Home » Eventi »Internazionali »Politiche » Bioenergia per coltivare uno sviluppo sostenibile:

Bioenergia per coltivare uno sviluppo sostenibile

novembre 14, 2011 Eventi, Internazionali, Politiche

Gli obiettivi di sviluppo di energia da biomassa possono essere compatibili con l’aumento della produzione di cibo? Questa la domanda principale a cui hanno cercato di dare una risposta i relatori del seminario “Bioenergia Sostenibile: i Semi dello Sviluppo Sostenibile”, organizzato a Roma dalla Global Bioenergy Partnership (GBEP) e dal Ministero dell’Ambiente. Gli obiettivi di sicurezza alimentare non paiono necessariamente in competizione con le bioenergie, ma a patto che queste ultime si sviluppino secondo precise condizioni. Sono fondamentali cioè politiche chiare nella definizione dei criteri di sostenibilità ambientale, cooperazione internazionale e scambio di informazioni tra Paesi.

Alla sfida dell’aumento di popolazione e della conseguente esigenza di incrementare sia il cibo disponibile, che l’accesso all’energia, Monika Bergamaschi, Segretario all’Agricoltura dello Stato di San Paolo, in Brasile, risponde ponendo come obiettivo l’aumento della produttività in agricoltura. Ricerca, tecnologia, nuove pratiche agricole che vadano nella direzione di aiutare lo Stato di San Paolo a centrare l’obiettivo, di carattere volontario, di ridurre le emissioni di gas serra del 20% rispetto al 2005. Il governo brasiliano ha anche un piano specifico per ridurre le emissioni derivanti dall’agricoltura (Low Carbon Agriculture System, Programa ABC). E a quanti temono che l’Amazzonia possa essere  vittima di deforestazioni collegate alla filiera dei biocarburanti, Mariangela Rebuà, Direttrice del Dipartimento di Energia del Ministero per le Relazioni Internazionali del Brasile, assicura che la coltivazione della biomassa per la trasformazione in bioenergia viene effettuata a sud-est del territorio brasiliano, a più di duemila chilometri dalla foresta amazzonica. Ricordando, tra l’altro, che il clima dell’Amazzonia non sarebbe nemmeno adatto alle coltivazioni bioenergetiche.

In Argentina, spiega Miguel Almada, Ministro dell’Agricoltura, esistono già percentuali obbligatorie per i biocarburanti, che nel 2006 erano del 6% e arriveranno al 10% nel 2012. Lo scopo è quello di sostituire completamente la quota di diesel importata con il biodiesel. L’Argentina ha 40 milioni di abitanti ma produce cibo per 400 milioni. Per quanto riguarda l’etanolo, anche se fosse prodotto solo da canna da zucchero, arriverebbe a essere utilizzato a tale scopo solo il 2,5% della produzione. L’obiettivo è quindi quello di aumentare la produzione. Ma proteggere le foreste e impedire il taglio finchè l’ente che gestisce il territorio non abbia provveduto a redigere un inventario (Native Forest Land Inventory) e un piano di gestione razionale.

E’tuttavia l’Europa a fare la parte del leone nella definizione di standard di sostenibilità, grazie a quanto stabilito nella direttiva 28/2009, la cosiddetta “20-20-20”, che, oltre a stabilire un obiettivo europeo al 2020 di quota di energia da rinnovabili del 20% e di aumento dell’efficienza energetica del 20%, stabilisce che il 10% del carburanti utilizzato per i trasporti dovrà essere prodotto da biomassa rinnovabile e sostenibile. Dove per sostenibile l’Unione Europea intende un biocarburante che riduca le emissioni di gas serra del 35% rispetto ai carburanti fossili (quota che salirà al 50/60% nei prossimi anni), senza convertire l’uso del suolo e disboscare aree protette.

Giulio Volpi, del Direttorato Generale per l’Energia della Commissione Europea, spiega come le bioenergie potranno contribuire al mix energetico finale al 2020, con un aumento graduale che porterà l’Europa a diventare un importante blocco importatore di biocarburanti. Fino ad ora, la Commissione Europea ha approvato sette standard di certificazione volontari che possono essere adottati dalle aziende europee ed extraeuropee per verificare la sostenibilità della filiera della biomassa utilizzata. Tra questi standard c’è già uno schema brasiliano, mentre è in corso di revisione uno schema argentino.

I biocarburanti possono giocare un ruolo importante non solo in Europa, sia per centrare gli impegni di riduzione dei gas serra, che per fronteggiare possibili aumenti ulteriori del costo dei combustibili fossili. Secondo Corrado Clini, direttore generale del Ministero dell’Ambiente e chair della Global Bioenergy Partnership, è tuttavia necessaria l’identificazione di criteri di sostenibilità nelle regole del commercio dei biocarburanti, così da trasformarli in un motore di cambiamento: regole certe e condivise, idonee a favorire la trasparenza e la sostenibilità anche economica del mercato. Per Clini l’Africa è una regione chiave per i biocarburanti, che potrebbero introdurre degli strumenti innovativi per la cooperazione allo sviluppo. Petrolio e gas non possono più essere i driver di sviluppo dell’Africa.

Bioenergia dunque come mezzo per aumentare la sicurezza energetica, alimentare e climatica. Certo, i biocarburanti non saranno la panacea di tutti i mali, ma se utilizzati secondo appropriate regole di sostenibilità, potranno certamente contribuire alle misure necessarie per indirizzare le future sfide dello sviluppo.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Botanica: musica e scienza per raccontare la vita delle piante

febbraio 27, 2017

Botanica: musica e scienza per raccontare la vita delle piante

Aboca, Stefano Mancuso e i DeProducers tornano insieme con lo spettacolo Botanica per continuare ad unire musica e scienza e raccontare le meraviglie del mondo vegetale. Un progetto innovativo e coinvolgente che vede la consulenza scientifica di uno dei più importanti ricercatori botanici internazionali, il Prof. Mancuso, tra le massime autorità mondiali nel campo della neurobiologia [...]

Progetto EVE: 325 colonnine di ricarica elettrica per la Toscana

febbraio 27, 2017

Progetto EVE: 325 colonnine di ricarica elettrica per la Toscana

EVE – Electric Vehicle Energy è un progetto che nasce dalla collaborazione tra tre grandi realtà toscane, come Enegan, trader di luce e gas che opera a livello nazionale, il Polo Tecnologico di Navacchio (Pisa) – realtà composta da 60 imprese hi-tech – e Dielectrik, che lavora alla progettazione e alla produzione di prototipi di generi [...]

Officinae Verdi e Manni Group lanciano GMH4.0, soluzione per il “green social housing”

febbraio 24, 2017

Officinae Verdi e Manni Group lanciano GMH4.0, soluzione per il “green social housing”

In Italia oltre la metà del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, circa 500.000 alloggi, è classificato ad elevato consumo energetico (classi E, F e G): per questo motivo le famiglie che vi abitano spendono oltre il 10% del loro reddito per elettricità e gas, a causa della bassa efficienza e di uno dei costi energetici [...]

Ristorante Solidale: al via la prima consegna (in bicicletta) anti-spreco

febbraio 23, 2017

Ristorante Solidale: al via la prima consegna (in bicicletta) anti-spreco

Just eat, azienda leader nel mercato dei servizi per ordinare pranzo e cena a domicilio, ha dato il via ieri, nella sede istituzionale di Palazzo Marino a Milano, alla prima consegna di Ristorante Solidale, il progetto di food delivery solidale patrocinato dal Comune di Milano e sviluppato in collaborazione con Caritas Ambrosiana, l’organismo pastorale della Diocesi di [...]

GSVC: a Milano la sfida tra start up a impatto sociale e ambientale

febbraio 23, 2017

GSVC: a Milano la sfida tra start up a impatto sociale e ambientale

Tecnologie e progetti innovativi a forte impatto sociale o ambientale. Queste le soluzioni social venture per un’economia sostenibile, presentate in occasione della nona edizione italiana della Global Social Venture Competition (GSVC), premio internazionale ideato dall’Università di Berkeley (Usa) per favorire e sviluppare le idee imprenditoriali destinate a questo settore. L’evento, ospitato presso il Centro Convegni [...]

“Un caffè? No, un abbonamento, grazie”. L’iniziativa di Bicincittà per M’illumino di Meno 2017

febbraio 23, 2017

“Un caffè? No, un abbonamento, grazie”. L’iniziativa di Bicincittà per M’illumino di Meno 2017

Bicincittà, il più esteso network di bike sharing italiano (con oltre 110 comuni serviti) aderisce anche quest’anno alla campagna M’Illumino di Meno di Caterpillar-RAI Radio 2, in programma per venerdì 24 febbraio. BicinCittà, per questa edizione, ha  pensato  ad  un’originale  iniziativa  collaterale per sostenere in maniera più efficace la campagna: l’abbonamento sospeso. Così come a Napoli è [...]

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

febbraio 21, 2017

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

Obiettivo Alluminio giunge alla sua decima edizione e anche quest’anno si appresta a coinvolgere migliaia di studenti in oltre 5.000 scuole superiori italiane. Il progetto didattico organizzato dal CIAL (Consorzio Nazionale per la raccolta, il recupero e il riciclo dell’Alluminio), in collaborazione con il Giffoni Film Festival e il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende