Home » Rubriche »Top Contributors » Una nuova era per l’automobile:

Una nuova era per l’automobile Top Contributors

gennaio 3, 2011 Rubriche, Top Contributors

Debutta oggi, alla Borsa di Milano, la nuova Fiat SpA. La Nissan Leaf, 100% elettrica, viene eletta Auto dell’Anno 2011 in Europa e la nuova Fiat Uno flex fuel “Carro do ano 2011″ in Brasile. Il mercato dell’auto sta cambiando rapidamente e Greenews.info ha chiesto ad Antonio Sileo, ricercatore dello IEFE Bocconi, di riassumere le principali evoluzioni verso una maggiore sostenibilità ambientale.

La nuova Nissan Leaf, Courtesy of Nissan Italia SpAAutomobile e sostenibilità ambientale: un nuovo binomio per il nuovo decennio? Domanda retorica o slogan di un arguto pubblicitario? Nessuna delle due. A ben vedere si tratta piuttosto di una scelta obbligata. L’automobile, infatti, per continuare ad avere successo (ma anche, più realisticamente, per sopravvivere) nelle economie mature o affermarsi nei Paesi ad alto potenziale di crescita – Cina, India e Russia – o, ancora, per seguitare a crescere come in Brasile, deve cambiare e sta già cambiando.

Il driver di questo cambiamento è proprio un’attenzione sempre maggiore nei confronti dell’ambiente, a cominciare ovviamente dalla riduzione delle emissioni. Ma perché alle prestazioni velocistiche, di comfort e, più di recente, di sicurezza, si stanno affiancando quelle ecologiche, che trovano nei g/km di CO2 emessa la loro misura (in vero piuttosto incompleta) di sintesi? Una prima e molto concreta risposta è che i g/km di  anidride carbonica sono anche un indicatore, in questo caso infallibile, del consumo del veicolo.  In altri termini, con i tradizionali motori diesel o benzina, anche se alimentati con GPL o metano, le emissioni sono inevitabili; queste si riducono, e non di poco, però, all’aumentare dell’efficienza del propulsore e, più in generale, dell’autoveicolo. Direzione, peraltro, verso la quale tutti i costruttori stanno andando. Una motivazione, quindi, primariamente economica: poiché i prezzi dei carburanti (e la loro percezione) sembrano destinati ad un continuo, certo, aumento, conviene a tutti, anche agli acquirenti di auto più grandi e costose  risparmiare e, in un certo qual modo, tutelarsi.

Ciò era senz’altro vero dopo i due shock petroliferi del 1973-74 e del 1979-80. Notevoli furono infatti i miglioramenti conseguiti nel corso degli anni 80, spinti anche dall’imposizione di nuovi standard. Oggi proprio l’imposizione, specie in ambito urbano, di limiti di emissione e di circolazione sempre più stringenti è una variabile, o meglio una costante, che caratterizza tutti i mercati.

In questo contesto tutte le strade sono aperte. Tanto che vi è la possibilità di riprovare soluzioni che in passato non hanno dato i frutti sperati a cominciare dalla rinascita dell’auto elettrica. Questa infatti più volte si è affacciata nel mercato dell’auto (agli albori, negli anni sessanta e novanta) per poi, in silenzio, cadere nel dimenticatoio. L’ultima, quella degli anni 90, portò a oltre 10.000 auto prodotte.

Cosa è cambiato da allora?

Tantissimo: miglioramenti tecnologici dei sistemi di accumulo (le batterie), economie di apprendimento conseguite negli ambiti dell’elettronica di consumo, della telematica e delle vetture ibride e presenza di new player lontani dall’automotive, il cui ingresso è agevolato anche dall’approccio verso prodotti con architetture modulari, più o meno open, adottato da alcuni costruttori asiatici, cinesi in testa. Non va poi trascurato che il mercato dell’auto, pur caratterizzato da un livello di concorrenza notevole, negli ultimi anni ha registrato il continuo aumento di alleanze e accordi industriali tra le case automobilistiche che, per ridurre i costi e coprire tutti i segmenti, condividono numerose componenti – dalle piattaforme ai propulsori – e ormai interi stabilimenti. In questi vengono prodotte city car che, quando non sono abilmente differenziate, variano solo per marchio e per pochi particolari. E non è certo un caso che le ultime partnership includano specifici accordi su veicoli elettrici.

Le iniziative di piccoli produttori innovatori non sono né passate inosservate, né giudicate poco profittevoli, visto che le grandi case ne stanno acquisendo delle quote; l’esempio della Tesla Motors è, mai come in questo caso, lampante.

Il fatto che la Nissan Leaf sia stata eletta Auto dell’Anno 2011, battendo di misura la nostra Alfa Romeo Giulietta (di certo meglio rispondente ai livelli prestazionali più tradizionali) è certo una dimostrazione del favore di cui, questa volta, gode l’auto elettrica, almeno in Europa.

Già, perché in Brasile il premio equivalente – “Carro do ano 2011” – anche se meno prestigioso, viste le dimensioni dei due mercati, è andato alla nuova Fiat Uno che tra le sue caratteristiche ha quella di essere flex fuel, può essere cioè alimentata da benzina pura, etanolo puro o da una combinazione di entrambi. La  diffusione di questi veicoli nel gigante del Sud America (di gran lunga paese leader nella produzione di bioetanolo da canna da zucchero) è stata rapidissima, vertiginosa: dopo gli esperimenti di auto E100 (100% di bioetanolo) degli anni ’80, il primo esemplare FFV (Flexible-Fuel Vehicle) è stato venduto da Volkswagen nel 2003. In soli quattro anni ne sono state immatricolate 2.003.090 unità (l’88,3% del mercato totale), nel 2008 il parco a combustibile flessibile superava i 5 milioni e a marzo del 2010 si è arrivati a 10 milioni.

Ma anche il successo delle vetture alimentate a GPL e metano – queste ultime cresciute del 12% nel mondo e del 18% in Europa, passando tra metà 2009 e metà 2010 da 1,12 milioni a 1,34 milioni – ha superato molte aspettative: in Italia, prima che finissero gli incentivi, sono aumentate del 60% arrivando al 5,9% dell’intero parco circolante.

Il numero di auto ibride (motore endotermico + elettrico) in listino è in continuo aumento, in tutti i segmenti (dopo la Porsche ci stanno lavorando addirittura Maserati e Ferrari!) e sono in arrivo quelle ricaricabili (plug-in) che potranno fungere da apripista per le auto elettriche pure (full electric) visto che pur appartenendo a segmenti di mercato differenti entrambe però avranno bisogno delle stesse tecnologie per il rifornimento.

Infine, non va, affatto, trascurato il grande potenziale di miglioramento delle auto alimentate in modo tradizionale, specie quelle a benzina dove la parola d’ordine è downsizing: adozione di motori sempre più piccoli ed efficienti, con l’aiuto di compressori e turbocompressori, per ottenere prestazioni confrontabili o migliori rispetto a propulsori di cilindrata superiore, ma con consumi ed emissioni inferiori.

Un vera corsa insomma appena iniziata e apertissima, dove, per opportunità o imposizione, a vincere è l’ambiente e, per una volta, anche chi va a piedi.

Antonio Sileo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende