Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Sebigas: il rifiuto agricolo che diventa energia:

Sebigas: il rifiuto agricolo che diventa energia

febbraio 16, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

L'impianto Sebigas di Villa di Tirano, Courtesy of Sebigas SpAIn natura nulla si distrugge, tutto si trasforma. E’ questo l’assunto da cui parte l’avventura imprenditoriale di Sebigas, l’ultima nata di Seci Energia, sub-holding del Gruppo Industriale Maccaferri di Zola Predosa (BO), che a dicembre è diventata una SpA da un milione di euro di capitale, grazie alle previsioni di fatturato per il 2011, che balzano da 15 a 50 milioni di euro.

Com’è possibile in tempi di crisi? E’ il bello della green economy, che offre, agli imprenditori più lungimiranti, la possibilità di trasformare un problema in una opportunità di business. Seci ha già vissuto questa esperienza nel 2006, con la chiusura di 6 su 7  zuccherifici a marchio Eridania, in seguito alla riforma europea per regolamentare le quote di produzione dello zucchero. “Per rispondere a questo tsunami il gruppo ha avanzato una proposta di riconversione“, ci spiega l’Ing. Raimondo Cinti, amministratore delegato di Seci Energia e presidente di Sebigas. “Visto che gli zuccherifici sono degli impianti fortemente energivori da sempre siamo partner in attività di cogenerazione. In questo caso abbiamo deciso di unire le competenze maturate dal nostro gruppo nel settore agro-industriale con quelle del settore energetico per avviare un processo di produzione da biomasse e oli vegetali attraverso il progetto Power Crop“.     

Ma ora la sfida si allarga. Se Power Crop consentirà infatti di produrre 150 MW di energia utilizzando le coltivazioni non food dei terreni un tempo dedicati alle barbabietole da zucchero, Sebigas fa un passo in più arrivando a valorizzare tutti i rifiuti e sottoprodotti della filiera agricola e zootecnica (residui colturali, vinacce, bucce di pomodoro, stocchi di mais, letami e liquami da allevamento ecc.), e cioé trasformandoli, grazie a un processo di fermentazione anaerobica, in biogas - utilizzabile per generare elettricità e calore – e digestato, un fertilizzante stabilizzato e inodore in grado di sostituire i concimi chimici di sintesi.

“Questo sistema”, ci racconta Cinti, “offre agli agricoltori un’importante forma di integrazione al reddito e risolve anche il problema degli spandimenti sollevato dalla cosiddetta direttiva nitrati e nitriti“. Per questo a Villa di Tirano, in provincia di Sondrio, 20 produttori locali, appoggiati dalla Fiper, hanno deciso di conferire, già dal 2009, i propri residui agricoli e zootecnici, dando vita al primo impianto italiano di biogas a capitale misto in territorio montano. Un esempio virtuoso in grado di produrre a regime 3 milioni e 780 mila kilowattora, con un abbattimento di circa 200 tonnellate di CO2.

D) Ing. Cinti quali sono i benefici per gli agricoltori?

R) Grazie alla tariffa onnicomprensiva, garantita per 15 anni, il reddito per l’agricoltore é certo, così come il rientro dell’investimento in 4/5 anni. Senza dimenticare il beneficio di ottenere anche energia termica gratis, utilizzabile in azienda per l’acqua calda, le serre o gli essicatoi.

D) Ma a chi si rivolge, in particolare, questa tecnologia? 

R) Le aziende agricole interessate a impianti da 1 MW hanno solitamente una taglia tale da gestire qualche centinaio di ettari di terreno. Ma possono anche essere produttori più piccoli che si associano. Quando poi un cliente ci voglia come partner noi siamo disponibili ad affiancarlo anche nell’investimento, oltre che attraverso un’assistenza tecnica continuativa. Impegnarsi a fianco dei propri clienti è un’evidenza del fatto che siamo noi i primi a credere nella bontà del progetto.

D) Dal biogas è possibile anche raffinare il biometano, che potrebbe ulteriormente contribuire a rivoluzionare il mestiere del contadino e renderlo più remunerativo. Si è parlato addirittura di “distributore del contadino“: è una prospettiva futuribile o a portata di mano?      

R) Questi impianti sono come una mucca: dipende cosa le si dà da mangiare! Il biometano è cioè funzione di cosa viene immesso nel digestore. Entrare nel circuito del gas civile è tecnologicamente possibile, l’importante è regolamentare adeguatamente questo processo. Sebigas tende a suggerire, ai propri clienti, una “dieta” che sia frutto dei prodotti agricoli dell’azienda: definito un input lei sa infatti cosa ottiene come output. In Germania si è già arrivati al “distributore del contadino”, ma in Italia l’importante è che la produzione sia normata in maniera precisa, per evitare di recare danni alle automobili e consentire uno sviluppo impiantistico su basi certe.  

D) Quali sono dunque le condizioni perché questa rivoluzione possa proseguire?

R) Abbiamo dimostrato, come paese, come classe imprenditoriale e come capacità tecniche di essere in grado di padroneggiare questi sviluppi, però per gestirli correttamente è necessario che i governi creino uno scenario stabile nel tempo, perché si tratta di investimenti ad alta intensità di capitale, che per essere ammortizzati richiedono alcuni anni. L’auspicio è infine che venga omogeneizzato il sistema delle autorizzazioni, soprattutto nelle province. Gli imprenditori devono essere messi nelle condizioni di operare con regole certe e chiare, che siano in Lombardia o in Sicilia.  

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende