Home » Eventi »Nazionali »Politiche » Rapporto OIR 2011, nuove proposte sulle rinnovabili:

Rapporto OIR 2011, nuove proposte sulle rinnovabili

luglio 6, 2011 Eventi, Nazionali, Politiche

Le rinnovabili frutteranno all’Italia benefici pari a quasi 50 miliardi di euro in dieci anni, 60.000 nuovi posti di lavoro. I dati, contenuti nel terzo rapporto dell’osservatorio Oir sull’industria e la finanza delle rinnovabili, arrivano nel giorno della resa dei conti sui tagli del 30% agli incentivi per le energie verdi, che per adesso sembrano scongiurati. Alla sede romana di Unicredit, durante la presentazione del rapporto, l’aria è pesante e non si parla d’altro. «Anche se li toglieranno, l’effetto annuncio è stato devastante», concordano due imprenditori. «Preferirei che fossimo governati da persone più attente alle reali necessità del Paese», chiosa Andrea Gilardoni, presidente della società di consulenza Agici, da cui è nato l’Oir, nel concludere la giornata.

Per far capire quanto valga per il nostro Paese il settore delle rinnovabili, il rapporto 2011 propone un’analisi costi-benefici che rivela numeri importanti: da qui al 2020 le rinnovabili frutteranno al nostro paese benefici per quasi 48 miliardi di euro, di cui 38 per mancato import di combustibili fossili, 8 per le emissioni e il conseguente impatto sul clima evitati e 4 miliardi per la nuova occupazione diretta creata. I posti di lavoro nati nel settore, infatti, saranno, dice l’Oir, 60.000, senza contare tutto l’indotto. Benefici che «stanno rendendo la maggior parte delle tecnologie verdi competitive con le fonti fossili». Le previsioni per il sistema Italia si inseriscono in un quadro positivo a livello globale, visto che «il mercato delle rinnovabili prosegue la sua crescita sostenuta: gli investimenti sono passati da 186 miliardi di dollari Usa nel 2009 a 241 nel 2010».

Come dice il titolo stesso (“Rinnovabili ed efficienza energetica. Proposte per un rilancio nel nuovo contesto globale”), argomento su cui si focalizza l’indagine è l’efficienza energetica, settore in cui l’Italia ha tutte le carte in regola per raggiungere obiettivi ambiziosi: «Il nostro Paese ha un know how meccanico forte. È importante però che il governo sostenga le aziende in questo ambito», sottolinea Gaetano Maccaferri, presidente di Seci Energia. «L’industria italiana è particolarmente adatta a sfruttare l’onda dell’efficienza energetica, ma sembra che si faccia di tutto per penalizzare queste aziende», gli fa eco Nino Tronchetti Provera, ceo della società di gestione del risparmio Ambienta.

L’efficienza, spiega l’Oir, rivestirà un ruolo di primo piano anche nello sviluppo delle città intelligenti, altro punto su cui l’osservatorio consiglia agli amministratori di puntare in futuro: «Per Smart City intendiamo lo sviluppo congiunto di rinnovabili ed efficienza energetica in un’ottica di ottimizzazione del consumo delle risorse dei territori urbani». Un fenomeno che «coinvolge industria, finanza, Ict, passando per la pianificazione urbanistica e i trasporti» e che «richiede prodotti e servizi innovativi». Per i quali si sta aprendo un mercato molto ampio: «L’Oir ha stimato che, per le sole tecnologie di generazione distribuita (dell’energia, ndr), ammonti a 15 miliardi di euro». Il progetto delle città intelligenti è ambizioso: Genova e Bari stanno provando a diventare più smart, investendo su mobilità sostenibile, edilizia verde, eco distretti. In poche parole, «su una cultura diversa, un modo nuovo di vivere la città», che coinvolga da vicino le persone. «Oggi avviene nelle città il 75% dei consumi energetici e il 75% delle emissioni. Una delle cose essenziali per lo sviluppo delle Smart city sarà il monitoraggio in tempo reale dei consumi. Si calcola infatti che, semplicemente cambiando alcuni comportamenti, le famiglie arriverebbero a un risparmio del 10%», spiega Claudio Arcudi di Accenture.

Il rapporto dà anche suggerimenti per le politiche future. Tra questi, c’è per prima cosa la sostituzione del Piano energetico nazionale, «fondamentalmente basato sull’individuazione delle migliori modalità di generazione di energia», con un Programma di sostenibilità energetica, che abbia come primo pilastro «lo sviluppo dell’efficienza energetica in tutte le fasi della produzione, del trasporto, dello stoccaggio e del consumo». Il nuovo Piano dovrebbe poi puntare sulla «fissazione di un mix produttivo ottimale nell’ottica dell’efficienza», su «politiche di sostegno equilibrate», «rafforzamento e coordinamento di R&S e innovazione» e sulla «promozione di comportamenti virtuosi presso i consumatori finali». «Serve una vera rivoluzione industriale», commenta il presidente del Wwf Gaetano Benedetto. Per attuarla, suggerisce l’Osservatorio, si dovranno mettere in cima alla lista delle priorità la razionalizzazione del sostegno alle rinnovabili e la crescita delle industrie italiane del settore in ambito internazionale. E ancora: «Sostenere fortemente lo sviluppo tecnologico, sviluppare meccanismi per favorire il consenso nella realizzazione di infrastrutture e impianti, razionalizzare la connessione alla rete e la gestione delle fonti non programmabili e sostenere le rinnovabili termiche».

Veronica Ulivieri

 

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende