Home » Bollettino Europa »Rubriche » UE: i sovrapedaggi per i TIR scatenano la furia populista dell’Italia:

UE: i sovrapedaggi per i TIR scatenano la furia populista dell’Italia

luglio 18, 2011 Bollettino Europa, Rubriche

Il principio è semplice: chi inquina paga. In vista dell’esodo estivo il Parlamento Europeo ha approvato, con 505 voti a favore e 141 contrari, la revisione della Direttiva “Eurovignette III”, che consente di istituire sovrapedaggi sul trasporto merci, con l’obiettivo di stimolare trasporti più efficienti e meno inquinanti.

Il testo adottato in prima lettura dal PE, in relazione alla normativa fiscale che dovrà regolare il trasporto su strada europeo, punta a realizzare ricavi da utilizzare per finanziare sistemi di trasporto più sostenibili dal punto di vista ambientale. Si punta cioè ad aggiungere 3-4 centesimi (per veicolo/km in media) al costo di utilizzo delle infrastrutture, per coprire i costi esterni generati dal trasporto su strada, come l’inquinamento atmosferico e quello acustico.

Oltre alle reti di trasporto transeuropee (Ten-T), la direttiva sull’Eurovignetta riguarderà le autostrade e si applicherà ai veicoli superiori alle 3,5 tonnellate. Se uno Stato membro intende concedere deroghe ai mezzi fino a 12 tonnellate, dovrà comunicarne le ragioni alla Commissione Europea. Gli Stati si impegnano in ogni caso a investire il 15% dei ricavi totali nelle reti di trasporto transeuropee, mentre i fondi rimanenti dovranno essere utilizzati per attenuare gli effetti nocivi e sviluppare sistemi di trasporto maggiormente ecosostenibili. Per garantire la trasparenza dell’operazione i deputati hanno incluso nella direttiva l’obbligo per gli Stati membri di informare periodicamente la Commissione sulle tariffe e sull’utilizzo degli oneri percepiti.

I veicoli a motore meno inquinanti saranno esenti dai costi legati all’inquinamento atmosferico, fino al 1° gennaio 2014 per la classe di emissione Euro V, e fino al 1° gennaio 2018 per la classe Euro VI. Nelle aree sensibili e nelle zone montuose, ai costi esterni si aggiungerà una maggiorazione fino al 25% per i veicoli più inquinanti (da Euro 0 a Euro II) e, a partire dal 1° gennaio 2015, sarà esteso alla classe Euro III.
Per ottenere una gestione più efficiente del traffico il tasso di variazione dei pedaggi potrà arrivare fino al 175% nelle aree congestionate, con tariffe superiori applicabili nelle cinque ore di punta e con tariffe più basse per gli altri periodi.

Negativo il commento degli europarlamentari italiani impegnati nella Commissione Trasporti, Antonio Cancian e Carlo Fidanza, che hanno votato contro il provvedimento ritenendolo «un colpo pesante per il nostro settore dell’autotrasporto e, più in generale, per il nostro Paese». L’Italia, sostengono i due europarlamentari, ha nell’import/export uno dei suoi punti di forza e, insieme ad altri paesi periferici dell’UE, soffre di barriere geografiche che rendono più costosi gli spostamenti delle merci, soprattutto transfrontalieri e internazionali.

Pare dunque che in Italia l’Eurovignetta troverà – come in altre occasioni - vita dura nell’applicazione: il ministro dei Trasporti, Altero Matteoli (ex Ministro dell’Ambiente) si è infatti già detto contrario ai possibili pedaggi autostradali sul Grande Raccordo Anulare di Roma e su altri tratti stradali nazionali, come la Salerno-Reggio Calabria. Il GRA, questa la motivazione della contrarietà, è considerato una via di collegamento fondamentale, non solo per i romani, e l’imposizione di un pedaggio autostradale peserebbe significativamente sui cittadini. Regione Lazio e Provincia di Roma sembrano soddisfatti per la presa di posizione del Ministro, ma non si comprende, francamente, il richiamo generico (e un po’ populista) ai cittadini, quando la direttiva europea è chiaramente diretta ai soli mezzi superiori alle 3,5 tonnellate… 

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende