Home » Nazionali »Off the Green »Politiche »Rubriche » Referendum trivelle: il quorum non c’è, ma hanno votato 16 milioni di Italiani:

Referendum trivelle: il quorum non c’è, ma hanno votato 16 milioni di Italiani

Matteo Renzi ha perso un’altra buona occasione per tacere. Non pago della magra figura internazionale di venerdì, per essersi assunto il merito del tunnel svizzero del San Gottardo, il premier si è “annesso”, ieri sera, anche il mancato raggiungimento del quorum nel referendum sulle trivelle. E’già triste, di per sé, che un presidente del consiglio brindi al fallimento di una consultazione popolare, ma è ancora più squallido a fronte di un quesito (il primo nella storia della Repubblica) richiesto da 10 Regioni e votato da quasi 16 milioni di Italiani, che sono comunque andati a votare in una domenica d’aprile qualsiasi, nonostante il mancato accorpamento con le elezioni amministrative e la propaganda governativa a favore dell’astensionismo. Di questi votanti, l’85% (più di 13 milioni), ha votato sì, per l’abrogazione di una norma scellerata di estensione “all’infinito” delle concessioni petrolifere, che resta comunque oggetto di un esposto alla Corte dei Conti avanzato dai Verdi.

Come ha ben spiegato Marco Boato, infatti, quasi la metà delle 88 piattaforme interessate dal referendum, risulta già inattiva, ovvero sta in mezzo al mare ad arrugginire, mentre gran parte delle altre estrae così poco da rimanere sotto la franchigia che esenta i petrolieri dal pagamento delle royalties! Altro che “levare il calice” con “quelle oltre diecimila persone che hanno conservato il posto di lavoro“, come ha dichiarato Renzi. Gli unici che oggi brinderanno sono i titolari delle concessioni, che grazie a quell’articoletto del decreto “Sblocca Italia” risparmieranno circa 25 milioni di euro per ogni piattaforma non bonificata, per un totale di circa 800 milioni di euro, che andranno in conto all’ambiente marino o, nel caso se ne faccia carico lo Stato-Pantalone, ai contribuenti italiani. Di nuovo chi inquina non paga, in barba al principio che il Governo vanta di aver introdotto con la legge sugli “ecoreati“.

Ma al presidente del consiglio, seriamente malato di egotismo, interessa solamente il proprio pallottoliere delle “vittorie”, non importa quale sia la posta in gioco per il Paese e per la salute degli Italiani. Un vezzo che ci è costato 320 milioni di euro, per il mancato accorpamento del referendum alle elezioni amministrative di giugno (che avrebbero ovviamente garantito il quorum e la vittoria del ). Giusto per chiarire, i 10.000 ingegneri e operai (numeri farlocchi) che Renzi dice di aver difeso grazie al boicottaggio del referendum sulle trivelle, e che oggi “torneranno alle loro piattaforme sapendo di aver conservato il posto di lavoro“, sarebbero serenamente tornati al lavoro anche se avesse vinto il sì. Una vittoria di Pirro che, come abbiamo già scritto alla vigilia del referendum, traghetta definitivamente il premier “sul lato sbagliato della Storia”, proprio a pochi giorni dalla ratifica dell’accordo di Parigi.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende