Home » Eventi »Normative » I regolamenti edilizi al centro del Saie 2011:

I regolamenti edilizi al centro del Saie 2011

ottobre 7, 2011 Eventi, Normative

I regolamenti comunali edilizi parlano sempre più di sostenibilità e aprono la strada ad un rilancio del settore edilizio attraverso le nuove tecnologie. Cresce infatti ogni anno il numero degli Enti locali che fa del contenimento dei consumi energetici il criterio cardine con cui costruire o riqualificare il patrimonio edilizio esistente. E’ quanto emerge dal Quarto rapporto dell’Osservatorio Nazionale sui Regolamenti Edilizi, presentato al Saie, il salone dell’edilizia in corso a Bologna dal 5 all’8 ottobre.

“I regolamenti edilizi rappresentano un punto di riferimento per gli operatori, nella mole di direttive europee, decreti statali e leggi delle singole regioni – spiega Edoardo Zanchini, responsabile Energia e Urbanistica di Legambiente – e ben 608 su 839 Comuni prevedono oggi obblighi sull’isolamento termico degli edifici”. Altri temi innovativi introdotti nei regolamenti comunali riguardano l’utilizzo di fonti rinnovabili, l’efficienza energetica da teleriscaldamento, il risparmio idrico, l’orientamento e schermatura degli edifici, la permeabilità dei suoli e la contabilizzazione individuale del calore. Un punto debole delle nuove misure pensate dai municipi è costituito invece dai destinatari delle stesse: gran parte delle norme, infatti, riguarda unicamente le nuove costruzioni, che rappresentano oggi circa l’1% del totale. Alcuni enti, però, si stanno già orientando a estendere gli obblighi anche alle riqualificazioni degli edifici esistenti, un bacino pari al 35 per cento degli interventi effettuati ogni anno.

“Mentre alcuni Comuni si limitano a fissare obiettivi prestazionali, altri specificano anche quali tecnologie impiegare per raggiungere gli obiettivi fissati” continua Zanchini. Alcuni dati sono incoraggianti: in 459 città italiane è obbligatorio installare pannelli solari termici, mentre in 482 l’obbligo di allaccio di pannelli fotovoltaici riguarda solo le nuove costruzioni. Oltre quattrocento comuni affrontano il tema dell’orientamento e ombreggiatura delle superfici vetrate, oltre trecento promuovono o obbligano all’allaccio a una rete di teleriscaldamento, all’uso di pompe di calore o d’impianti di cogenerazione.

Luci e ombre dell’efficienza energetica targata Belpaese: a fronte di realtà con vincoli restrittivi come Trento e Bolzano, dove si costruisce almeno in classe B, e di buone pratiche come regolamenti unitari stilati da Amministrazioni che si coordinano – è il caso del comprensorio della Bassa Romagna e Russi, in provincia di Ravenna -, continua il divario tra Nord e Sud, due Italie a velocità diverse. Degli oltre ottocento comuni che hanno adeguato i loro regolamenti, il 66,5% è al Nord, il 26,3% al Centro, e solo il 7,2% al Sud. “E’ triste notare, per esempio, che nessuna città del Centro-Sud abbia posto obblighi sul solare termico” conclude Zanchini.

L’Italia è complessivamente indietro rispetto agli standard fissati dalle direttive europee. E non è sufficiente un’implementazione dei criteri di efficienza energetica così a macchia di leopardo”. Non fa sconti l’analisi di Francesco Toso, di Cresme ricerche.

Se in Piemonte, Lombardia, Trentino, Emilia-Romagna e Puglia sono già in vigore obblighi di certificazione energetica, energie rinnovabili ed efficienza energetica, altre regioni hanno per ora adottato semplici Linee Guida. “L’edilizia può dare un vero contributo all’abbattimento dei consumi di energia e di emissioni di CO2 –  avverte Toso – le potenzialità per intervenire sul patrimonio esistente ci sono: solo il 2 per cento dei nostri edifici risulta in condizioni pessime, ma il 20 per cento è in condizioni mediocri. Basti pensare che il 48% dell’edilizia degli anni ’60 e ’70 ha subito ristrutturazioni importanti negli anni 2000, con una spesa di 13 miliardi di euro nel solo 2010. C’è ancora spazio per interventi di riqualificazione, perciò occorre che siano effettuati con attenzione ai criteri di isolamento delle coperture, con l’uso di pareti ventilate, cappotti termici, infissi e impianti termici. Basterebbero 6,2 miliardi di euro l’anno”. Ben vengano, quindi, gli incentivi fiscali come le detrazioni del 55% degli interventi di ristrutturazione. E se il discusso Decreto Romani, il dlgs 28/2011, ha puntato anche su queste incentivazioni, “tali misure andrebbero però rese strutturali, così da permettere una programmazione dei lavori, linfa vitale di un settore dai tempi lunghi” sostiene Stefano Stefani, del servizio Energia della Regione Emilia-Romagna.

Cristina Gentile

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende