Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Vado a vivere in montagna: quando le start up puntano in alto:

Vado a vivere in montagna: quando le start up puntano in alto

marzo 7, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

D’abitudine quando si presenta un progetto di sviluppo locale dedicato alle zone interne o montane si fa leva sulla medicina che cura i mali classici: spopolamento, senilizzazione, decremento demografico, chiusura dei servizi pubblici e privati, abbandono delle attività primarie, degrado del territorio…. e la lista potrebbe essere molto più lunga. Oggi vi presentiamo un caso che rovescia la logica: la montagna non è più un problema, ma un’opportunità di sviluppo; la montagna è un desiderio, un’aspirazione per i nuovi montanari che vogliono piantare le loro tende nei piccoli borghi delle Terre Alte. Non solo per respirare aria fine e buona, mangiare i prodotti dell’orto, bere acqua direttamente dalla fonte, ma per fare impresa, sviluppare business e creare lavoro.

Il fatto è che c’è domanda di montagna e per rispondere a questa esigenza ha preso forma, in Piemonte, il progetto “Vado a vivere in montagna“, idea originale fermentata all’interno del progetto InnovAree, promosso da Accademia Alte Terre, Collegio Carlo Alberto, Uncem e SocialFare con l’obiettivo di offrire servizi gratuiti di mentorship, networking e matching con enti di micro-credito e finanza etica a chi vuole sviluppare un progetto di impresa nei paesi in vetta del Piemonte. Insomma si è partiti dall’offerta di credito per rendere reale il desiderio d’impresa in altitudine.

Azzurra Spirito, responsabile comunicazione di Social Fare ci ha raccontato qualche dettaglio di questo innovativo piano di sviluppo locale e rurale, a partire dal numero di persone che, ad oggi, si sono rivolte allo sportello: “In meno di un mese abbiamo ricevuto più di 40 richieste d’incontro, un’occasione fondamentale per mappare le idee e le proposte di questi aspiranti imprenditori che vogliono cambiare, voltare pagina. Questo progetto evidenzia l’esigenza di questo nuovo stile di vita“.

Già vent’anni fa, tra i sociologi francesi e poi italiani, si parlava di “nuovi rurali“, ora è il turno dei “nuovi montanari” ovvero persone mediamente ben istruite e spesso con esperienze di lavoro in aree urbane, che hanno molte idee d’impresa da realizzare in un contesto diverso da quello di provenienza. Ma è complesso rinchiuderle in una categoria demografica, sociale, culturale: “Il panorama è eterogeneo, sono persone accomunate dal desiderio di cambiare e di avere un business plan ben strutturato”.

Tensione etica, dunque, e ricerca di una autentica sostenibilità ecologica e sociale, ma i promotori del progetto hanno ben chiaro che va curata anche la sostenibilità economica perché “non è sufficiente la buona idea. Collaboriamo con istituzioni, con fondazioni bancarie, con banche come enti di supporto per agevolare e sostenere la capacity building dei nuovi montanari”. Insomma per resistere in montagna servono competenze economiche utili a far sviluppare radici profonde alle imprese che si vogliono creare. Tutti ci possono provare: neo-laureati, liberi professionisti, associazioni, organizzazioni non profit, imprese già costituite o costituende, imprese sociali che hanno sviluppato progetti per i settori agro-silvo-pastorale, servizi alla persona, turismo sostenibile, agricoltura sociale, energie rinnovabili, cultura e promozione del territorio, recupero dell’edilizia dismessa a fini produttivi e comunitari.

L’8 maggio prossimo, ci anticipa Azzurra, la grande uscita pubblica: “Stiamo lavorando ad un importante evento per il quale saranno coinvolti scrittori, imprenditori, personalità del mondo della montagna. Sarà una panoramica sul cosa significa vivere in montagna e verranno presentati i primi progetti selezionati. Si tratta di un’ulteriore occasione per sviluppare relazioni. Siamo partiti dalla mancanza di credito, ma ci siamo accorti che oltre l’esigenza finanziaria tra i nuovi montanari c’è la necessità di un network, di una comunità. In altri termini sapere che ci sono altre persone che si stanno muovendo in quella direzione, ovvero possibili compagni di progetto o collaboratori, aiuta”.  L’ottica del distretto e del “fare squadra”, ma ad alta quota e circondati dai boschi.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende