Home » Aziende »Pratiche »Recensioni » Green Economy: la guida UNEP per imprese e governi:

Green Economy: la guida UNEP per imprese e governi

ottobre 5, 2011 Aziende, Pratiche, Recensioni

Adapting for a Green Economy” è il titolo di una vera e propria guida per imprese e decisori politici che decidano di adattare i propri obiettivi strategici alla salvaguardia dell’ambiente e alla lotta contro i cambiamenti climatici. Un vademecum per l’implementazione della Green Economy elaborato dallUNEP, in collaborazione con il World Resources Institute, e Oxfam International, che si appresta a supportare l’idea alla base di Rio+20.

La guida si basa essenzialmente sui risultati di un’indagine qualitativa tra i leader economici che supportano l’iniziativa Caring for Climate, una piattaforma delle Nazioni Unite che coinvolge più di 400 imprenditori impegnati nella lotta al cambiamento climatico. L’indagine rivela che l’83% delle 72 imprese considerate, crede che gli impatti del cambiamento climatico pongano dei rischi per i propri prodotti o servizi. Inoltre, l’86% pensa che affrontare i rischi imposti dallo stesso cambiamento climatico, oppure investire in soluzioni per l’adattamento delle politiche d’impresa alla salvaguardia dell’ambiente, possa rappresentare un’opportunità di crescita per le aziende.

Nonostante questa consapevolezza, la maggior parte delle imprese ancora oggi stenta, di fatto, a intraprendere azioni concrete per affrontare le sfide ambientali, non cogliendo, così, le opportunità stesse derivanti dalla Green Economy. Il report mette in evidenza che si tratta soprattutto di un problema pratico: le imprese trovano difficoltà a “incorporare” i dati scientifici relativi al cambiamento climatico, che si riferiscono generalmente ad ampie aree geografiche e attraversano un periodo di tempo molto lungo. Per contro, nella concretezza del mondo degli affari, le azioni e le decisioni devono essere prese nel più breve tempo possibile e riguardare aree geografiche specifiche. Nell’elaborare le proprie analisi economiche, le imprese si trovano dunque a dover affrontare la completa mancanza di informazioni relative ai costi dell’adattamento e i benefici da esso derivanti. Questo rende estremamente difficile, per le aziende, fare dell’adattamento della propria strategia d’impresa al cambiamento climatico, una priorità strategica.

Del resto, al di là dei problemi di tipo pratico e organizzativo, va comunque riconosciuto che l’adattamento ai cambiamenti climatici della strategia d’impresa è ancora un obiettivo in fase embrionale e che, nella realtà, le imprese continuano ad essere ancorate a strategie “tradizionali”.

L”adattamento e la riconversione devono, cionondimento, essere processi concreti e continuativi – raccomanda la guida – e non occasionali. Ciò significa che dovranno progressivamente diventare una priorità nella politica d’impresa. Anche ai governi spetterà un ruolo, nel sostenere le imprese con politiche economiche adeguate all’abbattimento delle barriere per gli investimenti e sfruttando virtuosamente le risorse e l’innovazione del settore privato al servizio del bene pubblico.

Ma quali dovrebbero essere, in concreto, le misure di questa azione congiunta tra pubblico e privato? Per quanto riguarda le imprese, il report stila alcune linee guida. Prima di tutto bisogna fare in modo che le tematiche climatiche ed ambientali entrino nella cultura d’impresa, cercando di abbattere qualsiasi tipo di resistenza a politiche e strategie innovative. In questo modo si rende possibile l’integrazione dell’adattamento al cambiamento climatico nel processo di pianificazione economica dell’impresa. Un ulteriore misura è l’allineamento degli obiettivi economici con quelli dell’adattamento alle sfide imposte dal cambiamento climatico, coinvolgendo, nel caso delle grandi aziende, gli azionisti attraverso canali di comunicazione migliori rispetto a quelli esistenti.

Dal canto suo il settore pubblico ha un ruolo centrale nel fare da catalizzatore per il settore privato. Oltre agli accordi a livello internazionale, è molto importante il ruolo delle politiche nazionali e locali, in quanto le sfide e le soluzioni nel processo di adattamento sono specifiche per ogni luogo e situazione. L’ambito pubblico e politico non deve fare altro che stimolare quello privato attraverso la riduzione dei rischi finanziari, la promozione di incentivi e il coinvolgimento diretto nelle pianificazioni ed implementazioni delle nuove politiche aziendali.

A quanto emerge dalla pubblicazione, la crescita della green economy per i prossimi anni richiederà dunque un elevato livello di cooperazione, collaborazione e mobilitazione delle risorse tra i governi, le imprese e la società civile. La chiave, infatti, risiede nel trovare un interesse condiviso, in cui gli incentivi economici si allineino con i bisogni di adattamento della società.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Borse di studio VASS 2016: 1.000 euro per tesi di laurea sui sistemi costruttivi in legno

luglio 22, 2016

Borse di studio VASS 2016: 1.000 euro per tesi di laurea sui sistemi costruttivi in legno

Martedì 19 Luglio è stata presentata, con un evento nella cantine Ceretto di Alba, in Piemonte, l’edizione 2016 del bando VASS, per 3 nuove borse di studio, in collaborazione con l’azienda altoatesina Rotho Blaas e con il patrocinio del Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino. Le borse (2 offerte da VASS e 1 da [...]

Milkman, il servizio di consegna personalizzato per ridurre l’impatto ambientale

luglio 22, 2016

Milkman, il servizio di consegna personalizzato per ridurre l’impatto ambientale

Milkman, la startup italiana che permette agli e-shopper di decidere giorno ed ora nei quali ricevere le proprie spedizioni, tramite l’omonima App (gratuita per iOS e Android), promuove ora la logistica “verde”. E-commerce e shopping online rappresentano infatti uno dei più significativi cambi di abitudini degli ultimi anni: 120 milioni i pacchi consegnati in Italia, [...]

“1 contro 0″: il nuovo decreto che regola il ritiro degli elettrodomestici

luglio 21, 2016

“1 contro 0″: il nuovo decreto che regola il ritiro degli elettrodomestici

A pochi giorni dall’entrata in vigore del cosiddetto decreto “1 contro o“, AIRES, l’associazione di Confcommercio che rappresenta i retailer di elettrodomestici specializzati, ha avviato un dialogo con il Ministero dell’Ambiente per definire i passi successivi dell’applicazione. L’”1 contro 0″ disciplina infatti le modalità di ritiro dei RAEE (i Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) [...]

Bioreval: un metodo brevettato per produrre biometano con minore biomassa

luglio 21, 2016

Bioreval: un metodo brevettato per produrre biometano con minore biomassa

Le biotecnologie possono migliorare l’efficienza degli impianti di biogas che producono energia elettrica. E’ quello che dimostra l’esperienza di Biovalene, startup pordenonese nata nel 2015, che ha messo a punto un metodo brevettato di attivazione di consorzi di batteri più idonei a produrre metano. Il risultato è una sensibile diminuzione del carico di biomassa utilizzata [...]

“Cittadino Albero”: il bando di Compagnia di Sanpaolo per finanziare il verde in città

luglio 20, 2016

“Cittadino Albero”: il bando di Compagnia di Sanpaolo per finanziare il verde in città

La Compagnia di San Paolo ha lanciato lo scorso aprile il bando “Cittadino Albero. Spazio pubblico, spazio verde, spazio sociale” e invita a presentare, entro il 31 agosto 2016, proposte per incrementare il patrimonio arboreo e per favorirne la cura da parte dei cittadini e dell’associazionismo. Obiettivo di questa azione, a favore della quale la [...]

Compostaggio di comunità: l’innovativo esperimento del comune salentino di Melpignano

luglio 19, 2016

Compostaggio di comunità: l’innovativo esperimento del comune salentino di Melpignano

A Melpignano, in Puglia, sta per partire il primo esperimento in Italia di gestione sostenibile del rifiuto organico che coniuga il compostaggio di comunità con il sistema della lombricoltura. Dopo l’avvio della prima cooperativa di comunità italiana, il piccolo comune salentino conferma la propria vocazione di innovazione in termini di sostenibilità ambientale e sociale con [...]

Spiagge smart: una “fiscalità di scopo” per rilanciare il turismo marino e combattere l’erosione

luglio 19, 2016

Spiagge smart: una “fiscalità di scopo” per rilanciare il turismo marino e combattere l’erosione

Gli interventi occasionali di difesa delle spiagge italiane, scogliere e ripascimenti non sono serviti ad arginare l’erosione delle coste italiane che sta diventando un peso insostenibile per l’economia turistica dell’Italia. Solo interventi di manutenzione costante che leghino il rilascio delle concessioni demaniali a un’ attività di manutenzione costante delle spiagge, determinando un utilizzo virtuoso dei [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende

VIDEO DEL GIORNO