Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Varese Ligure, premiata comunità rurale 100% rinnovabile:

Varese Ligure, premiata comunità rurale 100% rinnovabile

giugno 8, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Michela Marcone è una ligure doc, «con la fissa per i numeri» e per dire le cose come stanno, senza tanti giri di parole. Dal 2004 è sindaco (e nei cinque anni precedenti è stata vicesindaco e Assessore all’Ambiente) di Varese Ligure. Un paese con poco più di 2.000 abitanti, arrampicato sull’appennino tra La Spezia e Genova. Se guardi sulla cartina, è un solo un punto piccolo piccolo, ma Varese è da anni un modello per tutti quegli amministratori che vogliono seguire la strada della sostenibilità. «Una parola che ormai non ha più significato, perché la gente la usa per qualunque cosa», sbotta il sindaco. È purtroppo vero, ma per coloro che danno a questa parola un significato concreto,Varese Ligure certo è un caso più unico che raro.

Qui, la svolta è avvenuta nei primi anni Novanta, con Maurizio Caranza: «E’ stato sindaco per tre mandati, dal 1990 al 2004. A lui bisogna riconoscere il merito di aver pensato a un futuro diverso e possibile per Varese». Nel 1999, è stato il primo comune in Europa a ottenere le certificazioni ambientali ISO 14001 e l’iscrizione all’Emas, un sistema europeo per valutare e migliorare l’efficienza ambientale di enti e aziende. «Ci ha aiutato il fatto che avevamo un territorio senza nessuna complessità rilevante dal punto di vista ambientale. Il nostro è un paese agricolo, in cui l’ambiente, grazie alla mentalità contadina, è stato sfruttato, ma mai distrutto, perché da lì viene il sostentamento».

I primi interventi nella nuova direzione, spiega Michela Marcone, «sono stati dettati anche dalle occasioni offerte da bandi e contributi». È così che, approfittando di fondi europei, negli anni Novanta è stato recuperato il centro storico del paese: «Siamo riusciti a coinvolgere anche i cittadini, che, usufruendo dei contributi, hanno potuto ristrutturare le loro case». Il passo successivo è stato nel solco della tradizione contadina: «Abbiamo promosso il metodo biologico tra gli agricoltori del territorio. Oggi, l’80% delle aziende di Varese Ligure sono biologiche, e sono anche nate due cooperative che lavorano e commercializzano i nostri prodotti, una casearia e l’altra di macellazione». Ai giovani, l’agricoltura offre anche un posto di lavoro: «Ovviamente da noi non si trova il lavoro in banca o negli uffici pubblici, ma per chi vuole lavorare in agricoltura le possibilità ci sono. E alcuni giovani sono rimasti a Varese, hanno ingrandito l’azienda di famiglia e si sono specializzati».

Poi, è stata la volta delle energie rinnovabili: «Anche in seguito alla certificazione ambientale, abbiamo deciso di puntare sulle energie verdi. In paese ci sono un impianto eolico di proprietà della municipalizzata Acam e i pannelli fotovoltaici sul tetto del depuratore comunale. Grazie a questi impianti abbiamo raggiunto, e ampiamente superato, l’autonomia energetica: oggi produciamo il 300% dell’energia consumata». E anche i cittadini ci hanno preso gusto: nel 2010, il Comune ha creato un Gruppo di acquisto solare. Più famiglie si sono messe insieme per comprare pannelli solari, potendo usufruire così di sconti consistenti. «In tutto sono stati installati circa 40 kilowatt. L’iniziativa ha avuto successo e stiamo pensando di riproporla».

Anche nella gestione dei rifiuti si sono fatti dei progressi rispetto al resto della provincia: «Nel territorio spezzino, ci sono tariffe che sono tra le più alte in Italia, a fronte di un piano dei rifiuti non ancora concluso. A Varese siamo arrivati a una percentuale di raccolta differenziata pari al 28%, che non è molto. Ma c’è un altro dato, più significativo, che meglio racconta la nostra realtà: la media dei rifiuti prodotti ogni anno pro capite in paese è sensibilmente inferiore a quella provinciale: 400 contro oltre 530 chili». Un risultato che, secondo il sindaco, viene sempre dalla mentalità contadina di questi luoghi: «Qui si riusa il rifiuto alla fonte. Pensiamo al legno: a nessuno verrebbe mai in mente di buttarlo, perché qui tutti hanno una stufa o un caminetto».

I premi per Varese non si sono fatti attendere. Nel 2004, il paese è stato premiato dalla Commissione Europea come Migliore comunità rurale 100% rinnovabile”, e pochi giorni fa è arrivato il riconoscimento regionale per il Comune ligure più impegnato sul fronte ambientale. E in collaborazione con l’Università di Genova sta per partire in paese un altro progetto ambizioso, per la depurazione dell’acqua, che unisce l’impatto zero al chilometro zero: «Si tratta del metodo delle microalghe autoctone. Le alghe vengono già utilizzate da tempo, ma la novità è la scelta di alghe del territorio, in gradi di sopravvivere più a lungo nel nostro clima e far meglio il loro lavoro».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende