Home » Aziende »Pratiche »Recensioni » Green Economy: la guida UNEP per imprese e governi:

Green Economy: la guida UNEP per imprese e governi

ottobre 5, 2011 Aziende, Pratiche, Recensioni

Adapting for a Green Economy” è il titolo di una vera e propria guida per imprese e decisori politici che decidano di adattare i propri obiettivi strategici alla salvaguardia dell’ambiente e alla lotta contro i cambiamenti climatici. Un vademecum per l’implementazione della Green Economy elaborato dallUNEP, in collaborazione con il World Resources Institute, e Oxfam International, che si appresta a supportare l’idea alla base di Rio+20.

La guida si basa essenzialmente sui risultati di un’indagine qualitativa tra i leader economici che supportano l’iniziativa Caring for Climate, una piattaforma delle Nazioni Unite che coinvolge più di 400 imprenditori impegnati nella lotta al cambiamento climatico. L’indagine rivela che l’83% delle 72 imprese considerate, crede che gli impatti del cambiamento climatico pongano dei rischi per i propri prodotti o servizi. Inoltre, l’86% pensa che affrontare i rischi imposti dallo stesso cambiamento climatico, oppure investire in soluzioni per l’adattamento delle politiche d’impresa alla salvaguardia dell’ambiente, possa rappresentare un’opportunità di crescita per le aziende.

Nonostante questa consapevolezza, la maggior parte delle imprese ancora oggi stenta, di fatto, a intraprendere azioni concrete per affrontare le sfide ambientali, non cogliendo, così, le opportunità stesse derivanti dalla Green Economy. Il report mette in evidenza che si tratta soprattutto di un problema pratico: le imprese trovano difficoltà a “incorporare” i dati scientifici relativi al cambiamento climatico, che si riferiscono generalmente ad ampie aree geografiche e attraversano un periodo di tempo molto lungo. Per contro, nella concretezza del mondo degli affari, le azioni e le decisioni devono essere prese nel più breve tempo possibile e riguardare aree geografiche specifiche. Nell’elaborare le proprie analisi economiche, le imprese si trovano dunque a dover affrontare la completa mancanza di informazioni relative ai costi dell’adattamento e i benefici da esso derivanti. Questo rende estremamente difficile, per le aziende, fare dell’adattamento della propria strategia d’impresa al cambiamento climatico, una priorità strategica.

Del resto, al di là dei problemi di tipo pratico e organizzativo, va comunque riconosciuto che l’adattamento ai cambiamenti climatici della strategia d’impresa è ancora un obiettivo in fase embrionale e che, nella realtà, le imprese continuano ad essere ancorate a strategie “tradizionali”.

L”adattamento e la riconversione devono, cionondimento, essere processi concreti e continuativi – raccomanda la guida – e non occasionali. Ciò significa che dovranno progressivamente diventare una priorità nella politica d’impresa. Anche ai governi spetterà un ruolo, nel sostenere le imprese con politiche economiche adeguate all’abbattimento delle barriere per gli investimenti e sfruttando virtuosamente le risorse e l’innovazione del settore privato al servizio del bene pubblico.

Ma quali dovrebbero essere, in concreto, le misure di questa azione congiunta tra pubblico e privato? Per quanto riguarda le imprese, il report stila alcune linee guida. Prima di tutto bisogna fare in modo che le tematiche climatiche ed ambientali entrino nella cultura d’impresa, cercando di abbattere qualsiasi tipo di resistenza a politiche e strategie innovative. In questo modo si rende possibile l’integrazione dell’adattamento al cambiamento climatico nel processo di pianificazione economica dell’impresa. Un ulteriore misura è l’allineamento degli obiettivi economici con quelli dell’adattamento alle sfide imposte dal cambiamento climatico, coinvolgendo, nel caso delle grandi aziende, gli azionisti attraverso canali di comunicazione migliori rispetto a quelli esistenti.

Dal canto suo il settore pubblico ha un ruolo centrale nel fare da catalizzatore per il settore privato. Oltre agli accordi a livello internazionale, è molto importante il ruolo delle politiche nazionali e locali, in quanto le sfide e le soluzioni nel processo di adattamento sono specifiche per ogni luogo e situazione. L’ambito pubblico e politico non deve fare altro che stimolare quello privato attraverso la riduzione dei rischi finanziari, la promozione di incentivi e il coinvolgimento diretto nelle pianificazioni ed implementazioni delle nuove politiche aziendali.

A quanto emerge dalla pubblicazione, la crescita della green economy per i prossimi anni richiederà dunque un elevato livello di cooperazione, collaborazione e mobilitazione delle risorse tra i governi, le imprese e la società civile. La chiave, infatti, risiede nel trovare un interesse condiviso, in cui gli incentivi economici si allineino con i bisogni di adattamento della società.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ambiart: il concorso di SIMA che premia il rapporto tra arte e natura

agosto 29, 2016

Ambiart: il concorso di SIMA che premia il rapporto tra arte e natura

C’è tempo fino al 20 settembre prossimo per partecipare alla VI edizione di AMBIART, Concorso Internazionale Artistico Letterario promosso dalla SIMA Onlus, la Società Italiana di Medicina Ambientale. Il Premio AMBIART, scrivono gli organizzatori, “nasce dalla volontà di promuovere e diffondere arte e letteratura come forme etiche e sostenibili di fare cultura ambientalista sana e costruttiva”. Il Concorso [...]

Festival della Comunicazione 2016: a Camogli si parla anche di ambiente

agosto 26, 2016

Festival della Comunicazione 2016: a Camogli si parla anche di ambiente

Si avvicinano le date della III edizione del Festival della Comunicazione, a Camogli dall’8 all’11 settembre 2016, manifestazione ideata e diretta da Rosangela Bonsignorio e Danco Singer e organizzata dal Comune di Camogli e da Frame, in collaborazione con la Regione Liguria, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Tra gli oltre 130 ospiti, quest’anno, il geologo [...]

Etiko Bottega: a Lecce apre un negozio per portare la campagna in città

agosto 25, 2016

Etiko Bottega: a Lecce apre un negozio per portare la campagna in città

Sabato 3 settembre inaugura a Lecce un nuovo locale, Etiko, una bottega dove acquistare prodotti sani e incontrare storie a “Km. 0″ nel centro della città, nei pressi dell’ex Cinema Santa Lucia. Sarà “una festa dei sapori”, dicono gli organizzatori, per conoscere alcune delle storie di chi ha scelto di coltivare la terra in modo [...]

Matrimoni: l’ultima tendenza è il viaggio di nozze vegano

agosto 24, 2016

Matrimoni: l’ultima tendenza è il viaggio di nozze vegano

Sono sempre di più gli italiani che decidono di seguire un’alimentazione vegetariana o vegana, ben l’8% della popolazione secondo l’ultimo rapporto Eurispes. Una scelta che può diventare problematico rispettare quando si viaggia anche se, secondo gli esperti del settore, è possibile riuscirci seguendo alcune indicazioni, come spiega CartOrange, specialista nei viaggi su misura e nei [...]

Green Drop Award: i riflettori su attori e registi in arrivo a Venezia

agosto 23, 2016

Green Drop Award: i riflettori su attori e registi in arrivo a Venezia

In occasione della 73° Mostra del Cinema di Venezia (31 agosto – 10 settembre), gli organizzatori del Green Drop Award, il premio che per il quinto anno sarà assegnato al film che meglio interpreta la sostenibilità tra quelli in gara, hanno individuato gli attori e i registi che saranno protagonisti a Venezia 73 con i [...]

Scania P320 ibrido: anche i camion possono ridurre l’impatto ambientale

agosto 23, 2016

Scania P320 ibrido: anche i camion possono ridurre l’impatto ambientale

A meno di un anno dal suo debutto ufficiale, il primo autocarro ibrido Euro 6 Scania P 320 non ha disatteso le aspettative del mercato. A notare le sue caratteristiche peculiari anche lo storico club automobilistico tedesco Kraftfahrer-Schutz (KS), il terzo in Germania con circa 500.000 membri, che ha conferito al mezzo il premio per [...]

Tra volere e dovere: tornano a Dobbiaco i “Colloqui” sull’ecologia

agosto 22, 2016

Tra volere e dovere: tornano a Dobbiaco i “Colloqui” sull’ecologia

Perché ci si impegna per combattere il cambiamento climatico, per proteggere specie animali o aiutare i rifugiati? Perché ci si schiera contro la pena di morte, si protesta contro la TAV, si fanno donazioni ad associazioni umanitarie, si installa un impianto fotovoltaico sul tetto o si fa la raccolta differenziata in casa? Quali sono, in sintesi, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende