Home » Eventi »Internazionali »Politiche » Bioenergia per coltivare uno sviluppo sostenibile:

Bioenergia per coltivare uno sviluppo sostenibile

novembre 14, 2011 Eventi, Internazionali, Politiche

Gli obiettivi di sviluppo di energia da biomassa possono essere compatibili con l’aumento della produzione di cibo? Questa la domanda principale a cui hanno cercato di dare una risposta i relatori del seminario “Bioenergia Sostenibile: i Semi dello Sviluppo Sostenibile”, organizzato a Roma dalla Global Bioenergy Partnership (GBEP) e dal Ministero dell’Ambiente. Gli obiettivi di sicurezza alimentare non paiono necessariamente in competizione con le bioenergie, ma a patto che queste ultime si sviluppino secondo precise condizioni. Sono fondamentali cioè politiche chiare nella definizione dei criteri di sostenibilità ambientale, cooperazione internazionale e scambio di informazioni tra Paesi.

Alla sfida dell’aumento di popolazione e della conseguente esigenza di incrementare sia il cibo disponibile, che l’accesso all’energia, Monika Bergamaschi, Segretario all’Agricoltura dello Stato di San Paolo, in Brasile, risponde ponendo come obiettivo l’aumento della produttività in agricoltura. Ricerca, tecnologia, nuove pratiche agricole che vadano nella direzione di aiutare lo Stato di San Paolo a centrare l’obiettivo, di carattere volontario, di ridurre le emissioni di gas serra del 20% rispetto al 2005. Il governo brasiliano ha anche un piano specifico per ridurre le emissioni derivanti dall’agricoltura (Low Carbon Agriculture System, Programa ABC). E a quanti temono che l’Amazzonia possa essere  vittima di deforestazioni collegate alla filiera dei biocarburanti, Mariangela Rebuà, Direttrice del Dipartimento di Energia del Ministero per le Relazioni Internazionali del Brasile, assicura che la coltivazione della biomassa per la trasformazione in bioenergia viene effettuata a sud-est del territorio brasiliano, a più di duemila chilometri dalla foresta amazzonica. Ricordando, tra l’altro, che il clima dell’Amazzonia non sarebbe nemmeno adatto alle coltivazioni bioenergetiche.

In Argentina, spiega Miguel Almada, Ministro dell’Agricoltura, esistono già percentuali obbligatorie per i biocarburanti, che nel 2006 erano del 6% e arriveranno al 10% nel 2012. Lo scopo è quello di sostituire completamente la quota di diesel importata con il biodiesel. L’Argentina ha 40 milioni di abitanti ma produce cibo per 400 milioni. Per quanto riguarda l’etanolo, anche se fosse prodotto solo da canna da zucchero, arriverebbe a essere utilizzato a tale scopo solo il 2,5% della produzione. L’obiettivo è quindi quello di aumentare la produzione. Ma proteggere le foreste e impedire il taglio finchè l’ente che gestisce il territorio non abbia provveduto a redigere un inventario (Native Forest Land Inventory) e un piano di gestione razionale.

E’tuttavia l’Europa a fare la parte del leone nella definizione di standard di sostenibilità, grazie a quanto stabilito nella direttiva 28/2009, la cosiddetta “20-20-20”, che, oltre a stabilire un obiettivo europeo al 2020 di quota di energia da rinnovabili del 20% e di aumento dell’efficienza energetica del 20%, stabilisce che il 10% del carburanti utilizzato per i trasporti dovrà essere prodotto da biomassa rinnovabile e sostenibile. Dove per sostenibile l’Unione Europea intende un biocarburante che riduca le emissioni di gas serra del 35% rispetto ai carburanti fossili (quota che salirà al 50/60% nei prossimi anni), senza convertire l’uso del suolo e disboscare aree protette.

Giulio Volpi, del Direttorato Generale per l’Energia della Commissione Europea, spiega come le bioenergie potranno contribuire al mix energetico finale al 2020, con un aumento graduale che porterà l’Europa a diventare un importante blocco importatore di biocarburanti. Fino ad ora, la Commissione Europea ha approvato sette standard di certificazione volontari che possono essere adottati dalle aziende europee ed extraeuropee per verificare la sostenibilità della filiera della biomassa utilizzata. Tra questi standard c’è già uno schema brasiliano, mentre è in corso di revisione uno schema argentino.

I biocarburanti possono giocare un ruolo importante non solo in Europa, sia per centrare gli impegni di riduzione dei gas serra, che per fronteggiare possibili aumenti ulteriori del costo dei combustibili fossili. Secondo Corrado Clini, direttore generale del Ministero dell’Ambiente e chair della Global Bioenergy Partnership, è tuttavia necessaria l’identificazione di criteri di sostenibilità nelle regole del commercio dei biocarburanti, così da trasformarli in un motore di cambiamento: regole certe e condivise, idonee a favorire la trasparenza e la sostenibilità anche economica del mercato. Per Clini l’Africa è una regione chiave per i biocarburanti, che potrebbero introdurre degli strumenti innovativi per la cooperazione allo sviluppo. Petrolio e gas non possono più essere i driver di sviluppo dell’Africa.

Bioenergia dunque come mezzo per aumentare la sicurezza energetica, alimentare e climatica. Certo, i biocarburanti non saranno la panacea di tutti i mali, ma se utilizzati secondo appropriate regole di sostenibilità, potranno certamente contribuire alle misure necessarie per indirizzare le future sfide dello sviluppo.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende