Home » Rubriche »Very Important Planet » Tenace come il legno d’ulivo, libero come un gatto. Intervista a Gino Paoli:

Tenace come il legno d’ulivo, libero come un gatto. Intervista a Gino Paoli

giugno 17, 2011 Rubriche, Very Important Planet

Il gatto, Gino Paoli, non l’ha solo cantato. Lo ama a tal punto che è convinto di esserlo stato lui stesso. In un qualche mondo parallelo, in una vita passata, di cui restano oggi tracce di abitudini e istinti di libertà.

E’ l’animale che non si fa condizionare da niente e da nessuno, senza rompere i coglioni agli altri”, dice. E a ben vedere, il cantautore genovese, 76 anni, uno dei più grandi della musica italiana, dal felino ha ereditato anche l’eleganza. Nella poetica dei testi e nell’intensa dolcezza delle note. Le sue sono canzoni che respirano del sentimento della natura, “l’unica maestra che conosco e che mi ha insegnato tutto”.

D) Paoli, è vero che vive immerso negli ulivi della Toscana?

R) Ho una casa a Genova, a Quinto, e un podere in Toscana che mi ha lasciato mio nonno e che è sempre appartenuto alla mia famiglia. E’ a Campiglia Marittima. Di generazione in generazione, abbiamo tramandato la tradizione di fare l’olio. Per tutta l’estate e due mesi in autunno abito lì, passo le giornate nel frantoio, in mezzo ai 200 ulivi. Lo chiamiamo l’olio dei Paoli. Anche in Liguria, in effetti, sto in mezzo ai monti. Ho un rapporto più stretto con la natura che con le persone.

D) A settantasei anni, quando non fa l’olio, è sempre in tournée. Una vita in mezzo al legno d’ulivo le ha insegnato qualcosa in fatto di resistenza…

R) Tutta la famiglia dei Paoli è di quel legno lì, del legno vecchio, duro e tenace. Mio nonno era operaio alla Magona. Cinquant’anni negli altiforni. Nel tempo libero andava a caccia e si occupava del podere. Per me è difficile smettere di cantare, è un bisogno naturale come dormire o fare pipì. Non è un mezzo o una maniera di dare. I giovani vengono a chiedermi come si fa a intraprendere la carriera, gli dico sempre tu canta e suona, sei nato per quello e non puoi fare altro. Canterò finché mi reggerà il fisico.

D) Lei è un camminatore?

R) Non molto, ma non è questione di passeggiate. Non è questo che fa la differenza, al giorno d’oggi. Il problema è che non ci accorgiamo che questo mondo corre, che va in fretta e non ti dà tempo di notare nulla: il vento tra gli alberi, il rinnovo della natura. La sua ciclicità è una cosa strana. In natura muore tutto e poi rinasce tutto. Questo mi affascina molto.

D) Con la sua musica si è impegnato in più occasioni a sostegno dell’ambiente. E’ stato uno dei primi che si è battuto per le campagne contro il nucleare…

R) Ho sostenuto gli anti-nuclearisti tanti anni fa, affiancandomi alle battaglie dei radicali, quando tutti gli altri partiti si astenevano. Mi sono sempre interessato delle lotte per i diritti civili. Tanto che sono stupito dei nuovi referendum, per cui ovviamente sono andato a votare. Mi sembrava che gli italiani si fossero già pronunciati contro l’atomo nell’87, dopo Chernobyl. Non dovevano neppure pensare di tornare sul’argomento, né di fare piani per nuove centrali.

D) La partecipazione al voto è  stata superiore ad ogni aspettativa. Non l’ha sorpresa questo dato?

R) Credo che un’adesione così forte e numerosa abbia significato un atto di rifiuto verso tutti coloro che ci governano, a prescindere dal colore politico. E’ stato il modo per dire “vogliamo decidere noi”, soprattutto sull’energia e sul nostro futuro.

D) Al podere utilizza fonti di energia alternative?

R) Ho due “girasoli” per il fotovoltaico, il solare per l’acqua calda, e sto cercando il modo per posizionare anche una pala eolica. In fondo, ognuno di noi, in casa sua può scegliere come combattere la sua piccola battaglia. Un domani migliore verrà da tutti noi, non da chi ci conduce.

D) Lei però sta in campagna. In città è molto più complessa la riconversione energetica, non crede?

R) Ho visto pale eoliche a Capo Verde, su un molo, in mezzo al mare. Tutti sanno che solare più fotovoltaico più geotermico sono la ricetta vincente, l’optimum, ma non c’è la volontà di renderli la soluzione. Siamo in grave ritardo sugli altri paesi rispetto alle fonti alternative.

D) Un sogno “verde” da dedicare all’Italia?

R) Una scuola che insegni a vivere insieme e a rispettarsi. La parola “scuola” ha la sua etimologia da “tempo libero”. Questo è il mio desiderio: poter costruire un’altra mentalità, insegnando l’umanesimo. Per il resto, non ho sogni. Racconterò un episodio che mi ha sempre colpito: un Capodanno di non ricordo che anno, il giornalista e sceneggiatore Zavattini andava in giro a chiedere alla gente cosa avrebbe voluto per il mondo dal primo gennaio. Arrivato da sua nonna, le chiese: “Cosa desidereresti per domani?”E lei tagliando corto, lapidaria, rispose: “Senti, ma poi lo fanno davvero?”. Ecco, è questione di coscienza. Per ottenere qualcosa bisognerebbe ricominciare da capo e impegnarsi in prima persona.

D) E forse ricollegarsi anche alla natura…

R) La natura è l’unica maestra che conosco, l’unico credo che ho. Se ho dei problemi, la guardo e mi guida. Altro che i santoni o le fedi. L’artista è un assemblatore, nell’aria c’è la musica, ci sono le parole. Sono negli alberi, in un bambino che piange, nei suoni del vento che ti resta dentro e poi diventa sinfonia. Noi non inventiamo niente, qualcosa suona intorno a noi, dobbiamo solo accorgerci di quel che succede.

D) Che cosa dovrebbe raccontare la musica oggi?

R) Nel nostro tempo si ghigna, si sfotte, si schernisce, ci si diverte alle spalle degli altri. Bisognerebbe raccontare il sorriso, immedesimarsi nel senso pieno della vita. Spesso ci accorgiamo di vivere quand’è troppo tardi.

D) Lei si ispira molto alla natura, ma non si può dire che sia un salutista…

R) Fumare è un piccolo vizio. Ma ce ne sono di ben peggiori…

D) Quali, ad esempio?

R) Parlare quando non si ha niente da dire agli altri. Solo che se eliminassimo tutti quelli che infrangono questa regola sul mondo calerebbe praticamente il silenzio mortale. In questo, gli animali la sanno lunga.

D) Qual è il suo animale preferito?

R) Mi piacciono tutti, ma il mio è il gatto. Ero un gatto nelle vite precedenti. Me ne accorgo da tante cose. Sono pigro come loro, incarnano la mia idea di libertà, qualcosa che si conquista senza rompere le palle a nessuno. Il felino è l’unico che resta fedele alla sua selvaticità, nel mondo dei civili e delle regole. E’ riuscito a ritagliarsi questo privilegio, che invece noi tutti dobbiamo conquistarci ogni giorno: decidere sempre ciò che vuole fare e dove andare, senza dovere dare conto a nessuno. Io, per la mia vita, prendo ispirazione da lui.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende