Home » Rubriche »Top Contributors » Una nuova era per l’automobile:

Una nuova era per l’automobile Top Contributors

gennaio 3, 2011 Rubriche, Top Contributors

Debutta oggi, alla Borsa di Milano, la nuova Fiat SpA. La Nissan Leaf, 100% elettrica, viene eletta Auto dell’Anno 2011 in Europa e la nuova Fiat Uno flex fuel “Carro do ano 2011″ in Brasile. Il mercato dell’auto sta cambiando rapidamente e Greenews.info ha chiesto ad Antonio Sileo, ricercatore dello IEFE Bocconi, di riassumere le principali evoluzioni verso una maggiore sostenibilità ambientale.

La nuova Nissan Leaf, Courtesy of Nissan Italia SpAAutomobile e sostenibilità ambientale: un nuovo binomio per il nuovo decennio? Domanda retorica o slogan di un arguto pubblicitario? Nessuna delle due. A ben vedere si tratta piuttosto di una scelta obbligata. L’automobile, infatti, per continuare ad avere successo (ma anche, più realisticamente, per sopravvivere) nelle economie mature o affermarsi nei Paesi ad alto potenziale di crescita – Cina, India e Russia – o, ancora, per seguitare a crescere come in Brasile, deve cambiare e sta già cambiando.

Il driver di questo cambiamento è proprio un’attenzione sempre maggiore nei confronti dell’ambiente, a cominciare ovviamente dalla riduzione delle emissioni. Ma perché alle prestazioni velocistiche, di comfort e, più di recente, di sicurezza, si stanno affiancando quelle ecologiche, che trovano nei g/km di CO2 emessa la loro misura (in vero piuttosto incompleta) di sintesi? Una prima e molto concreta risposta è che i g/km di  anidride carbonica sono anche un indicatore, in questo caso infallibile, del consumo del veicolo.  In altri termini, con i tradizionali motori diesel o benzina, anche se alimentati con GPL o metano, le emissioni sono inevitabili; queste si riducono, e non di poco, però, all’aumentare dell’efficienza del propulsore e, più in generale, dell’autoveicolo. Direzione, peraltro, verso la quale tutti i costruttori stanno andando. Una motivazione, quindi, primariamente economica: poiché i prezzi dei carburanti (e la loro percezione) sembrano destinati ad un continuo, certo, aumento, conviene a tutti, anche agli acquirenti di auto più grandi e costose  risparmiare e, in un certo qual modo, tutelarsi.

Ciò era senz’altro vero dopo i due shock petroliferi del 1973-74 e del 1979-80. Notevoli furono infatti i miglioramenti conseguiti nel corso degli anni 80, spinti anche dall’imposizione di nuovi standard. Oggi proprio l’imposizione, specie in ambito urbano, di limiti di emissione e di circolazione sempre più stringenti è una variabile, o meglio una costante, che caratterizza tutti i mercati.

In questo contesto tutte le strade sono aperte. Tanto che vi è la possibilità di riprovare soluzioni che in passato non hanno dato i frutti sperati a cominciare dalla rinascita dell’auto elettrica. Questa infatti più volte si è affacciata nel mercato dell’auto (agli albori, negli anni sessanta e novanta) per poi, in silenzio, cadere nel dimenticatoio. L’ultima, quella degli anni 90, portò a oltre 10.000 auto prodotte.

Cosa è cambiato da allora?

Tantissimo: miglioramenti tecnologici dei sistemi di accumulo (le batterie), economie di apprendimento conseguite negli ambiti dell’elettronica di consumo, della telematica e delle vetture ibride e presenza di new player lontani dall’automotive, il cui ingresso è agevolato anche dall’approccio verso prodotti con architetture modulari, più o meno open, adottato da alcuni costruttori asiatici, cinesi in testa. Non va poi trascurato che il mercato dell’auto, pur caratterizzato da un livello di concorrenza notevole, negli ultimi anni ha registrato il continuo aumento di alleanze e accordi industriali tra le case automobilistiche che, per ridurre i costi e coprire tutti i segmenti, condividono numerose componenti – dalle piattaforme ai propulsori – e ormai interi stabilimenti. In questi vengono prodotte city car che, quando non sono abilmente differenziate, variano solo per marchio e per pochi particolari. E non è certo un caso che le ultime partnership includano specifici accordi su veicoli elettrici.

Le iniziative di piccoli produttori innovatori non sono né passate inosservate, né giudicate poco profittevoli, visto che le grandi case ne stanno acquisendo delle quote; l’esempio della Tesla Motors è, mai come in questo caso, lampante.

Il fatto che la Nissan Leaf sia stata eletta Auto dell’Anno 2011, battendo di misura la nostra Alfa Romeo Giulietta (di certo meglio rispondente ai livelli prestazionali più tradizionali) è certo una dimostrazione del favore di cui, questa volta, gode l’auto elettrica, almeno in Europa.

Già, perché in Brasile il premio equivalente – “Carro do ano 2011” – anche se meno prestigioso, viste le dimensioni dei due mercati, è andato alla nuova Fiat Uno che tra le sue caratteristiche ha quella di essere flex fuel, può essere cioè alimentata da benzina pura, etanolo puro o da una combinazione di entrambi. La  diffusione di questi veicoli nel gigante del Sud America (di gran lunga paese leader nella produzione di bioetanolo da canna da zucchero) è stata rapidissima, vertiginosa: dopo gli esperimenti di auto E100 (100% di bioetanolo) degli anni ’80, il primo esemplare FFV (Flexible-Fuel Vehicle) è stato venduto da Volkswagen nel 2003. In soli quattro anni ne sono state immatricolate 2.003.090 unità (l’88,3% del mercato totale), nel 2008 il parco a combustibile flessibile superava i 5 milioni e a marzo del 2010 si è arrivati a 10 milioni.

Ma anche il successo delle vetture alimentate a GPL e metano – queste ultime cresciute del 12% nel mondo e del 18% in Europa, passando tra metà 2009 e metà 2010 da 1,12 milioni a 1,34 milioni – ha superato molte aspettative: in Italia, prima che finissero gli incentivi, sono aumentate del 60% arrivando al 5,9% dell’intero parco circolante.

Il numero di auto ibride (motore endotermico + elettrico) in listino è in continuo aumento, in tutti i segmenti (dopo la Porsche ci stanno lavorando addirittura Maserati e Ferrari!) e sono in arrivo quelle ricaricabili (plug-in) che potranno fungere da apripista per le auto elettriche pure (full electric) visto che pur appartenendo a segmenti di mercato differenti entrambe però avranno bisogno delle stesse tecnologie per il rifornimento.

Infine, non va, affatto, trascurato il grande potenziale di miglioramento delle auto alimentate in modo tradizionale, specie quelle a benzina dove la parola d’ordine è downsizing: adozione di motori sempre più piccoli ed efficienti, con l’aiuto di compressori e turbocompressori, per ottenere prestazioni confrontabili o migliori rispetto a propulsori di cilindrata superiore, ma con consumi ed emissioni inferiori.

Un vera corsa insomma appena iniziata e apertissima, dove, per opportunità o imposizione, a vincere è l’ambiente e, per una volta, anche chi va a piedi.

Antonio Sileo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende