Home » Nazionali »Off the Green »Politiche »Rubriche » Referendum trivelle: il quorum non c’è, ma hanno votato 16 milioni di Italiani:

Referendum trivelle: il quorum non c’è, ma hanno votato 16 milioni di Italiani

Matteo Renzi ha perso un’altra buona occasione per tacere. Non pago della magra figura internazionale di venerdì, per essersi assunto il merito del tunnel svizzero del San Gottardo, il premier si è “annesso”, ieri sera, anche il mancato raggiungimento del quorum nel referendum sulle trivelle. E’già triste, di per sé, che un presidente del consiglio brindi al fallimento di una consultazione popolare, ma è ancora più squallido a fronte di un quesito (il primo nella storia della Repubblica) richiesto da 10 Regioni e votato da quasi 16 milioni di Italiani, che sono comunque andati a votare in una domenica d’aprile qualsiasi, nonostante il mancato accorpamento con le elezioni amministrative e la propaganda governativa a favore dell’astensionismo. Di questi votanti, l’85% (più di 13 milioni), ha votato sì, per l’abrogazione di una norma scellerata di estensione “all’infinito” delle concessioni petrolifere, che resta comunque oggetto di un esposto alla Corte dei Conti avanzato dai Verdi.

Come ha ben spiegato Marco Boato, infatti, quasi la metà delle 88 piattaforme interessate dal referendum, risulta già inattiva, ovvero sta in mezzo al mare ad arrugginire, mentre gran parte delle altre estrae così poco da rimanere sotto la franchigia che esenta i petrolieri dal pagamento delle royalties! Altro che “levare il calice” con “quelle oltre diecimila persone che hanno conservato il posto di lavoro“, come ha dichiarato Renzi. Gli unici che oggi brinderanno sono i titolari delle concessioni, che grazie a quell’articoletto del decreto “Sblocca Italia” risparmieranno circa 25 milioni di euro per ogni piattaforma non bonificata, per un totale di circa 800 milioni di euro, che andranno in conto all’ambiente marino o, nel caso se ne faccia carico lo Stato-Pantalone, ai contribuenti italiani. Di nuovo chi inquina non paga, in barba al principio che il Governo vanta di aver introdotto con la legge sugli “ecoreati“.

Ma al presidente del consiglio, seriamente malato di egotismo, interessa solamente il proprio pallottoliere delle “vittorie”, non importa quale sia la posta in gioco per il Paese e per la salute degli Italiani. Un vezzo che ci è costato 320 milioni di euro, per il mancato accorpamento del referendum alle elezioni amministrative di giugno (che avrebbero ovviamente garantito il quorum e la vittoria del ). Giusto per chiarire, i 10.000 ingegneri e operai (numeri farlocchi) che Renzi dice di aver difeso grazie al boicottaggio del referendum sulle trivelle, e che oggi “torneranno alle loro piattaforme sapendo di aver conservato il posto di lavoro“, sarebbero serenamente tornati al lavoro anche se avesse vinto il sì. Una vittoria di Pirro che, come abbiamo già scritto alla vigilia del referendum, traghetta definitivamente il premier “sul lato sbagliato della Storia”, proprio a pochi giorni dalla ratifica dell’accordo di Parigi.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende