Home » Nazionali »Politiche »Rassegna Stampa » Vetro a rendere o Pet riciclato?:

Vetro a rendere o Pet riciclato?

dicembre 2, 2009 Nazionali, Politiche, Rassegna Stampa

Courtesy of rvm_71 (Flickr)Antonio Mazzocchi, Questore della Camera, e Fabio Gava, membro della Commissione Attività Produttive, entrambi del Pdl, hanno presentato una nuova proposta di legge: tornare al “vuoto a rendere“, come già avviene in altri paesi europei, per diminuire la quantità dei rifiuti e abbattere i costi degli imballaggi.

La proposta di legge, presentata lunedì mattina in conferenza stampa, mira a “promuovere e stimolare il ritorno volontario all’utilizzo di contenitori in vetro ‘a rendere’ mediante l’istituzione di vere e proprie filiere di recupero degli imballaggi, la creazione di sistemi di cauzione più moderni, ma soprattutto l’incentivo, per i soggetti aderenti, di sgravi fiscali sulla Tarsu e dilazioni di pagamento dell’Iva”. Un progetto che consentirebbe inoltre all’Italia di adeguarsi progressivamente agli standard europei, dove il vuoto a rendere è  una prassi consolidata.

Mazzocchi e Gava spiegano: ”Il problema dei rifiuti è oggi una delle emergenze ambientali maggiormente sentite nel nostro Paese: l’impatto delle materie plastiche (soprattutto per quanto riguarda gli imballaggi usa e getta di alimenti e bevande) rappresenta una delle voci di inquinamento più rilevanti, mentre le bottiglie di vetro abbandonate sono spesso utilizzate come strumenti per atti vandalici. Per queste ragioni abbiamo condiviso sin da subito le motivazioni del Comitato Vetro Indietro, e ci siamo adoperati per la realizzazione di questa proposta di legge che speriamo venga accolta dal Parlamento Italiano”.

La posizione dei due deputati raccoglie il consenso di Nunzio Cirino Groccia della Segreteria Nazionale di Legambiente che dichiara: ”Nel nostro Paese la produzione dei rifiuti urbani continua ad aumentare di anno in anno. Occorre rimettere al centro delle politiche sui rifiuti la riduzione. Come previsto dalla nuova direttiva europea, entro il 2013 il nostro Paese deve adottare il suo Programma nazionale di prevenzione rifiuti che dovrà prevedere la diffusione delle buone pratiche locali e soprattutto azioni nazionali strutturali. Il ritorno del vuoto a rendere va proprio in questa direzione”.

Intanto, dall’Ispo (Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione) arrivano notizie di non facile interpretazione: il 71% degli italiani dichiara di fare regolarmente la raccolta differenziata pur lamentando confusione di regole regionali (spesso contraddittorie tra loro) e sospettando che esista un business di illegalità, dietro alla gestione dei rifiuti.

Ma è la ricerca Gli Italiani e i materiali riciclati, presentata ieri nel convegno organizzato da Assobibe e Mineracqua, con l’adesione di ConaiAiipa (Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari) a sollevare qualche dubbio interpretativo circa l’atteggiamento degli italiani verso il riciclo del Pet (Polietilene tereftalato): il 73% degli italiani preferirebbe acquistare bevande in bottiglie di plastica riciclata, considerandole resistenti (76%), igieniche (68%) e sostenibili dal punto di vista ambientale (62%). E fin qui tutto bene.

Quello che francamente non ci è chiaro, dai dati riportati, è in che senso “Il 90% degli italiani ritiene che il Pet faccia bene all’ambiente”! Che l’89% pensi che possa giovare a livello economico sembra più evidente, mentre torniamo nell’oscurità interpretativa di fronte al fatto che l’82% lo ritenga “utile a livello sociale”…

Il discorso ritorna più lineare e comprensibile quando si sottolinea la particolare attenzione rivolta al riciclo come modalità di gestione dei rifiuti da imballaggi: anche in Italia verrà a breve introdotto l’utilizzo del Pet riclato nel settore alimentare, dal momento che è proprio da qui che derivano il 70% dei rifiuti da imballaggio. Una pratica che comporterebbe una serie non trascurabile di vantaggi economici e ambientali, in linea con la sensibilità del consumatore italiano. Oltre ai benefici del riciclo di materiale, ogni chilogrammo di Pet riciclato, secondo la ricerca, permette di risparmiare 1,7 kg di petrolio, che in termini di emissioni di CO2 significa circa il 60% in meno rispetto al Pet vergine derivato dal petrolio.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende