Home » Comunicati Stampa »Rassegna Stampa » Il biologico conquista la prima pagina (e il grande pubblico):

Il biologico conquista la prima pagina (e il grande pubblico)

“Ci fa piacere – scrive l’ente certificatore CCPB in una nota - vedere che, per una volta, anche i media di massa riconoscono al biologico un valore positivo per tutti, e non solo per una nicchia di consumatori salutisti e (tra le righe) un po’ fanatici”.

L’articolo di Emanuele Coen, apparso sullo scorso numero del Venerdì di Repubblica, parla infatti degli aumenti record nelle vendite dei prodotti biologici, collegandoli agli effetti della crisi. Il titolo è “Bio: la crisi dà più spazio ai buoni di natura”. Considerate le precedenti incursioni della stampa mainstream nell’ambito del biologico - per mettere principalmente in luce le truffe del “falso bio”- questo, secondo CCPB è un segno incoraggiante.

Le ragioni di questo “cambio di rotta” della stampa sono da cercarsi innanzitutto nei numeri, inconfutabili. Le elaborazioni di Cia su dati Ismea, così come quelle della Coldiretti raccontano – a fronte di un brutale crollo dei consumi alimentari - non solo un’ottima tenuta, ma una crescita sorprendente nel nascente mercato del “cibo pulito“, che arriva fino al 101% nel primo quadrimestre dell’anno. Ma è anche significativo che questo aumento si registri anche per prodotti lavorati, che il senso comune accosta meno al biologico, come formaggi, crackers, pasta.

C’è poi, sottolinea CCPB, il ruolo della certificazione, che rinforza il messaggio positivo di questi prodotti. La stampa coglie l’occasione dei venti anni del regolamento CEE, che per la prima volta ha disciplinato il settore, per ricostruire un ritratto fedele del biologico e riconoscerne la popolarità non solo nei negozi specializzati ma anche nei grandi supermercati e perfino nei discount. Il marchio europeo della “foglia verde” non è più solo una garanzia, ma sembra ormai essere diventato una cifra di riconoscibilità premiata dai consumatori.

Il bio comincia dunque ”a pensare in grande”, ma sulla strada restano ancora alcuni interrogativi. Per esempio, il rapporto del settore con il mercato equo e solidale, ma soprattutto con la filiera corta: il cosiddetto “chilometro zero”. Questa sarà una delle prossime sfide del mercato, che dovrà trovare un equilibrio tra due aspetti della produzione spesso erroneamente identificati: un prodotto a filiera corta non è necessariamente biologico, e viceversa. Qual è il comportamento che rende l’impronta del consumatore più leggera? Bisogna privilegiare la filiera corta o il bio, anche a costo di acquistare cibo proveniente da lontano? Secondo Coldiretti (che sposa la causa dei coltivatori italiani) il chilometro zero è oggi imprescindibile, mentre secondo Andrea Ferrante, presidente di Aiab (Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica) “è legittima la curiosità di assaggiare cibi di altre culture, dobbiamo evitare esagerazioni autarchiche”.

Il biologico è sicuramente un settore attento alle tipicità e al ‘locale’ - commenta Fabrizio Piva, amministratore delegato di CCPB, cercando una mediazione - ma una volta per tutte vogliamo definire cosa intendiamo per ‘chilometro zero’, vogliamo dare una chiave di lettura al consumatore? Se si tratta di prodotto italiano chiamiamolo per nome ed evitiamo allocuzioni il cui zero non ha alcun significato. Il biologico è biologico indipendentemente dal luogo di coltivazione, il metodo di produzione non ha confini e conferisce dignità a tutti coloro che producono nel rispetto delle regole che ne contraddistinguono le tecniche e la storia. Non credo che con l’autarchia facciamo un gran servizio al nostro sistema produttivo anche se preferisco, a parità di condizioni, prodotti italiani. Facciamo un gran servizio al nostro sistema produttivo se creiamo le condizioni perché sia più competitivo sui mercati mondiali e non certo chiudendo le frontiere: se lo facessero anche i tedeschi per noi sarebbero guai, e seri”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende