Home » Eventi »Idee » Ipse dixit. La lezione di Serge Latouche agli architetti:

Ipse dixit. La lezione di Serge Latouche agli architetti

maggio 20, 2011 Eventi, Idee

In platea, un mare di architetti a lezione di sostenibilità. In cattedra, Serge Latouche, il guru della decrescita, di una società disintossicata dal culto dello sviluppo fine a se stesso. Loro sono decine di professionisti di tutto il mondo arrivati a Roma per il convegno “The architecture of well tempered environment“, in preparazione del prossimo congresso dell’Uia (Unione Internazionale Architetti) che sarà quest’anno a Tokio, a fine settembre. Sono pronti finalmente a «una presa di responsabilità verso l’ambiente, progettando in modo sostenibile». E allora, chi meglio di lui poteva indicare la strada da seguire?

Francesca Sartogo, presidente dell’associazione Eurosolar Italia e tra i fondatori della bioarchitettura nel nostro Paese, non ha avuto dubbi: Latouche, economista e filosofo, professore emerito all’università Paris XI e autore di numerosi libri sulla decrescita, tra cui Come si esce dalla società dei consumi (Bollati Boringhieri, 2010), è la persona ideale.

«Siamo di fronte a un disastro urbano, causato dalla società della crescita. È il risultato di logiche che sfuggono ad architetti e urbanisti», esordisce il professore bacchettando i suoi ascoltatori. «Il problema è che l’architettura contemporanea è spesso seducente quando si stratta di ville ed edifici prestigiosi, ma ha fallito in un quadro più generale, nell’impedire cioè la disgregazione sociale e la cementificazione dell’ambiente». Una responsabilità pesante per una professione che ormai non può più permettersi di fare solo edilizia bella, ma ha il dovere di indirizzare in modo nuovo l’evoluzione della città, spiega Latouche. Come si è arrivati a questo punto? «Viviamo oggi in una città produttivista, pensata per le automobili. Abbiamo assistito all’esplosione dei centri storici, con la marginalizzazione delle classi popolari nelle periferie. L’Iperpolis attuale, piena di “non-luoghi” come stazioni e centri commerciali, diventerà presto una Necropolis».

Gli architetti ascoltano attenti, si sentono investiti di grandi responsabilità, e aspettano ora da Latouche qualche risposta. «Per costruire case adatte alla nuova società della decrescita, bisogna prima di tutto capire che cosa essa sia. Partirei con il definirla piuttosto una a-crescita: un ateismo cioè verso lo sviluppo fine a se stesso. L’economia della crescita ha distrutto la città e il senso dei luoghi, lacerando il territorio», insiste.

Per questo c’è bisogno di un nuovo corso, in cui «la decrescita sarà scelta, e non imposta. Non si tratterà di un regresso, ma di una a-crescita dell’industria, a favore di un aumento dell’aria pura, dell’acqua pulita e degli spazi verdi».

Alla base di questo capovolgimento, ci sono otto parole chiave, le famose otto R: rivalutare, riconcettualizzare, ristrutturare, rilocalizzare, ridistribuire, ridurre, riutilizzare e riciclare. Sono termini che parlano della necessità di un nuovo inizio, «sereno, sostenibile e conviviale». E allora, si appassiona il professore, «bisogna ritrovare un legame con la natura, riterritorializzare la vita».

Il modello delle nuove città deve essere quello di «una galassia di piccoli villaggi, quartieri autonomi anche dal punto di vista energetico grazie alle rinnovabili, molto adatte a una società decentralizzata, e popolate da ciclisti e pedoni». Una soluzione anche al problema dell’impronta ecologica dei centri urbani: «Nel 2050, si calcola che per produrre tutto ciò di cui ha bisogno la città, serviranno 500 metri quadrati per ogni metro urbanizzato». Una follia che non si può risolvere semplicemente costruendo in verticale: «Bisogna piuttosto progettare città compatte, perché la vita individuale è oggi un’eresia urbanistica». Dunque, le città sostenibili di domani dovranno avere «case co-abitate, botteghe di quartiere, piste ciclabili, sistemi di produzione diversi dalla grande industria, e poi piazze, centri sportivi e aree pedonali».

In questi anni, in molti hanno provato a seguire questa strada, ma non tutti ci sono riusciti. «Hanno fallito le eco-città cinesi, perché lì si tratta solo di abitare meglio, senza cambiare il rapporto dell’uomo con l’ambiente. E non hanno effetti sul resto della città i quartieri sostenibili costruiti in diversi Paesi: sono isole verdi in un mare di inquinamento urbano che non potranno trasformare». Più riusciti, dice Latouche, sono invece gli esperimenti delle Transition town, «un movimento nato dal basso, che cerca prima di tutto la resilienza, cioè la capacità di resistere ai cambiamenti del pianeta».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende