Home » Rubriche »Very Important Planet » Un istogramma (sulla CO2) alla Borsa di Bruxelles. Intervista a Anna Scalfi Eghenter:

Un istogramma (sulla CO2) alla Borsa di Bruxelles. Intervista a Anna Scalfi Eghenter

ottobre 15, 2010 Rubriche, Very Important Planet

HistogramIl palazzo della Borsa di Bruxelles è stato sede inconsueta dell’intervento di molti artisti, fin dalla sua costruzione nel 1869. Alcuni le attribuiscono addirittura il contributo di Auguste Rodin. Chi si trovasse in visita nella capitale belga, non potrà fare a meno di notare che sulla facciata del tempio della finanza, in questi giorni, è esposto il valore di un’ “emissione” non quotata sul mercato azionario, ma che ha tuttavia un peso sempre maggiore sul Pianeta: l’anidride carbonica.

L’artista trentina Anna Scalfi Eghenter ha incrociato il dato economico a quello ambientale proponendo un’installazione site-specific sul tema del cambiamento climatico, dal titolo Histogram: i volumi delle emissioni di CO2 dell’ultimo secolo sono rappresentati tramite un istogramma scultoreo sulle colonne antistanti il palazzo, fasciate di un manto erboso sintetico che si sviluppa in un’altezza proporzionale ai valori assunti nel tempo.

Abbiamo intervistato l’artista per comprendere meglio la sua ”ispirazione ambientale”.

D) In un’epoca in cui l’andamento dei mercati è più che mai oscillante e imprevedibile, lei ha voluto installare, sulla facciata della Borsa di Bruxelles, un vero e proprio istogramma con valori evidentemente – e inesorabilmente – crescenti nel tempo. Come è nata Histogram? E’vero che l’opera, fin dal 2007, era stata progettata per il palazzo della Borsa di Parigi, dove però l’autorizzazione fu negata?

R) Trovo interessante che il panorama contemporaneo venga definito e restituito alla nostra conoscenza attraverso cifre e dati statistici, o quantomeno in questa veste scientifica assuma i tratti più credibili di realtà. Nel caso di quest’opera ho scelto un edificio rappresentativo degli interessi economici e finanziari, in nome dei quali vengono attuate o meno politiche di sfruttamento o sostenibilità ambientale. Ho sovrapposto il concetto di emissione di gas a quello finanziario di emissione di titoli e tracciato le colonne di un istogramma sulle colonne dell’edificio stesso. Proprio in un periodo in cui tutte le borse stavano crollando un solo valore aveva un andamento solidamente ascendente, ed era contrario agli interessi del mondo: quello della CO2. La Borsa di Bruxelles ha assunto una posizione di grande apertura; avevo proposto a diversi istituti il progetto, ma solo loro hanno risposto positivamente. La Città di Bruxelles, con grande trasparenza burocratica, nelle modalità e nei tempi, ha considerato e protocollato la mia richiesta via e-mail e mi ha dato il permesso di realizzarla. L’Assessorato all’Ambiente della Provincia di Trento mi ha poi dato il supporto per poterla costruire. La storia di un progetto è anche nel processo di permessi, fiducia e collaborazioni che lo hanno reso possibile. Come l’attribuzione al progetto del patrocinio della Fondazione Galleria Civica di Trento, del Museo Tridentino di Scienze Naturali, del WIELSCentre d’Art Contemporain de Brussels e dell’Institut Royal des Sciences Naturelles de Belgique.

D) Nel corso degli ultimi anni, da un iniziale impegno più legato al “sociale” (“Welcome to Italy”, o “Money will save the world”) le sue opere si sono sempre più concentrate su tematiche connesse all’ambiente, all’energia e alla sostenibilità. Come è avvenuto questo passaggio: è stata una transizione progressiva oppure ci sono episodi specifici che l’hanno influenzata in tal senso?

R) Probabilmente entrambe le sue ipotesi sono rintracciabili nelle dinamiche che stanno alla base della concezione di un lavoro. Lo stimolo di  immagini e informazioni è quotidiano, ma queste si sovrappongono poi con altre nella costruzione del progetto. L’anno di realizzazione di un lavoro, nel mio caso, non è quasi mai l’anno di ideazione. Molti progetti prima di essere presentati richiedono mesi o anni di preparazione – per permessi, progettazione, reperimento di fondi e opportunità di presentarlo. Ogni lavoro ha una sua vita e un momento in cui convergono tutti gli elementi che consentono di farlo partire.

D) Mi colpisce il fatto che i titoli di queste opere più recenti siano molto evocativi ma non racchiudano, di per sé, riferimenti a tematiche ambientali. Penso ad esempio all’installazione “Chat” alla Facoltà di Economia di Venezia, ma anche alla stessa “Histogram”, che ha un titolo se vogliamo asettico, in quanto riferito a un concetto matematico-statistico. Si tratta di una scelta intenzionale?

R) Non mi interessa che il contenuto sia ribadito nel titolo – come una didascalia del lavoro visivo – ma che emerga dal lavoro stesso.  Il titolo è un elemento del lavoro come un materiale, un oggetto o una forma; contribuisce a estendere la complessità o a focalizzare la direzione della consistenza del lavoro. “Chat”, ad esempio, è una scala in ferro alta otto metri, di cui i primi sette senza gradini e arrugginiti. È posizionata al livello del mare, dove un aumento di due gradi della temperatura globale causerebbe un innalzamento di 7 metri. Altri invece ridimensionano l’allarme, smentiscono le previsioni e le considerano “chiacchiere”; proprio da qui, dall’ipotesi contraria, ho scelto il titolo che riporta a una pluralità di opinioni e al paradosso della totale negazione del rischio, che lo rende ancora più grave.

D) L’attenzione nei confronti dell’ambiente, oltre a essere centrale nel concept delle opere, ha dei riscontri anche nella loro realizzazione pratica ad esempio nella scelta di materiali a basso impatto ambientale o altri accorgimenti?

R) Tutto il processo produttivo del lavoro entra nel contenuto del progetto. Dalle modalità ai materiali. Il manto erboso sintetico utilizzato per la parziale copertura delle colonne in Histogram è completamente riciclabile, ad esempio. Ho fatto una lunga ricerca di materiali e ipotesi realizzative, confrontando le caratteristiche delle varie proposte anche sulla base di un basso impatto ambientale.

Eva Filoramo


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende