Home » Idee »Rassegna Stampa » Come i pellegrini medievali:

Come i pellegrini medievali

novembre 30, 2009 Idee, Rassegna Stampa

Courtesy of rozsavage.comDopo aver attraversato il Pacifico a bordo di una barca a remi per battersi contro l’innalzamento del livello di Co2, Roz Savage è ripartita per percorrere, questa volta a piedi, la distanza che separa Londra da Bruxelles. Ma la Savage non sarà sola nei suoi 322 km di cammino: ad accompagnarla la campionessa mondiale di sci estremo, Alison Gannett che porterà con sé i suoi sci e il messaggio della “Save our snow Foundation”, per mettere in guardia contro la progressiva scomparsa della neve.

“Faccio questo – ha scritto la Gannett all‘Unep – per accrescere la consapevolezza sull’importanza di salvare la neve, sia per gli sport di divertimento come lo sci, ma soprattutto perché metà del pianeta dipende dalla neve e dallo scioglimento dei ghiacci per l’acqua potabile e l’irrigazione”.

Alison Ganett per Save our Snow

Alison Ganett per Save our Snow

Le due ambientaliste, arriveranno alla stazione ferroviaria di Bruxelles il 5 dicembre per unirsi ai 400 attivisti e negoziatori a bordo del “Clima Express” diretto a Copenhagen.

Nel frattempo, altri esperti e ambientalisti percorreranno in treno 9000 km, da Tokyo alla capitale danese, passando per la Russia, con lo scopo di documentare l’impatto dei cambiamenti climatici e incontrare le autorità locali. Scegliere come mezzo di trasporto il treno non è casuale: equivale a produrre 10 volte meno di anidride carbonica rispetto all’auto o all’aereo. Le ferrovie, infatti, pur possedendo una quota del mercato del trasporto compresa tra il 7% e il 10% contribuiscono solo al 2% delle emissioni.

Pellegrinaggi a parte, grandi passi avanti sono stati compiuti, negli ultimi giorni, anche sul fronte istituzionale. L’Europarlamento ha approvato con larga maggioranza la risoluzione “Preparazione al summit di Copenhagen sul cambiamento climatico”, che richiede ai Paesi membri un impegno di 30 miliardi di euro all’anno (sui 100 complessivi) a favore dei Paesi in via di sviluppo fino al 2020, mentre dall’agenzia Reuters trapela oggi la bozza di un documento preparatorio del governo danese che propone una riduzione del 50% delle emissioni inquinanti entro il 2050 (rispetto ai livelli del 1990) e l’onere di tagliare l’80%delle emissioni inquinanti a carico dei paesi ricchi.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende