Home » Nazionali »Politiche »Rassegna Stampa » Vetro a rendere o Pet riciclato?:

Vetro a rendere o Pet riciclato?

dicembre 2, 2009 Nazionali, Politiche, Rassegna Stampa

Courtesy of rvm_71 (Flickr)Antonio Mazzocchi, Questore della Camera, e Fabio Gava, membro della Commissione Attività Produttive, entrambi del Pdl, hanno presentato una nuova proposta di legge: tornare al “vuoto a rendere“, come già avviene in altri paesi europei, per diminuire la quantità dei rifiuti e abbattere i costi degli imballaggi.

La proposta di legge, presentata lunedì mattina in conferenza stampa, mira a “promuovere e stimolare il ritorno volontario all’utilizzo di contenitori in vetro ‘a rendere’ mediante l’istituzione di vere e proprie filiere di recupero degli imballaggi, la creazione di sistemi di cauzione più moderni, ma soprattutto l’incentivo, per i soggetti aderenti, di sgravi fiscali sulla Tarsu e dilazioni di pagamento dell’Iva”. Un progetto che consentirebbe inoltre all’Italia di adeguarsi progressivamente agli standard europei, dove il vuoto a rendere è  una prassi consolidata.

Mazzocchi e Gava spiegano: ”Il problema dei rifiuti è oggi una delle emergenze ambientali maggiormente sentite nel nostro Paese: l’impatto delle materie plastiche (soprattutto per quanto riguarda gli imballaggi usa e getta di alimenti e bevande) rappresenta una delle voci di inquinamento più rilevanti, mentre le bottiglie di vetro abbandonate sono spesso utilizzate come strumenti per atti vandalici. Per queste ragioni abbiamo condiviso sin da subito le motivazioni del Comitato Vetro Indietro, e ci siamo adoperati per la realizzazione di questa proposta di legge che speriamo venga accolta dal Parlamento Italiano”.

La posizione dei due deputati raccoglie il consenso di Nunzio Cirino Groccia della Segreteria Nazionale di Legambiente che dichiara: ”Nel nostro Paese la produzione dei rifiuti urbani continua ad aumentare di anno in anno. Occorre rimettere al centro delle politiche sui rifiuti la riduzione. Come previsto dalla nuova direttiva europea, entro il 2013 il nostro Paese deve adottare il suo Programma nazionale di prevenzione rifiuti che dovrà prevedere la diffusione delle buone pratiche locali e soprattutto azioni nazionali strutturali. Il ritorno del vuoto a rendere va proprio in questa direzione”.

Intanto, dall’Ispo (Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione) arrivano notizie di non facile interpretazione: il 71% degli italiani dichiara di fare regolarmente la raccolta differenziata pur lamentando confusione di regole regionali (spesso contraddittorie tra loro) e sospettando che esista un business di illegalità, dietro alla gestione dei rifiuti.

Ma è la ricerca Gli Italiani e i materiali riciclati, presentata ieri nel convegno organizzato da Assobibe e Mineracqua, con l’adesione di ConaiAiipa (Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari) a sollevare qualche dubbio interpretativo circa l’atteggiamento degli italiani verso il riciclo del Pet (Polietilene tereftalato): il 73% degli italiani preferirebbe acquistare bevande in bottiglie di plastica riciclata, considerandole resistenti (76%), igieniche (68%) e sostenibili dal punto di vista ambientale (62%). E fin qui tutto bene.

Quello che francamente non ci è chiaro, dai dati riportati, è in che senso “Il 90% degli italiani ritiene che il Pet faccia bene all’ambiente”! Che l’89% pensi che possa giovare a livello economico sembra più evidente, mentre torniamo nell’oscurità interpretativa di fronte al fatto che l’82% lo ritenga “utile a livello sociale”…

Il discorso ritorna più lineare e comprensibile quando si sottolinea la particolare attenzione rivolta al riciclo come modalità di gestione dei rifiuti da imballaggi: anche in Italia verrà a breve introdotto l’utilizzo del Pet riclato nel settore alimentare, dal momento che è proprio da qui che derivano il 70% dei rifiuti da imballaggio. Una pratica che comporterebbe una serie non trascurabile di vantaggi economici e ambientali, in linea con la sensibilità del consumatore italiano. Oltre ai benefici del riciclo di materiale, ogni chilogrammo di Pet riciclato, secondo la ricerca, permette di risparmiare 1,7 kg di petrolio, che in termini di emissioni di CO2 significa circa il 60% in meno rispetto al Pet vergine derivato dal petrolio.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende