Home » Nazionali »Politiche »Rassegna Stampa » Vetro a rendere o Pet riciclato?:

Vetro a rendere o Pet riciclato?

dicembre 2, 2009 Nazionali, Politiche, Rassegna Stampa

Courtesy of rvm_71 (Flickr)Antonio Mazzocchi, Questore della Camera, e Fabio Gava, membro della Commissione Attività Produttive, entrambi del Pdl, hanno presentato una nuova proposta di legge: tornare al “vuoto a rendere“, come già avviene in altri paesi europei, per diminuire la quantità dei rifiuti e abbattere i costi degli imballaggi.

La proposta di legge, presentata lunedì mattina in conferenza stampa, mira a “promuovere e stimolare il ritorno volontario all’utilizzo di contenitori in vetro ‘a rendere’ mediante l’istituzione di vere e proprie filiere di recupero degli imballaggi, la creazione di sistemi di cauzione più moderni, ma soprattutto l’incentivo, per i soggetti aderenti, di sgravi fiscali sulla Tarsu e dilazioni di pagamento dell’Iva”. Un progetto che consentirebbe inoltre all’Italia di adeguarsi progressivamente agli standard europei, dove il vuoto a rendere è  una prassi consolidata.

Mazzocchi e Gava spiegano: ”Il problema dei rifiuti è oggi una delle emergenze ambientali maggiormente sentite nel nostro Paese: l’impatto delle materie plastiche (soprattutto per quanto riguarda gli imballaggi usa e getta di alimenti e bevande) rappresenta una delle voci di inquinamento più rilevanti, mentre le bottiglie di vetro abbandonate sono spesso utilizzate come strumenti per atti vandalici. Per queste ragioni abbiamo condiviso sin da subito le motivazioni del Comitato Vetro Indietro, e ci siamo adoperati per la realizzazione di questa proposta di legge che speriamo venga accolta dal Parlamento Italiano”.

La posizione dei due deputati raccoglie il consenso di Nunzio Cirino Groccia della Segreteria Nazionale di Legambiente che dichiara: ”Nel nostro Paese la produzione dei rifiuti urbani continua ad aumentare di anno in anno. Occorre rimettere al centro delle politiche sui rifiuti la riduzione. Come previsto dalla nuova direttiva europea, entro il 2013 il nostro Paese deve adottare il suo Programma nazionale di prevenzione rifiuti che dovrà prevedere la diffusione delle buone pratiche locali e soprattutto azioni nazionali strutturali. Il ritorno del vuoto a rendere va proprio in questa direzione”.

Intanto, dall’Ispo (Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione) arrivano notizie di non facile interpretazione: il 71% degli italiani dichiara di fare regolarmente la raccolta differenziata pur lamentando confusione di regole regionali (spesso contraddittorie tra loro) e sospettando che esista un business di illegalità, dietro alla gestione dei rifiuti.

Ma è la ricerca Gli Italiani e i materiali riciclati, presentata ieri nel convegno organizzato da Assobibe e Mineracqua, con l’adesione di ConaiAiipa (Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari) a sollevare qualche dubbio interpretativo circa l’atteggiamento degli italiani verso il riciclo del Pet (Polietilene tereftalato): il 73% degli italiani preferirebbe acquistare bevande in bottiglie di plastica riciclata, considerandole resistenti (76%), igieniche (68%) e sostenibili dal punto di vista ambientale (62%). E fin qui tutto bene.

Quello che francamente non ci è chiaro, dai dati riportati, è in che senso “Il 90% degli italiani ritiene che il Pet faccia bene all’ambiente”! Che l’89% pensi che possa giovare a livello economico sembra più evidente, mentre torniamo nell’oscurità interpretativa di fronte al fatto che l’82% lo ritenga “utile a livello sociale”…

Il discorso ritorna più lineare e comprensibile quando si sottolinea la particolare attenzione rivolta al riciclo come modalità di gestione dei rifiuti da imballaggi: anche in Italia verrà a breve introdotto l’utilizzo del Pet riclato nel settore alimentare, dal momento che è proprio da qui che derivano il 70% dei rifiuti da imballaggio. Una pratica che comporterebbe una serie non trascurabile di vantaggi economici e ambientali, in linea con la sensibilità del consumatore italiano. Oltre ai benefici del riciclo di materiale, ogni chilogrammo di Pet riciclato, secondo la ricerca, permette di risparmiare 1,7 kg di petrolio, che in termini di emissioni di CO2 significa circa il 60% in meno rispetto al Pet vergine derivato dal petrolio.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende