Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Varese Ligure, premiata comunità rurale 100% rinnovabile:

Varese Ligure, premiata comunità rurale 100% rinnovabile

giugno 8, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Michela Marcone è una ligure doc, «con la fissa per i numeri» e per dire le cose come stanno, senza tanti giri di parole. Dal 2004 è sindaco (e nei cinque anni precedenti è stata vicesindaco e Assessore all’Ambiente) di Varese Ligure. Un paese con poco più di 2.000 abitanti, arrampicato sull’appennino tra La Spezia e Genova. Se guardi sulla cartina, è un solo un punto piccolo piccolo, ma Varese è da anni un modello per tutti quegli amministratori che vogliono seguire la strada della sostenibilità. «Una parola che ormai non ha più significato, perché la gente la usa per qualunque cosa», sbotta il sindaco. È purtroppo vero, ma per coloro che danno a questa parola un significato concreto,Varese Ligure certo è un caso più unico che raro.

Qui, la svolta è avvenuta nei primi anni Novanta, con Maurizio Caranza: «E’ stato sindaco per tre mandati, dal 1990 al 2004. A lui bisogna riconoscere il merito di aver pensato a un futuro diverso e possibile per Varese». Nel 1999, è stato il primo comune in Europa a ottenere le certificazioni ambientali ISO 14001 e l’iscrizione all’Emas, un sistema europeo per valutare e migliorare l’efficienza ambientale di enti e aziende. «Ci ha aiutato il fatto che avevamo un territorio senza nessuna complessità rilevante dal punto di vista ambientale. Il nostro è un paese agricolo, in cui l’ambiente, grazie alla mentalità contadina, è stato sfruttato, ma mai distrutto, perché da lì viene il sostentamento».

I primi interventi nella nuova direzione, spiega Michela Marcone, «sono stati dettati anche dalle occasioni offerte da bandi e contributi». È così che, approfittando di fondi europei, negli anni Novanta è stato recuperato il centro storico del paese: «Siamo riusciti a coinvolgere anche i cittadini, che, usufruendo dei contributi, hanno potuto ristrutturare le loro case». Il passo successivo è stato nel solco della tradizione contadina: «Abbiamo promosso il metodo biologico tra gli agricoltori del territorio. Oggi, l’80% delle aziende di Varese Ligure sono biologiche, e sono anche nate due cooperative che lavorano e commercializzano i nostri prodotti, una casearia e l’altra di macellazione». Ai giovani, l’agricoltura offre anche un posto di lavoro: «Ovviamente da noi non si trova il lavoro in banca o negli uffici pubblici, ma per chi vuole lavorare in agricoltura le possibilità ci sono. E alcuni giovani sono rimasti a Varese, hanno ingrandito l’azienda di famiglia e si sono specializzati».

Poi, è stata la volta delle energie rinnovabili: «Anche in seguito alla certificazione ambientale, abbiamo deciso di puntare sulle energie verdi. In paese ci sono un impianto eolico di proprietà della municipalizzata Acam e i pannelli fotovoltaici sul tetto del depuratore comunale. Grazie a questi impianti abbiamo raggiunto, e ampiamente superato, l’autonomia energetica: oggi produciamo il 300% dell’energia consumata». E anche i cittadini ci hanno preso gusto: nel 2010, il Comune ha creato un Gruppo di acquisto solare. Più famiglie si sono messe insieme per comprare pannelli solari, potendo usufruire così di sconti consistenti. «In tutto sono stati installati circa 40 kilowatt. L’iniziativa ha avuto successo e stiamo pensando di riproporla».

Anche nella gestione dei rifiuti si sono fatti dei progressi rispetto al resto della provincia: «Nel territorio spezzino, ci sono tariffe che sono tra le più alte in Italia, a fronte di un piano dei rifiuti non ancora concluso. A Varese siamo arrivati a una percentuale di raccolta differenziata pari al 28%, che non è molto. Ma c’è un altro dato, più significativo, che meglio racconta la nostra realtà: la media dei rifiuti prodotti ogni anno pro capite in paese è sensibilmente inferiore a quella provinciale: 400 contro oltre 530 chili». Un risultato che, secondo il sindaco, viene sempre dalla mentalità contadina di questi luoghi: «Qui si riusa il rifiuto alla fonte. Pensiamo al legno: a nessuno verrebbe mai in mente di buttarlo, perché qui tutti hanno una stufa o un caminetto».

I premi per Varese non si sono fatti attendere. Nel 2004, il paese è stato premiato dalla Commissione Europea come Migliore comunità rurale 100% rinnovabile”, e pochi giorni fa è arrivato il riconoscimento regionale per il Comune ligure più impegnato sul fronte ambientale. E in collaborazione con l’Università di Genova sta per partire in paese un altro progetto ambizioso, per la depurazione dell’acqua, che unisce l’impatto zero al chilometro zero: «Si tratta del metodo delle microalghe autoctone. Le alghe vengono già utilizzate da tempo, ma la novità è la scelta di alghe del territorio, in gradi di sopravvivere più a lungo nel nostro clima e far meglio il loro lavoro».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende