Home » Rubriche »Top Contributors » La pubblicità ambientale in Italia nell’analisi IEFE Bocconi:

La pubblicità ambientale in Italia nell’analisi IEFE Bocconi

marzo 27, 2012 Rubriche, Top Contributors

L’attenzione verso l’ambiente (o almeno quella dichiarata) non è mai stata così alta come negli ultimi anni, nell’opinione pubblica come nei media. In Europa, la sensibilità dei cittadini verso i temi ambientali pare particolarmente elevata, al punto che 9 europei su 10 ritengono “importante” la protezione dell’ambiente e altrettanti si dichiarano consapevoli che le loro azioni possono giocare un ruolo nella protezione ambientale. Tendenza che si riscontra anche in Italia, come emerge dalle analisi più recenti. Per Gfk-Eurisko la tutela dell’ambiente si conferma la principale preoccupazione degli italiani, subito dopo disoccupazione e crisi economica, mentre per l’Eurobarometro, il 61% degli italiani ritiene che la protezione dell’ambiente sia “molto importante” (media UE27, 58%) e il 33% che sia “importante” (media UE27, 37%).

Il mercato sembra aver colto questa accresciuta sensibilità dei consumatori e nell’ultimo decennio l’offerta di prodotti ecocompatibili (a vario titolo) è cresciuta trasversalmente in tutti i settori. Un esempio clamoroso è dato dai trend esponenziali di crescita nel numero di prodotti e servizi a marchio Ecolabel: guardando alla sola Italia, si è passati dai 63 prodotti certificati nell’anno 2000 ai 1.140 prodotti nel 2005 e 10.169 prodotti nel 2009.

Ma visto che la comunicazione pubblicitaria riflette, per definizione, i trend più significativi riscontrabili nell’offerta di prodotti e servizi, di conseguenza la diffusione di prodotti green ha avuto un riscontro chiaro e sempre più evidente nei contenuti e nelle forme degli annunci pubblicitari.

La , e merita di essere indagato sia in termini di estensione del fenomeno, settori interessati e investimenti associati, che in termini di contenuti e caratteristiche del messaggio. Da queste premesse è nata, nell’ambito dell’Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale dello IEFE-Università Bocconi, l’esigenza di avviare un progetto di ricerca su questi temi. Grazie alla collaborazione con Nielsen Assocomunicazione, che hanno messo a disposizione le basi dati relative a creatività, campagne e annunci pubblicitari in diversi mezzi e hanno preso parte al gruppo di lavoro, è stato possibile identificare e analizzare un campione di pubblicità a carattere ambientale apparse su diversi media nel periodo 2006-2010. I dati esposti di seguito fanno riferimento a un campione d’analisi, ma presentano ancora alcune limitazioni. Sono infatti tuttora in corso ulteriori approfondimenti finalizzati a integrare il campione utilizzato, per maggiore completezza.

Lo scenario degli investimenti pubblicitari in Italia nel periodo 2006-2010 (Figura 1) vede una crescita degli investimenti dal 2006 al 2010 pari al 13%.

Figura 1 – Andamento degli investimenti pubblicitari netti e variazioni percentuali anno per anno

Fonte: Elaborazioni su dati Nielsen

E’ opportuno evidenziare come l’andamento nei primi tre anni (2006, 2007, 2008) sia stato decisamente crescente, con una netta inversione di tendenza nel 2009, anno della crisi e un calo di investimenti pari al 13% rispetto all’anno precedente. Nel 2010 si è invece verificata una ripresa, pari ad una crescita del 6,7% rispetto all’anno precedente.

Considerando la composizione percentuale degli investimenti pubblicitari per media, . La stampa, invece, ha visto la propria quota decrescere notevolmente, passando dal 27 al 20% della quota di mercato; mentre la radio ha mantenuto in tutto il periodo il 6% di copertura degli investimenti complessivi.

Passando all’analisi del campione di creatività ambientali individuato nell’ambito della ricerca, il confronto con le tendenze nel mercato complessivo mostra risultati interessanti. La dinamica del numero di creatività e di annunci ambientali risulta fortemente crescente tra il 2006 e il 2010: per le creatività si evidenzia un aumento del 900%, per il numero di annunci l’aumento è ancora più elevato ed è pari a più del 2.800%.

Anche il trend degli investimenti netti della pubblicità ambientale risulta nettamente positivo con una crescita pari a quasi 1.000% tra il 2006 e 2010 (Figura 2). Da sottolineare, in particolare, la performance nel 2009, anno nel quale gli investimenti netti in pubblicità ambientale registrano una crescita del 150%, in controtendenza rispetto al -14% del totale investimenti.

Figura 2 Andamento degli investimenti pubblicitari ambientali netti e variazioni anno per anno

Fonte: Elaborazioni su dati Nielsen

Sebbene gli investimenti netti in pubblicità ambientale siano decisamente cresciuti nel periodo 2006-2010, va rimarcato che la loro incidenza sugli investimenti complessivi rimane molto bassa. Da circa l’1 per mille nel 2006, si arriva all’1% nel 2010.

Dall’analisi svolta emerge che i settori che maggiormente investono in pubblicità ambientale nel periodo considerato sono il settore automotive, seguito da quello energetico.

Considerando, poi, la composizione percentuale degli investimenti pubblicitari ambientali per mezzo di comunicazione nel periodo 2006-2010, si evidenzia come la televisione perda la posizione di mezzo privilegiato (dal 55% degli investimenti nel 2006 al 24% nel 2010), a favore del mezzo stampa (soprattutto quotidiani) (dal 32% al 40%) e della radio (dal 13% al 36%).

Oltre ad un’analisi quantitativa il campione di creatività ambientali è stato sottoposto ad un’analisi di tipo qualitativo con l’intento di individuare alcune caratteristiche del messaggio ambientale. In particolare per ogni creatività si è valutata la presenza di benefici ambientali espliciti nel messaggio, la presenza di marchi ambientali, le matrici ambientali di riferimento, l’utilizzo di parole chiave e l’eventuale associazione del valore ambientale del prodotto/servizio ad altri valori, quali la qualità, il benessere, lo status sociale, etc.

I principali risultati della ricerca mettono in evidenza come il messaggio ambientale contenuto nelle creatività generalmente riguardi il prodotto/servizio o l’azienda. Spesso poi il messaggio ambientale è associato a valori di qualità e/o economicità del prodotto/servizio. Nelle pubblicità ambientali non si ricorre mai alla comparazione con altri prodotti meno “green” e in pochi casi (meno del 15%) sono presenti marchi ambientali associati al prodotto o all’azienda. Infine nella maggior parte delle creatività il beneficio ambientale non è quantificato, risulta piuttosto generico e raramente fa riferimento ad aspetti tecnici. Alcune di queste caratteristiche sono legate alla specificità della comunicazione pubblicitaria, più finalizzata ad attirare e colpire il destinatario che a fornirgli spiegazioni. Ma l’inserimento di riferimenti ambientali in assenza di parametri di confronto o chiarimenti per il consumatore può generare incertezza e sfiducia, vanificando l’efficacia della comunicazione.

Sabrina Melandri e Tania Molteni*

* Ricercatrici presso IEFE – Università Bocconi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende