Home » Nazionali »Politiche »Rassegna Stampa » Approvato il decreto Ronchi: cambia la gestione delle risorse idriche:

Approvato il decreto Ronchi: cambia la gestione delle risorse idriche

novembre 20, 2009 Nazionali, Politiche, Rassegna Stampa

Acqua, Courtesy of Tomaso Marcolla, marcolla.itE’stato approvato ieri dalla Camera, in via definitiva, il decreto legge Ronchi che, tra gli altri provvedimenti, contiene la liberalizzazione dei servizi pubblici locali, compresa la gestione delle risorse idriche.

La cosiddetta “privatizzazione dell’acqua” ha scatenato pesanti reazioni da parte delle associazioni ambientaliste e dei “verdi”, mentre già in aula, alla lettura delle votazioni, l’Italia dei Lavori ha voluto polemizzare sollevando cartelli con il monito: ”Giù le mani dall’acqua!”.

Il Ministro delle Politiche Comunitarie Andrea Ronchi ha prontamente replicato dicendosi amareggiato per la strumentalizzazione politica di un provvedimento che pone fine “all’immobilismo e ai monopoli”. “L’acqua” ha voluto chiarire il ministro “è un bene pubblico” e il decreto “non ne prevede la privatizzazione“.  ”Si vogliono combattere i monopoli, le distorsioni, le inefficienze con l’obiettivo di garantire ai cittadini una qualità migliore e prezzi minori”.

Di diverso avviso Legambiente che, ricordando gli esempi negativi dei Paesi che hanno intrapreso la privatizzazione delle risorse idriche, ha commentato duramente: “con questa legge si disperde e si mercifica un patrimonio prezioso, bene comune, il cui utilizzo deve rispondere ad assoluti criteri di utilità pubblica“.  Secondo il Presidente, Vittorio Cogliati Dezza “si sta scegliendo deliberatamente di penalizzare una gestione pubblica, che molte volte ha garantito il principio delle 3 E: efficienza, efficacia, economicità”.

Anche il presidente onorario del WWF Fulco Pratesi, alla vigilia della votazione, aveva lanciato un appello ai deputati della Lega, dubbiosi circa il provvedimento: “ci rivolgiamo a voi, impegnati nel voto al decreto Ronchi, per un estremo appello affinché venga stralciato l’articolo sulla cosiddetta privatizzazione dell’acqua, che spazza via qualsiasi possibilità di partecipazione e coinvolgimento delle comunità e delle amministrazioni locali nella gestione di un bene comune e un diritto fondamentale come l’acqua“.  Ricordando che l’Italia non ha ancora applicato la Direttiva europea 2000/60, che istituisce un quadro per l’azione comunitaria in materia di acque,  il WWF sostiene inoltre che la gestione delle risorse idriche dovrebbe avvenire a livello di bacino idrografico.

Ma cosa è contenuto in realtà nel decreto Ronchi convertito in legge? Bisogna innanzitutto distinguere tra “gestione” e “proprietà”. Il bene “acqua” conserva infatti natura pubblica mentre, come ricorda Il Sole 24 Ore , viene introdotta la possibilità di cedere a operatori privati la gestione degli acquedotti, delle fognature e della depurazione delle acque. L’affidamento del servizio dovrà avvenire attraverso una gara di pubblico appalto, in cui sarà, a questo punto, rilevante verificare i requisiti richiesti a livello di investimenti, manutenzione e qualità del servizio. Tutto si gioca dunque sul corretto indirizzo e controllo da parte dell’ente pubblico, unica garanzia che le capacità industriali di un operatore privato possano effettivamente essere messe a frutto per garantire una modernizzazione del sistema e un’auspicabile riduzione dei prezzi – come dovrebbe avvenire in regime di concorrenza di mercato. Ben diverso sarebbe se ci trovassimo di fronte all’ennesima privatizzazione di un monopolio.

Andrea Gandiglio

Sulle altre novità contenute nel decreto Ronchi, tra cui il rispetto obbligatorio dei requisiti minimi europei di eco-compatibilità per lampadine e elettrodomestici, vedi “Cosa c’è nel Decreto Ronchi“, IlSole24Ore.com, 18 novembre 2009

Sulla distinzione tra “proprietà” e “gestione” si veda l’intervento dell’On. Maurizio Gasparri, “Per l’acqua il confine tra gestione e proprietà“, IlSole24ore.com, 7 novmebre 2009

Sui casi di cattiva gestione delle risorse idriche in Italia, Fabrizio Lazzaretti, “L’acqua alla gola“, Report, 15 ottobre 2006

Sulle carenze della rete idrica nazionale, E-Gazette, “Il sistema idrico colabrodo ci costa 110 miliardi di euro“, 23 novembre 2009

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende