Home » Eventi »Rassegna Stampa » Sulla conferenza Europarc la scure dei tagli:

Sulla conferenza Europarc la scure dei tagli

settembre 29, 2010 Eventi, Rassegna Stampa

Un parco, Courtesy of Roby Ferrari, Flickr.comRilanciare gli investimenti a difesa del patrimonio naturale protetto, invertendo la rotta rispetto ai tagli operati su questo fronte da tanti paesi europei.

Sarà questo uno dei temi chiave al centro dell’edizione 2010 della Conferenza Europarc, organizzata dall’omonima federazione, che rappresenta 460 soci in 36 paesi, in apertura oggi a Pescasseroli, nel Parco nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise.

L’evento, che per quattro giorni vedrà la partecipazione di oltre 300 rappresentanti di aree protette di tutta Europa, si intitola “Vivere insieme: biodiversità e attività umane, una sfida per il futuro delle aree protette“. Tema scelto per la concomitanza con l’Anno Internazionale della Biodiversità, un anno, il 2010, che ha visto il Consiglio dei Ministri dell’Ambiente dell’Unione Europea trovare l’accordo sul nuovo obiettivo di “bloccare la perdita di biodiversità e il degrado dei servizi degli ecosistemi nell’UE entro il 2020, ripristinandoli per quanto possibile”, come cita la risoluzione.

Il paradosso è che gli Stati dell’UE, in piena crisi e impegnati in manovre di risanamento dei conti pubblici, si trovino ora a tagliare le risorse alle aree protette. In Italia la prospettiva è di dimezzare i fondi per i Parchi nazionali dal 2011, la stessa misura di cui si parla in Olanda. In Finlandia e Repubblica Ceca si stima una diminuzione di fondi del 10%, mentre sono state già effettuate riduzioni in Gran Bretagna.

Sul versante UE le risorse dei progetti Life+, principale ombrello di finanziamento sul fronte natura, è d’altra parte di appena lo 0,2% del bilancio comunitario.

Secondo i dati Europarc attualmente sono circa 68.000 le aree protette nell’UE a 27 (tra Parchi nazionali e regionali, Riserve naturali e della biosfera, aree marine e paesaggi protetti), con una superficie equivalente a circa il 19% del territorio dell’Unione, cioé la superficie di Spagna e Italia messe insieme. Complessivamente, circa un terzo della popolazione europea è quindi direttamente coinvolta dai parchi – visto che circa 150 milioni di cittadini risiedono nei comuni di queste aree. Numeri importanti per stimolare un turismo sostenibile, che sostenga la sopravvivenza dei parchi e allo stesso tempo l’economia locale.

Per i parchi nazionali e le aree naturali d’Italia si parla di un giro d’affari di 2 miliardi di euro all’anno e un fatturato pari a 9 miliardi di euro, con un’occupazione di 86.000 posti di lavoro (4.000 diretti, 17.000 per servizi, 65.000 per turismo, agricoltura, artigianato, commercio), con 2.450 centri visita, strutture culturali e circa 34 milion di visitatori ogni anno. Le aree protette italiane sono 867, con una superficie tutelata che supera il 10% del territorio nazionale. Nelle aree dei parchi nazionali si possono contare circa 1.700 centri storici, per una popolazione stimata in 901.495 abitanti, mentre il numero dei residenti in tutti i parchi italiani è di quasi 4,5 milioni. Ma nonostante le cifre di valore di questo patrimonio, le aree protette italiane, per sopravvivere, dovranno ora fare i conti con il risanamento dei conti pubblici e la scure dei tagli. Grande attesa dunque, al meeting, per la Finanziaria di fine anno, che dovrebbe recuperare, in extremis, il taglio del 50% al finanziamento dei 23 parchi nazionali.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende