Home » Bollettino Europa »Rubriche » Un nuovo piano e 10 azioni per lo sviluppo rurale UE. Ma quel che serve è cambiare ancora la PAC:

Un nuovo piano e 10 azioni per lo sviluppo rurale UE. Ma quel che serve è cambiare ancora la PAC

settembre 12, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Era il 1996 quando alla conferenza di Cork l’Unione Europea prese atto che nel Vecchio Continente l’80 % delle terre è rurale e ospita il 25 % della popolazione. Alla luce di questa evidenza, l’agricoltura, la presenza dell’uomo, la gestione delle risorse e quella del territorio richiedevano dunque una gestione differente.

20 anni dopo, sempre a Cork, l’UE, aumentata numericamente e posta davanti a sfide sempre più complesse, si è riunita per discutere nuovamente di sviluppo rurale e lanciare un nuovo manifesto politico.

Se, infatti, la versione degli anni Novanta è ancora attuale nei suoi tratti essenziali, si sono aperti nuovi fronti, come la lotta ai cambiamenti climatici o la diffusione della banda larga come elemento chiave per tenere legate al progresso le campagne. A cui si aggiunge l’equità nella filiera alimentare. Questi i punti cardine della nuova dichiarazione.

Il primo fenomeno analizzato è stata l’emorragia di agricoltori. Che non si è affatto arrestata. Anzi, piano piano sono diminuite le aziende agricole acuendo la difficoltà d’ingresso di giovani imprenditori.

Il meeting ha poi portato alla stesura di 10 nuove priorità politiche per il futuro dello sviluppo rurale: promuovere la prosperità rurale; rafforzare le filiere rurali di valore; investire nella vitalità e mantenimento delle zone rurali; preservare l’ambiente rurale; gestire le risorse naturali; incoraggiare l’azione per il clima; incentivare la conoscenza e l’innovazione; migliorare la governance rurale; favorire la semplificazione e la trasparenza; migliorare la politica di performance e di risultato.

Grande spazio per il dibattito attorno al punto 6: incoraggiare l’azione per il clima. Data l’urgente necessità di affrontare la sfida del clima nelle zone rurali, così come nelle aree urbane, il sostegno deve essere mirato alla realizzazione di efficaci strategie di mitigazione e adattamento. Non vi è ampio margine per il sequestro e stoccaggio del carbonio nelle zone rurali. L’azione deve andare al di là di soluzioni basate sul carbonio e dovrebbe promuovere una gestione sana del bestiame anche in termini nutrizionali. Gli agricoltori e gli imprenditori forestali dovrebbero essere incoraggiati a fornire servizi di conservazione del clima e a impegnarsi in sforzi di adattamento ai cambiamenti climatici. Il potenziale delle aree rurali per la produzione di energia rinnovabile sostenibile, così come di biomateriali, dovrebbe essere sviluppato attraverso organi di investimento adeguati. La priorità dovrebbe essere data allo sviluppo ulteriore dell’economia circolare, così come, a cascata, dell’utilizzo dei biomateriali.

Tuttavia, le nuove proposte del Commissario UE all’Agricoltura Phil Hogan per rivitalizzare le aree rurali e promuovere un’agricoltura sostenibile rischiano di essere del tutto inutili se non si cambia radicalmente la struttura della PAC (Politica Agricola Comune). Buona parte dei sussidi mantiene, infatti, gli agricoltori in un modello fallimentare di agricoltura. Poco attenta alla natura e scarsamente sostenibile la PAC minaccia, inoltre, la salute dei cittadini e spinge gli agricoltori fuori dal mercato.

A questo proposito il Ministro dell’Agricoltura francese Stéphane Le Foll ha lanciato la proposta di aggiungere dopo il Primo (Aiuti diretti agli agricoltori) e il Secondo (Sviluppo rurale), un Terzo pilastro alla PAC dopo il 2020 per sostenere il reddito dei produttori nei periodi di volatilità del mercato.

Alla presenza di 21 ministri agricoli, che sono stati invitati a Chambord, nella Valle della Loira, per discutere del futuro della PAC dopo l’uscita del Regno Unito dalla UE, accanto all’idea lanciata da Le Foll è stata avanzata anche la possibilità di rivedere in futuro le percentuali di cofinanziamento da parte degli Stati Membri o delle Regioni e degli agricoltori. Spesso, infatti, l’obbligatorietà del cofinanziamento – quindi con una spesa in compartecipazione anche del singolo agricoltore – impedisce la presentazione di una domanda e, dunque, dell’utilizzo dei fondi comunitari per lo Sviluppo rurale.

Per il momento la Direzione Generale Agricoltura della Commissione UE non ha commentato, ma quel che è certo è che i Paesi  stanno già pensando a soluzioni per la prossima (ennesima) riforma.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende