Home » Nazionali »Politiche »Rassegna Stampa » Vetro a rendere o Pet riciclato?:

Vetro a rendere o Pet riciclato?

dicembre 2, 2009 Nazionali, Politiche, Rassegna Stampa

Courtesy of rvm_71 (Flickr)Antonio Mazzocchi, Questore della Camera, e Fabio Gava, membro della Commissione Attività Produttive, entrambi del Pdl, hanno presentato una nuova proposta di legge: tornare al “vuoto a rendere“, come già avviene in altri paesi europei, per diminuire la quantità dei rifiuti e abbattere i costi degli imballaggi.

La proposta di legge, presentata lunedì mattina in conferenza stampa, mira a “promuovere e stimolare il ritorno volontario all’utilizzo di contenitori in vetro ‘a rendere’ mediante l’istituzione di vere e proprie filiere di recupero degli imballaggi, la creazione di sistemi di cauzione più moderni, ma soprattutto l’incentivo, per i soggetti aderenti, di sgravi fiscali sulla Tarsu e dilazioni di pagamento dell’Iva”. Un progetto che consentirebbe inoltre all’Italia di adeguarsi progressivamente agli standard europei, dove il vuoto a rendere è  una prassi consolidata.

Mazzocchi e Gava spiegano: ”Il problema dei rifiuti è oggi una delle emergenze ambientali maggiormente sentite nel nostro Paese: l’impatto delle materie plastiche (soprattutto per quanto riguarda gli imballaggi usa e getta di alimenti e bevande) rappresenta una delle voci di inquinamento più rilevanti, mentre le bottiglie di vetro abbandonate sono spesso utilizzate come strumenti per atti vandalici. Per queste ragioni abbiamo condiviso sin da subito le motivazioni del Comitato Vetro Indietro, e ci siamo adoperati per la realizzazione di questa proposta di legge che speriamo venga accolta dal Parlamento Italiano”.

La posizione dei due deputati raccoglie il consenso di Nunzio Cirino Groccia della Segreteria Nazionale di Legambiente che dichiara: ”Nel nostro Paese la produzione dei rifiuti urbani continua ad aumentare di anno in anno. Occorre rimettere al centro delle politiche sui rifiuti la riduzione. Come previsto dalla nuova direttiva europea, entro il 2013 il nostro Paese deve adottare il suo Programma nazionale di prevenzione rifiuti che dovrà prevedere la diffusione delle buone pratiche locali e soprattutto azioni nazionali strutturali. Il ritorno del vuoto a rendere va proprio in questa direzione”.

Intanto, dall’Ispo (Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione) arrivano notizie di non facile interpretazione: il 71% degli italiani dichiara di fare regolarmente la raccolta differenziata pur lamentando confusione di regole regionali (spesso contraddittorie tra loro) e sospettando che esista un business di illegalità, dietro alla gestione dei rifiuti.

Ma è la ricerca Gli Italiani e i materiali riciclati, presentata ieri nel convegno organizzato da Assobibe e Mineracqua, con l’adesione di ConaiAiipa (Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari) a sollevare qualche dubbio interpretativo circa l’atteggiamento degli italiani verso il riciclo del Pet (Polietilene tereftalato): il 73% degli italiani preferirebbe acquistare bevande in bottiglie di plastica riciclata, considerandole resistenti (76%), igieniche (68%) e sostenibili dal punto di vista ambientale (62%). E fin qui tutto bene.

Quello che francamente non ci è chiaro, dai dati riportati, è in che senso “Il 90% degli italiani ritiene che il Pet faccia bene all’ambiente”! Che l’89% pensi che possa giovare a livello economico sembra più evidente, mentre torniamo nell’oscurità interpretativa di fronte al fatto che l’82% lo ritenga “utile a livello sociale”…

Il discorso ritorna più lineare e comprensibile quando si sottolinea la particolare attenzione rivolta al riciclo come modalità di gestione dei rifiuti da imballaggi: anche in Italia verrà a breve introdotto l’utilizzo del Pet riclato nel settore alimentare, dal momento che è proprio da qui che derivano il 70% dei rifiuti da imballaggio. Una pratica che comporterebbe una serie non trascurabile di vantaggi economici e ambientali, in linea con la sensibilità del consumatore italiano. Oltre ai benefici del riciclo di materiale, ogni chilogrammo di Pet riciclato, secondo la ricerca, permette di risparmiare 1,7 kg di petrolio, che in termini di emissioni di CO2 significa circa il 60% in meno rispetto al Pet vergine derivato dal petrolio.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende