Home » Nazionali »Politiche »Rassegna Stampa » Zaia apre a McDonald’s ma blocca gli OGM:

Zaia apre a McDonald’s ma blocca gli OGM

Il Ministro Zaia e l'AD di McDonald's Italia alla presentazione del McItaly, Courtesy of Dissapore.comDopo il noto (e contestatissimo) morso al panino della McDonald’s interamente Made in Italy, il Ministro delle Politiche Agricole Luca Zaia torna alla difesa del suolo nazionale e sceglie questa volta la via dura contro la liberalizzazione agli Organismi Geneticamente Modificati voluta dalla Commissione UE, che lo scorso 2 marzo ne ha autorizzato la coltivazione, dopo 12 anni di moratoria. “Sono certo di riuscire ad interpretare il volere del 75% degli italiani”, ha detto. “Fino a quando sarò ministro in Italia non passeranno”.

Venerdì 19 il passaggio dalle parole ai fatti: Zaia ha firmato, davanti alle telecamere, un decreto che blocca ogni coltivazione del mais Ogm, in deciso contrasto con le decisioni della Commissione, che invece autorizzava il transgenico della Monsanto in Italia. Le strade per opporsi erano due: esercitare la clausola di salvaguardia che spetta di diritto a ogni membro della UE, per svincolarsi rispetto alle direttive centrali, o fare un gesto plateale, in questo caso un decreto, non strettamente necessario, ma altamente dimostrativo.

L’Italia è la culla della biodiversità, con 4500 prodotti tipici frutto di secoli e secoli di storia – ha affermato Zaia. “E poi non è dimostrato che i coltivatori guadagneranno di più vendendo Ogm, che coprono l’1% della produzione in Europa, e sono prodotti per l’80% in Spagna”. Il Ministro ha infine aggiunto: “che utilità hanno? Non servono mica per decreto a sfamare i paesi poveri del mondo? L’Italia, con un loro ingresso, sarebbe presto in preda alle multinazionali, che speculano sui brevetti, anziché sulla coltivazione”.

La posizione del Belpaese sembra chiara ed omogenea, fedele agli umori interni. C’è però un punto che resta ancora poco chiaro: perché il Ministro Zaia non interviene sull’uso della farina di mais geneticamente modificata, impiegata per produrre ogni anno 14 milioni di tonnellate di mangime, con cui si sfamano i bovini e i suini che finiscono sulle nostre tavole? Quelli, per intenderci, che saranno i prosciutti e i salami (e non solo) dell’eccellenza gastronomica italiana. In qualche modo, si può dire, gli Ogm escono dalla porta ma rientrano dalla finestra delle nostre più tradizionali diete alimentari.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende