Home » Very Important Planet » “Più asini-taxi per tutti”. Il sogno slow di Beppe Tosco diventa realtà.:

“Più asini-taxi per tutti”. Il sogno slow di Beppe Tosco diventa realtà.

maggio 25, 2012 Very Important Planet

Boscaiolo, eremita, pescatore. Beppe Tosco il visionario anticipatore di mondi impossibili. Il sognatore, che precorre i tempi in cui “La benzina è finita”, titolo di un suo libro (Mondadori, 2010) e gli asini taxi si sostituiscono alle automobili senza rimpianti, per necessità. L’attore piemontese, uno degli autori televisivi di sketch per i comici più famosi, quali Luciana Litizzetto e in passato Enrico Bertolino, Ale e Franz, Luca e Paolo, professa e confessa uno stile di vita “green” che più green non si può. Tra la città e la natura, la civiltà e la quiete sperduta dei campi, dei fiumi, dei monti e dei laghi non ha dubbi: sempre e comunque i secondi. Novello Adamo, ricercatore di un paradiso terrestre naturale che fa anche da sfondo al suo ultimo volume, “Perché le donne credono nel colpo di fulmine, gli uomini nel colpo di culo”, presentato oggi al Circolo dei Lettori di Torino.

D) Una visione un po’ maschilista in questo testo… E’ finito ogni romanticismo?

R) “Mi sono interrogato sulla verità delle cose amorose e ho provato a sondare il parere femminile sulla questione. Avessi trovato una donna che sia riuscita a parlarmi male degli uomini… Iniziavano a spifferare i difetti delle altre, era più forte di loro! Poi ho capito che è questione di visioni: siamo 7 miliardi su questa terra. Riuscire a trovare un accordo di fedeltà a due per tutta la vita è un bell’obiettivo, ma non sta scritto da nessuna parte che debba funzionare. La monogamia non ha senso, anche se è stata inventata in tempi di necessità, quando vigeva il principio che l’unione fa la forza, potremmo accettare questo fatto e sollevare in alto il cuore, smettendo di soffrire per l’amore. Non sarebbe più facile?”.

D) E forse più naturale… Ma come mai tutto questo scetticismo apocalittico? E’ ancora convinto che “Tutte le zanzare siano puttane”, come recita sarcasticamente un altro suo titolo?

R) “Spesso i nomi dei miei libri li sceglie l’editore. Io li chiamerei in altro modo. Certi titoli tolgono la poesia alla mia scrittura. Io sono un ambientalista per pragmatismo, non sopporto il falso amore per la natura perché non conduce mai a nulla di buono. Ho l’istinto del cacciatore, ma se vado al fiume pesco due trote per volta, lo stretto necessario per me. Se continuiamo a mangiare via pezzi di mondo indiscriminatamente, tra un po’ non ci resta più nulla. Infatti la tendenza oggi è di tornare all’antico. In un mio libro lanciavo l’idea onirica degli asini-taxi. Sarà incredibile, ma nel comune di Reggio Emilia li hanno istituiti per davvero contro il caro benzina”.

D) Quali sono i suoi rifugi naturali?

R) “Moltissimi…Dal fiume Orco nel canavesano, un posto da trote, al laghetto Bringuez in Val d’Aosta, a 2700 metri d’altezza. Lì una volta ho avuto un incontro ravvicinato con una mucca, che quasi voleva entrare nella mia tenda. Ero solo, ho provato 15 minuti di paura, poi mi son detto: hai mai sentito qualche campeggiatore morto per assalto di bovino gigante? No. Allora mi sono tranquillizzato. Lo narro in uno dei miei racconti”.

D) Mai pensato di abbandonare la città e darsi all’eremitaggio?

R) “Più o meno questa è la mia vita. Abito a Castagneto Po, un tempo a Torrita Tiberina, un posticino minuscolo di 800 abitanti. Quando la civilità mi stressa prendo la tenda e mi ritiro sui monti. Un esempio per tutti, quelli della Laga, sull’Appennino. Mi ritengo un uomo fortunato, perché faccio un lavoro che si concilia con la libertà. A tutti gli altri, stressati stakanovisti dico, ma chi ve lo fa fare?”.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende