Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » SOS amianto in Asia:

SOS amianto in Asia

E’ di questi giorni la notizia che la procura di Torino sta di nuovo indagando sul caso della cava d’amianto più grande d’Europa, chiusa negli anni ’90 a Balangero, in Piemonte, dove sembra ci siano altre 40 vittime di mesotelioma, di cui 25 gia’ morte. Anche in questo caso si cercano eventuali responsabilità dei due proprietari dell’Eternit, già condannati in primo grado, poco piu’ di un mese, a 16 anni di reclusione.

In Europa le conseguenze da esposizione prolungata all’asbesto e all’insieme di minerali del gruppo dei silicati, sono ormai tristemente note. Nel mondo ogni anno sono stimati 107.000 decessi dovuti a tumori causati da amianto. Eppure negli ultimi mesi del mio viaggio in Asia mi sono reso conto che nella maggiori parte dei paesi orientali la popolazione locale spesso non ha neanche una minima idea dei danni causati da questo materiale killer.

Ad oggi in Sri Lanka l’amianto continua ad essere il materiale piu’ utilizzato per la costruzione di tetti.
Negli ultimi anni si e’ passati dalle 12.000 tonnellate utilizzate nel 2000 alle 50.000 utilizzate nel 2010. Questo mercato della morte e’  in espansione continua, favorita dalla mancanza di consapevolezza pubblica e professionale: i medici locali non hanno gli strumenti (e forse nemmeno le conoscenze) per correlare i decessi all’amianto.

Ho scoperto che esistono principalmente due grandi famiglie di questo elemento: il serpentino  (amianto bianco) e gli anfiboli (amianto grigio o blu). Nell’isola cingalese , come in molti altri paesi, l’amianto blu e’gia’ stato bandito nel 1997, ma il suo fratello letale continua rivestire impunemente le superfici delle tettoie, a discapito della popolazione e degli operatori nel settore dell’edilizia.

Anche la Thailandia importa amianto da oltre quarant’anni e, non a caso, due anni fa ha avuto il primo caso di mesotelioma. Nel 2009 ha importato circa 100.000 tonnellate, pari al 5% del consumo mondiale. Il 90% dell’amianto importato e’ utilizzato per tegole e tubi di cemento, il resto viene utilizzato per la produzione di freni e frizioni, piastrelle per pavimenti in vinile, guarnizioni e materiali termoisolanti. Il fenomeno è talmente sviluppato che chiunque visiti il Paese puo’ facilmente notare la moltitudine di tettoie grigie sulle case, gli hotel e le stazioni dei bus. Ma almeno qui il problema sembra aver attirato l’attenzione dell’ufficio nazionale della Commissione sulla Salute, che l’anno scorso ha presentato al Governo una risoluzione sul divieto di importazione di ogni tipo di amianto. Si attendono ancora gli sviluppi di questa richiesta, ma e’  stato un primo passo coraggioso: nonostante la minaccia degli operatori dei mercati legati all’amianto di aumentare drasticamente i prezzi in caso di proibizione, l’opinione pubblica e’ orientata in questa direzione.

In Laos non esiste invece alcune legge contro l’utilizzo di qualsivoglia tipologia di amianto. Neanche delle peggiori. La situazione sembra meno grave della Thailandia, a livello di diffusione, ma nel primo villaggio che si incontra entrando dalla frontiera Nord si possono notare, in tutta evidenza, tettoie in asbesto. Questo piccolo paese di 7 milioni di abitanti importa circa 5.000 tonnellate annue di amianto bianco, soprattutto da Russia e Kazakhistan. Un’ organizzazione umanitaria australiana, Apheda, si e’  interessata al caso del Laos scoprendo che ci sono principalmente 5 grandi fabbriche che utilizzano questo materiale conservandolo in sacchi mezzi aperti o rotti che ne favoriscono la fuoriuscita nell’aria, aumentando drasticamente il rischio per i contadini, che si arruolano per i lavori più umili nei periodi in cui non possono lavorare nei campi, durante le stagioni secche e quelle piovose.

Lo scorso dicembre la LFTU, organizzazione dei sindacati e lavoratori del Laos, ha organizzato una conferenza nazionale spiegando la situazione mondiale sull’utilizzo dell’amianto e presentando, ai Ministri del governo e agli operatori del settore, soluzioni e alternative suggerite da esperti australiani e vietnamiti.

Nei prossimi mesi il mio tour mi porterà anche in Cambogia, Vietnam, Cina e Sud Korea, che risultano avere gli stessi problemi dei vicini asiatici. Solo nel 2005 nel continente avveniva il consumo del 90% di amianto prodotto nel mondo, una quantità tale da confermare all’Asia il triste primato della zona della Terra con la maggiore esposizione della popolazione a questo minerale letale. Alcuni Paesi stanno cercando di reagire o almeno limitare i danni, ma la maggior parte, ad oggi, non ha ancora intrapreso alcuna iniziativa per arrestare questo mercato. Nei prossimi decenni le conseguenze di questa disinformazione saranno devastanti. Il primo passo, per cercare di migliorare questa drammatica situazione, e’ dunque diffondere la consapevolezza dei rischi a livello mondiale, tramite l’informazione dei media, sia per sensibilizzare i turisti, come ambasciatori della causa, che per attivare l’intervento delle organizzazioni umanitarie che operano in questi Paesi.

Carlo Taglia

Le riflessioni di viaggio di Carlo Taglia, documentate da foto e video, sono disponibili anche sul blog: http://karl-girovagando.blogspot.com/

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende