Home » Aziende »Pratiche »Recensioni » Green Economy: la guida UNEP per imprese e governi:

Green Economy: la guida UNEP per imprese e governi

ottobre 5, 2011 Aziende, Pratiche, Recensioni

Adapting for a Green Economy” è il titolo di una vera e propria guida per imprese e decisori politici che decidano di adattare i propri obiettivi strategici alla salvaguardia dell’ambiente e alla lotta contro i cambiamenti climatici. Un vademecum per l’implementazione della Green Economy elaborato dallUNEP, in collaborazione con il World Resources Institute, e Oxfam International, che si appresta a supportare l’idea alla base di Rio+20.

La guida si basa essenzialmente sui risultati di un’indagine qualitativa tra i leader economici che supportano l’iniziativa Caring for Climate, una piattaforma delle Nazioni Unite che coinvolge più di 400 imprenditori impegnati nella lotta al cambiamento climatico. L’indagine rivela che l’83% delle 72 imprese considerate, crede che gli impatti del cambiamento climatico pongano dei rischi per i propri prodotti o servizi. Inoltre, l’86% pensa che affrontare i rischi imposti dallo stesso cambiamento climatico, oppure investire in soluzioni per l’adattamento delle politiche d’impresa alla salvaguardia dell’ambiente, possa rappresentare un’opportunità di crescita per le aziende.

Nonostante questa consapevolezza, la maggior parte delle imprese ancora oggi stenta, di fatto, a intraprendere azioni concrete per affrontare le sfide ambientali, non cogliendo, così, le opportunità stesse derivanti dalla Green Economy. Il report mette in evidenza che si tratta soprattutto di un problema pratico: le imprese trovano difficoltà a “incorporare” i dati scientifici relativi al cambiamento climatico, che si riferiscono generalmente ad ampie aree geografiche e attraversano un periodo di tempo molto lungo. Per contro, nella concretezza del mondo degli affari, le azioni e le decisioni devono essere prese nel più breve tempo possibile e riguardare aree geografiche specifiche. Nell’elaborare le proprie analisi economiche, le imprese si trovano dunque a dover affrontare la completa mancanza di informazioni relative ai costi dell’adattamento e i benefici da esso derivanti. Questo rende estremamente difficile, per le aziende, fare dell’adattamento della propria strategia d’impresa al cambiamento climatico, una priorità strategica.

Del resto, al di là dei problemi di tipo pratico e organizzativo, va comunque riconosciuto che l’adattamento ai cambiamenti climatici della strategia d’impresa è ancora un obiettivo in fase embrionale e che, nella realtà, le imprese continuano ad essere ancorate a strategie “tradizionali”.

L”adattamento e la riconversione devono, cionondimento, essere processi concreti e continuativi – raccomanda la guida – e non occasionali. Ciò significa che dovranno progressivamente diventare una priorità nella politica d’impresa. Anche ai governi spetterà un ruolo, nel sostenere le imprese con politiche economiche adeguate all’abbattimento delle barriere per gli investimenti e sfruttando virtuosamente le risorse e l’innovazione del settore privato al servizio del bene pubblico.

Ma quali dovrebbero essere, in concreto, le misure di questa azione congiunta tra pubblico e privato? Per quanto riguarda le imprese, il report stila alcune linee guida. Prima di tutto bisogna fare in modo che le tematiche climatiche ed ambientali entrino nella cultura d’impresa, cercando di abbattere qualsiasi tipo di resistenza a politiche e strategie innovative. In questo modo si rende possibile l’integrazione dell’adattamento al cambiamento climatico nel processo di pianificazione economica dell’impresa. Un ulteriore misura è l’allineamento degli obiettivi economici con quelli dell’adattamento alle sfide imposte dal cambiamento climatico, coinvolgendo, nel caso delle grandi aziende, gli azionisti attraverso canali di comunicazione migliori rispetto a quelli esistenti.

Dal canto suo il settore pubblico ha un ruolo centrale nel fare da catalizzatore per il settore privato. Oltre agli accordi a livello internazionale, è molto importante il ruolo delle politiche nazionali e locali, in quanto le sfide e le soluzioni nel processo di adattamento sono specifiche per ogni luogo e situazione. L’ambito pubblico e politico non deve fare altro che stimolare quello privato attraverso la riduzione dei rischi finanziari, la promozione di incentivi e il coinvolgimento diretto nelle pianificazioni ed implementazioni delle nuove politiche aziendali.

A quanto emerge dalla pubblicazione, la crescita della green economy per i prossimi anni richiederà dunque un elevato livello di cooperazione, collaborazione e mobilitazione delle risorse tra i governi, le imprese e la società civile. La chiave, infatti, risiede nel trovare un interesse condiviso, in cui gli incentivi economici si allineino con i bisogni di adattamento della società.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Il 6 e 7 giugno Torino invasa dai Bike Days

maggio 29, 2015

Il 6 e 7 giugno Torino invasa dai Bike Days

Sabato 6 e domenica 7 giugno 2015, Le associazioni Bike Pride Fiab Torino e Verticalife organizzano la prima edizione dei “Bike Days“, due giorni di festival in Piazza Vittorio Veneto a Torino dedicati al mondo della bici, tra sport, mobilità nuova e cicloturismo, con il patrocinio del Comune di Torino, nell’ambito di Torino Capitale Europea [...]

Banca Etica azionista critico all’assemblea di Enel

maggio 29, 2015

Banca Etica azionista critico all’assemblea di Enel

La Fondazione Culturale Responsabilità Etica (FCRE) è tornata a fare azionariato critico nei giorni scorsi all’assemblea degli azionisti di Enel assieme all’Associazione Re:Common. Nel mirino, quest’anno, ci sono le centrali a carbone che rimarranno aperte in Italia nonostante il piano di dismissione presentato alla fine del 2014. Il piano prevedeva la chiusura di 23 impianti [...]

Quanto costa produrre carne di qualità? Lo racconta Slow Food all’Expo

maggio 28, 2015

Quanto costa produrre carne di qualità? Lo racconta Slow Food all’Expo

Un lungo ponte all’insegna del “cibo buono” è quello che offre lo Slow Food Theater (estremità Est Decumano, vicino alla Collina Mediterranea) ai visitatori di Expo 2015, con incontri e degustazioni tutti all’insegna della scoperta della biodiversità. Tra gli appuntamenti in programma (consultabili dal sito di Slow Food), giovedì 29 maggio, alle 15, l’incontro e [...]

Posterheroes 5: ecco i vincitori dell’edizione sul cibo

maggio 28, 2015

Posterheroes 5: ecco i vincitori dell’edizione sul cibo

Hanno in media 24 anni e, prevalentemente, vengono da Italia, Cina, Stati Uniti, Portogallo, Iran e Turchia, per un totale di 56 paesi. Sono designer e appassionati di grafica ed esprimono, attraverso un poster, un messaggio importante. Parliamo dei partecipanti al concorso di comunicazione sociale Posterheroes, che ieri ha annunciato ufficialmente i poster vincitori dell’edizione [...]

Contrordine: semaforo verde al piano casa sul Colle dell’Infinito di Leopardi

maggio 27, 2015

Contrordine: semaforo verde al piano casa sul Colle dell’Infinito di Leopardi

Il Tar delle Marche, camera di Consiglio giudici Bianchi, Morri, Capitanio, ha annullato di nuovo (la prima volta il 6 giugno 2013) il parere negativo, espresso per la seconda volta, dalla Soprintendenza alle Belle Arti ed al Paesaggio per le Marche del Ministero dei Beni Culturali, sulla ristrutturazione del rustico della famiglia Della Casapiccola a [...]

GuidaGiardini.it, a ciascuno il suo spazio verde

maggio 26, 2015

GuidaGiardini.it, a ciascuno il suo spazio verde

Secondo uno studio del 2009 della Commissione Europea, in Italia, nelle città capoluogo di provincia sono presenti all’incirca 30 metri quadrati di spazio verde per persona, mentre in Europa le città con la media più alta giungono fino a 300 metri quadrati di aree verdi pro capite, tra giardini pubblici e privati. L’ISTAT ha confermato [...]

Le nuove frontiere dei sistemi ibridi secondo Viessmann

maggio 26, 2015

Le nuove frontiere dei sistemi ibridi secondo Viessmann

Il Gruppo Viessmann, leader nella produzione di sistemi per l’efficienza energetica, ha diffuso i risultati del convegno annuale organizzato il 23 aprile a Lodi, per approfondire i diversi aspetti dell’efficienza con sistemi ibridi. I sistemi “ibridi” sono il risultato del mix di diverse fonti di energia nel tentativo di garantire la massima efficienza. L’utilizzo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende

VIDEO DEL GIORNO