il sistema delle autorizzazioni, soprattutto nelle province. Gli imprenditori devono essere messi nelle condizioni di operare con regole certe e chiare, che siano in Lombardia o in Sicilia.  

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende