Home » Nazionali »Politiche »Rassegna Stampa » Approvato il decreto Ronchi: cambia la gestione delle risorse idriche:

Approvato il decreto Ronchi: cambia la gestione delle risorse idriche

novembre 20, 2009 Nazionali, Politiche, Rassegna Stampa

Acqua, Courtesy of Tomaso Marcolla, marcolla.itE’stato approvato ieri dalla Camera, in via definitiva, il decreto legge Ronchi che, tra gli altri provvedimenti, contiene la liberalizzazione dei servizi pubblici locali, compresa la gestione delle risorse idriche.

La cosiddetta “privatizzazione dell’acqua” ha scatenato pesanti reazioni da parte delle associazioni ambientaliste e dei “verdi”, mentre già in aula, alla lettura delle votazioni, l’Italia dei Lavori ha voluto polemizzare sollevando cartelli con il monito: ”Giù le mani dall’acqua!”.

Il Ministro delle Politiche Comunitarie Andrea Ronchi ha prontamente replicato dicendosi amareggiato per la strumentalizzazione politica di un provvedimento che pone fine “all’immobilismo e ai monopoli”. “L’acqua” ha voluto chiarire il ministro “è un bene pubblico” e il decreto “non ne prevede la privatizzazione“.  ”Si vogliono combattere i monopoli, le distorsioni, le inefficienze con l’obiettivo di garantire ai cittadini una qualità migliore e prezzi minori”.

Di diverso avviso Legambiente che, ricordando gli esempi negativi dei Paesi che hanno intrapreso la privatizzazione delle risorse idriche, ha commentato duramente: “con questa legge si disperde e si mercifica un patrimonio prezioso, bene comune, il cui utilizzo deve rispondere ad assoluti criteri di utilità pubblica“.  Secondo il Presidente, Vittorio Cogliati Dezza “si sta scegliendo deliberatamente di penalizzare una gestione pubblica, che molte volte ha garantito il principio delle 3 E: efficienza, efficacia, economicità”.

Anche il presidente onorario del WWF Fulco Pratesi, alla vigilia della votazione, aveva lanciato un appello ai deputati della Lega, dubbiosi circa il provvedimento: “ci rivolgiamo a voi, impegnati nel voto al decreto Ronchi, per un estremo appello affinché venga stralciato l’articolo sulla cosiddetta privatizzazione dell’acqua, che spazza via qualsiasi possibilità di partecipazione e coinvolgimento delle comunità e delle amministrazioni locali nella gestione di un bene comune e un diritto fondamentale come l’acqua“.  Ricordando che l’Italia non ha ancora applicato la Direttiva europea 2000/60, che istituisce un quadro per l’azione comunitaria in materia di acque,  il WWF sostiene inoltre che la gestione delle risorse idriche dovrebbe avvenire a livello di bacino idrografico.

Ma cosa è contenuto in realtà nel decreto Ronchi convertito in legge? Bisogna innanzitutto distinguere tra “gestione” e “proprietà”. Il bene “acqua” conserva infatti natura pubblica mentre, come ricorda Il Sole 24 Ore , viene introdotta la possibilità di cedere a operatori privati la gestione degli acquedotti, delle fognature e della depurazione delle acque. L’affidamento del servizio dovrà avvenire attraverso una gara di pubblico appalto, in cui sarà, a questo punto, rilevante verificare i requisiti richiesti a livello di investimenti, manutenzione e qualità del servizio. Tutto si gioca dunque sul corretto indirizzo e controllo da parte dell’ente pubblico, unica garanzia che le capacità industriali di un operatore privato possano effettivamente essere messe a frutto per garantire una modernizzazione del sistema e un’auspicabile riduzione dei prezzi – come dovrebbe avvenire in regime di concorrenza di mercato. Ben diverso sarebbe se ci trovassimo di fronte all’ennesima privatizzazione di un monopolio.

Andrea Gandiglio

Sulle altre novità contenute nel decreto Ronchi, tra cui il rispetto obbligatorio dei requisiti minimi europei di eco-compatibilità per lampadine e elettrodomestici, vedi “Cosa c’è nel Decreto Ronchi“, IlSole24Ore.com, 18 novembre 2009

Sulla distinzione tra “proprietà” e “gestione” si veda l’intervento dell’On. Maurizio Gasparri, “Per l’acqua il confine tra gestione e proprietà“, IlSole24ore.com, 7 novmebre 2009

Sui casi di cattiva gestione delle risorse idriche in Italia, Fabrizio Lazzaretti, “L’acqua alla gola“, Report, 15 ottobre 2006

Sulle carenze della rete idrica nazionale, E-Gazette, “Il sistema idrico colabrodo ci costa 110 miliardi di euro“, 23 novembre 2009

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende