Home » Eventi » La competizione tra food security e sviluppo sostenibile secondo Barilla:

La competizione tra food security e sviluppo sostenibile secondo Barilla

giugno 17, 2011 Eventi

Il suolo, l’acqua, l’aria, le fonti di energia, la biodiversità, sono tutti elementi essenziali per la produzione di cibo, per lo sviluppo rurale e per la crescita sostenibile. Le attuali trasformazioni, come la crescita della popolazione, lo sviluppo economico, l’urbanizzazione e l’aumento della domanda di energia, impongono dunque una maggiore attenzione alla gestione delle risorse naturali.

Se n’è parlato all’incontro “Can the EU tackle the global food security challenge”, organizzato lo scorso 15 giugno dal Barilla Center for Food and Nutrition nella cornice istituzionale del Parlamento europeo.

La sicurezza alimentare, intesa come accesso sicuro e sufficiente al cibo, sta infatti diventando sempre di più una preoccupazione politica, che non coinvolge solamente i Paesi in via di sviluppo ma anche l’Europa e il resto del mondo sviluppato. Oltre ad essere un tema di rilievo geopolitico, la sicurezza alimentare è poi profondamente legata all’ambiente e alla sfida della crescita sostenibile.

Sicurezza alimentare, significa dunque agricoltura e produzione del cibo, ambiti strettamente legati alle tematiche ambientali. E’ infatti in costante crescita la pressione sull’utilizzo delle risorse naturali in varie regioni del Pianeta, nonché la preoccupazione di come utilizzare queste risorse in maniera efficiente, come preservarle e come limitare gli effetti negativi dello sviluppo economico.

Uno dei rischi ambientali connessi alla produzione di cibo, è l’utilizzo inappropriato delle terre. Nel corso degli ultimi cinquanta anni, la crescita della produzione agricola è stata resa possibile dall’uso di fertilizzanti, dall’irrigazione, dall’espansione del 15% dei terreni coltivati e dalla crescita del 7% della densità di colture cerealicole. Oggi, per far fronte alla sicurezza alimentare, sarebbe necessaria un’ulteriore crescita nella coltivazione di cereali, ma vi è anche la consapevolezza che l’utilizzo inappropriato delle terre può compromettere la conservazione della biodiversità e aumentare la produzione di CO2.

Non è dunque semplice trovare un equilibrio tra sicurezza alimentare e sviluppo sostenibile. E diventa ancora più difficile nel momento in cui entrano in gioco altri fattori, come il processo di urbanizzazione, soprattutto nei Paesi che stanno vivendo una forte espansione economica. Si viene così a creare una competizione relativa all’uso dei terreni tra i vari ambiti, quello agricolo e quello urbano. All’urbanizzazione si somma poi un altro settore talvolta in competizione con la produzione di cibo, ossia quell dei biocombustibili di prima generazione, che rischiano di cambiare notevolmente i trend del mercato agricolo, considerando che le proiezioni indicano una crescita di produzione e utilizzo dei biocombustibili di circa il 90% nei prossimi dieci anni e pochi, ad oggi, sono attrezzati per produrre biocombustibili di seconda generazione.

C’è poi la questione dei cambiamenti climatici, definiti “un fattore cruciale in termini di abilità del sistema agricolo di incontrare e stabilire un equilibrio con la costante crescita della popolazione e quindi con l’aumento crescente della domanda di cibo”. I problemi relativi al cambiamento climatico avranno effetti complessi sull’agricoltura e sulla sua capacità di produrre cibo. Si prevedono infatti conseguenze dirette sui processi biofisici e sulle condizioni ecologiche delle fattorie, nonché conseguenze indirette sulla crescita, sulla distribuzione dei redditi e sulla domanda per la produzione agricola. L’aumento della temperatura della terra, il cambiamento relativo alle stagioni e la crescita della concentrazione di CO2 nell’atmosfera, in effetti, hanno effetti sulla potenziale produttività delle terre, sul volume e sulla qualità dei raccolti così come sull’ambiente naturale in cui le imprese agricole operano. Di conseguenza, i cambiamenti climatici potrebbe essere un ostacolo insormontabile per la crescita della produzione agricola globale e quindi sulla sicurezza alimentare globale.

Quale la possibile soluzione? Secondo Mario Monti la via è nella ricerca e nello sviluppo di nuove tecnologie, ma soprattutto in una governance appropriata, che non agisca solamente in base alle logiche di mercato.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende