Home » Eventi »Rassegna Stampa » Sulla conferenza Europarc la scure dei tagli:

Sulla conferenza Europarc la scure dei tagli

settembre 29, 2010 Eventi, Rassegna Stampa

Un parco, Courtesy of Roby Ferrari, Flickr.comRilanciare gli investimenti a difesa del patrimonio naturale protetto, invertendo la rotta rispetto ai tagli operati su questo fronte da tanti paesi europei.

Sarà questo uno dei temi chiave al centro dell’edizione 2010 della Conferenza Europarc, organizzata dall’omonima federazione, che rappresenta 460 soci in 36 paesi, in apertura oggi a Pescasseroli, nel Parco nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise.

L’evento, che per quattro giorni vedrà la partecipazione di oltre 300 rappresentanti di aree protette di tutta Europa, si intitola “Vivere insieme: biodiversità e attività umane, una sfida per il futuro delle aree protette“. Tema scelto per la concomitanza con l’Anno Internazionale della Biodiversità, un anno, il 2010, che ha visto il Consiglio dei Ministri dell’Ambiente dell’Unione Europea trovare l’accordo sul nuovo obiettivo di “bloccare la perdita di biodiversità e il degrado dei servizi degli ecosistemi nell’UE entro il 2020, ripristinandoli per quanto possibile”, come cita la risoluzione.

Il paradosso è che gli Stati dell’UE, in piena crisi e impegnati in manovre di risanamento dei conti pubblici, si trovino ora a tagliare le risorse alle aree protette. In Italia la prospettiva è di dimezzare i fondi per i Parchi nazionali dal 2011, la stessa misura di cui si parla in Olanda. In Finlandia e Repubblica Ceca si stima una diminuzione di fondi del 10%, mentre sono state già effettuate riduzioni in Gran Bretagna.

Sul versante UE le risorse dei progetti Life+, principale ombrello di finanziamento sul fronte natura, è d’altra parte di appena lo 0,2% del bilancio comunitario.

Secondo i dati Europarc attualmente sono circa 68.000 le aree protette nell’UE a 27 (tra Parchi nazionali e regionali, Riserve naturali e della biosfera, aree marine e paesaggi protetti), con una superficie equivalente a circa il 19% del territorio dell’Unione, cioé la superficie di Spagna e Italia messe insieme. Complessivamente, circa un terzo della popolazione europea è quindi direttamente coinvolta dai parchi – visto che circa 150 milioni di cittadini risiedono nei comuni di queste aree. Numeri importanti per stimolare un turismo sostenibile, che sostenga la sopravvivenza dei parchi e allo stesso tempo l’economia locale.

Per i parchi nazionali e le aree naturali d’Italia si parla di un giro d’affari di 2 miliardi di euro all’anno e un fatturato pari a 9 miliardi di euro, con un’occupazione di 86.000 posti di lavoro (4.000 diretti, 17.000 per servizi, 65.000 per turismo, agricoltura, artigianato, commercio), con 2.450 centri visita, strutture culturali e circa 34 milion di visitatori ogni anno. Le aree protette italiane sono 867, con una superficie tutelata che supera il 10% del territorio nazionale. Nelle aree dei parchi nazionali si possono contare circa 1.700 centri storici, per una popolazione stimata in 901.495 abitanti, mentre il numero dei residenti in tutti i parchi italiani è di quasi 4,5 milioni. Ma nonostante le cifre di valore di questo patrimonio, le aree protette italiane, per sopravvivere, dovranno ora fare i conti con il risanamento dei conti pubblici e la scure dei tagli. Grande attesa dunque, al meeting, per la Finanziaria di fine anno, che dovrebbe recuperare, in extremis, il taglio del 50% al finanziamento dei 23 parchi nazionali.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende