Home » Nazionali »Politiche »Rassegna Stampa » Approvato il decreto Ronchi: cambia la gestione delle risorse idriche:

Approvato il decreto Ronchi: cambia la gestione delle risorse idriche

novembre 20, 2009 Nazionali, Politiche, Rassegna Stampa

Acqua, Courtesy of Tomaso Marcolla, marcolla.itE’stato approvato ieri dalla Camera, in via definitiva, il decreto legge Ronchi che, tra gli altri provvedimenti, contiene la liberalizzazione dei servizi pubblici locali, compresa la gestione delle risorse idriche.

La cosiddetta “privatizzazione dell’acqua” ha scatenato pesanti reazioni da parte delle associazioni ambientaliste e dei “verdi”, mentre già in aula, alla lettura delle votazioni, l’Italia dei Lavori ha voluto polemizzare sollevando cartelli con il monito: ”Giù le mani dall’acqua!”.

Il Ministro delle Politiche Comunitarie Andrea Ronchi ha prontamente replicato dicendosi amareggiato per la strumentalizzazione politica di un provvedimento che pone fine “all’immobilismo e ai monopoli”. “L’acqua” ha voluto chiarire il ministro “è un bene pubblico” e il decreto “non ne prevede la privatizzazione“.  ”Si vogliono combattere i monopoli, le distorsioni, le inefficienze con l’obiettivo di garantire ai cittadini una qualità migliore e prezzi minori”.

Di diverso avviso Legambiente che, ricordando gli esempi negativi dei Paesi che hanno intrapreso la privatizzazione delle risorse idriche, ha commentato duramente: “con questa legge si disperde e si mercifica un patrimonio prezioso, bene comune, il cui utilizzo deve rispondere ad assoluti criteri di utilità pubblica“.  Secondo il Presidente, Vittorio Cogliati Dezza “si sta scegliendo deliberatamente di penalizzare una gestione pubblica, che molte volte ha garantito il principio delle 3 E: efficienza, efficacia, economicità”.

Anche il presidente onorario del WWF Fulco Pratesi, alla vigilia della votazione, aveva lanciato un appello ai deputati della Lega, dubbiosi circa il provvedimento: “ci rivolgiamo a voi, impegnati nel voto al decreto Ronchi, per un estremo appello affinché venga stralciato l’articolo sulla cosiddetta privatizzazione dell’acqua, che spazza via qualsiasi possibilità di partecipazione e coinvolgimento delle comunità e delle amministrazioni locali nella gestione di un bene comune e un diritto fondamentale come l’acqua“.  Ricordando che l’Italia non ha ancora applicato la Direttiva europea 2000/60, che istituisce un quadro per l’azione comunitaria in materia di acque,  il WWF sostiene inoltre che la gestione delle risorse idriche dovrebbe avvenire a livello di bacino idrografico.

Ma cosa è contenuto in realtà nel decreto Ronchi convertito in legge? Bisogna innanzitutto distinguere tra “gestione” e “proprietà”. Il bene “acqua” conserva infatti natura pubblica mentre, come ricorda Il Sole 24 Ore , viene introdotta la possibilità di cedere a operatori privati la gestione degli acquedotti, delle fognature e della depurazione delle acque. L’affidamento del servizio dovrà avvenire attraverso una gara di pubblico appalto, in cui sarà, a questo punto, rilevante verificare i requisiti richiesti a livello di investimenti, manutenzione e qualità del servizio. Tutto si gioca dunque sul corretto indirizzo e controllo da parte dell’ente pubblico, unica garanzia che le capacità industriali di un operatore privato possano effettivamente essere messe a frutto per garantire una modernizzazione del sistema e un’auspicabile riduzione dei prezzi – come dovrebbe avvenire in regime di concorrenza di mercato. Ben diverso sarebbe se ci trovassimo di fronte all’ennesima privatizzazione di un monopolio.

Andrea Gandiglio

Sulle altre novità contenute nel decreto Ronchi, tra cui il rispetto obbligatorio dei requisiti minimi europei di eco-compatibilità per lampadine e elettrodomestici, vedi “Cosa c’è nel Decreto Ronchi“, IlSole24Ore.com, 18 novembre 2009

Sulla distinzione tra “proprietà” e “gestione” si veda l’intervento dell’On. Maurizio Gasparri, “Per l’acqua il confine tra gestione e proprietà“, IlSole24ore.com, 7 novmebre 2009

Sui casi di cattiva gestione delle risorse idriche in Italia, Fabrizio Lazzaretti, “L’acqua alla gola“, Report, 15 ottobre 2006

Sulle carenze della rete idrica nazionale, E-Gazette, “Il sistema idrico colabrodo ci costa 110 miliardi di euro“, 23 novembre 2009

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende