Home » Bollettino Europa »Rubriche » “Un assaggio di natura” per celebrare la Giornata Europea dei Parchi:

“Un assaggio di natura” per celebrare la Giornata Europea dei Parchi

maggio 23, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Era il 24 maggio 1909 quando venne istituito, in Svezia, il primo parco europeo. Per questo la data è diventata la Giornata Europea dei Parchi, in cui il Vecchio Continente festeggia le sue aree naturali protette. Un’iniziativa di Europarc Federation e delle federazioni nazionali per ricordarne l’importanza ma anche per promuovere, tra i cittadini dell’Unione, la loro esistenza e le numerose attività che vi si possono svolgere.

Quest’anno avrà come tema “A Taste of Nature”, un assaggio di natura, inteso anche come incontro con i prodotti locali e le eccellenze gastronomiche dei territori. Non a caso, infatti, per questa edizione, Europarc ha unito le forze con Slow Food Europe. Un modo per mettere in evidenza, ancora di più, il legame con l’agricoltura sostenibile e sottolineare l’importanza della sicurezza alimentare in Europa. Le due associazioni, inoltre, collaborano attivamente per la creazione e la salvaguardia di una rete europea di aree protette, approfondendo e ampliando insieme il concetto di biodiversità.

La biodiversità – la cui Giornata Mondiale si celebra, tra l’altro, a ridosso, il 22 maggioè la diversità della vita a molti stadi, dai più piccoli – i geni, mattoni della vita – alle specie vegetali e animali, fino a livelli più complessi: gli ecosistemi. Tutti questi livelli si intersecano, si influenzano a vicenda e si evolvono. Nel corso dei secoli, ad esempio, l‘agricoltura tradizionale ha contribuito alla formazione di nuovi habitat, la selezione e la conservazione delle specie vegetali e animali, arricchendo la biodiversità dei paesaggi rurali che vediamo oggi in Europa. La perdita di biodiversità, che è una delle più grandi minacce ambientali che attualmente affliggono il pianeta, non riguarda quindi solo le specie selvatiche, ma anche l’agrobiodiversità, cioè le razze animali e le varietà vegetali che, dalla nascita dell’agricoltura 10.000 anni fa, sono state gradualmente e costantemente addomesticate per essere coltivata per la produzione di cibo. E che caratterizzano un determinato territorio, influenzando la vita e le attività della popolazione che vi risiede.

Gli agricoltori, i pastori e i pescatori che ben conoscono il fragile equilibrio della natura, dovrebbero dunque essere i primi veri custodi del pianeta. Per millenni, hanno lavorato in armonia con gli ecosistemi, non in competizione con loro. Come dichiarato dalla FAO, l’agricoltura familiare è la forma più comune di produzione alimentare sia nel sud del mondo che del nord, e svolge un ruolo fondamentale socio-economico, ambientale e culturale. Tuttavia, nel corso degli ultimi 50 anni, l’agricoltura industriale ha creato prodotti per aumentare la produttività, a scapito della diversità, della conoscenza e dei saperi legati ai singoli luoghi. Secondo le stime della FAO, il 75% delle varietà di colture agricole sono scomparse e il 20% delle razze animali allevati per il cibo, la carne o il latte.

Anche la preservazione dei parchi e la loro conoscenza è quindi un ottima maniera per “assaggiare un po’ di natura”. Tantissimi saranno gli appuntamenti (e non solo nella data simbolo del 24 maggio), anche nel nostro Paese. Il programma è fittissimo. Si potrà, per esempio, andare alla scoperta del Sito Naturalistico Archeologico di San Basilio: l’omonimo Centro Turistico Culturale sarà aperto al pubblico con ingresso e visita guidata gratuita.  Un’opportunità per apprezzare le numerose testimonianze ed i reperti archeologici ritrovati in loco verso la fine degli anni ’70 e primi anni ’80, oltre che per ammirare la splendida chiesetta romanica di S. Basilio e gli scavi archeologici aperti. Ma anche il Giardino Botanico Litoraneo del Veneto sarà aperto al pubblico con ingresso e visita guidata gratuita. Un’occasione per scoprire un sito naturalistico di grande pregio, luogo ideale per far comprendere il concetto di biodiversità: attraverso passerelle di legno e ponticelli che sovrastano i numerosi habitat presenti, si potrà ammirare la rigogliosa vegetazione silvestre dove le dune in formazione si abbassano fino al mare.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende