Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Sole nero, l’ecothriller sulle energie rinnovabili:

Sole nero, l’ecothriller sulle energie rinnovabili

novembre 13, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del  libro Sole Nero” di Marco Righetti, edito da Leone Editore (pag. 132 , 6.00  euro).

Al telefono la voce è concitata, la comunicazione rotta da vuoti. Impossibile decifrarla, le parole sbattono contro un muro.

Me le ripete più volte, finalmente giungono monosillabi.

Non riesco a domandargli che accidenti è successo, perché mi sveglia in piena notte, dimenticando che il fuso orario è lo stesso. Pensa che io possa raggiungerlo in tempo per studiare l’emergenza? Ma perché mio fratello queste improvvise angosce non le spara in faccia a chi lavora lì, migliaia di chilometri a sud di Milano?

Gira il mondo molto più di me, sono secoli che non lo vedo, forse ha cambiato faccia. Chissà se gli è rimasto quel vezzo di sorridere subito, come a dire: sì, quello che dici è la cosa più naturale al mondo, puoi parlarmi tranquillamente, io la sapevo prima di te.

Già altre volte gli è capitato di dover partire all’improvviso per l’Africa. L’anno scorso lo convocarono per lo smantellamento di una centrale nucleare in Spagna. Alcuni giorni dopo la società lo spedì in Sudan. Doveva partecipare al collaudo di impianti fotovoltaici con tecnologia a film sottile.

«Com’è il Sudan dall’aereo?» gli chiesi al telefono.«Una terra ferita da rughe profonde, ancora sanguinante.»

«Quando avrai terminato l’installazione, i pannelli scintilleranno.»

«Ma quella terra sanguinerà ancora, ci saranno sempre le macchie scure delle fosse in cui sono finiti i civili massacrati dalle forze governative. Nessun futuro potrà mai cancellare la storia.»

«Talvolta la storia cancella il futuro.»

Una settimana fa la nuova chiamata. L’avevano avvertito di tenersi pronto.

Era stata una giornata intensa, di quelle che ti senti addosso come un vestito che non ami più. Avevo rigovernato casa quel po’ che basta, quando si lavora tutti e due capita di lasciarla nel caos. Alissa era appena rientrata dopo il suo giro di farmacie, annunciata da quel suo passo svelto, marziale, quasi dedotto da un ragionamento temerario, con le domande a fior di labbra che non abbiamo più il coraggio di farci. Il lancio della borsetta sul divano, la busta dell’Upim gonfia. Già vaga va agitata alla ricerca di qualcosa, no, se pensi che sia stato io ti sbagli, non ti ho toccato nulla, e scusa se condivido ancora questa casa, cercherò di vivere senza rumore.

Dovevo leggere un rapporto sismo-stratigrafico per accertare i fattori di pericolosità geologica. Il lavoro mi segue sempre: è un secondo cervello che lavora per conto suo e poi relaziona al mio, interrompendo un discorso,un pensiero, ed esigendo ascolto.

Il cellulare aveva rilasciato un flash e un avviso sonoro. Se fossi stato sul corpo di lei mi sarei sentito un attimo infastidito, ma ormai non corro più questi rischi, purtroppo. Il messaggio si era allargato sul display.«L’Africa mi chiama ancora, anche se non sono Schweitzer. È un’attrazione a cui non posso resistere, anche perché mi pagano per lasciarmi attrarre. Vado nel deserto

Con la stessa semplicità con cui, in un normale pomeriggio milanese, comunichi che rincaserai alle nove, se per caso qualcuno t’aspettava prima. Il testo concludeva: «Federico, non illuderti, non ti salverai nemmeno tu». Dal deserto? Il deserto giungerà a Milano? Guarda, Gian Mario, che qui non c’è posto per accoglierlo, la convivenza fra individui e storia riempie quartieri, non puoi spingere cancel sulle cronache di misteri lobby logge stragi e omicidi: è tutto presente. Premendo il tasto random c’è la Milano di Stendhal e Manzoni, di Gadda e Quasimodo, la Milano di Eusebia,Bianca di Savoia, Caterina Sforza, Cecilia Gallerani. Milano è affollata più che mai, basta una parola per toccare il passato: la vita ti viene addosso con un clic. Se metti il dito sullo schermo, tocchi anche chi è morto. Così sono tutti vivi: no, Gian Mario, Milano al momento è lontanissima dal deserto.«È imprudente che tu vada in Algeria, rinuncia all’indennità di missione e resta qui.» Non so perché gli avevo detto così al telefono, subito dopo il messaggio.

[...]

Marco Righetti*

*Marco Righetti romano, classe 1958, è un ex avvocato penalista e si sta laureando per la seconda volta in Lettere. Vincitore di numerosi premi letterari per teatro, poesia e narrativa, è presente su numerosi blog e collabora con testi e recensioni a varie riviste letterarie

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende