Home » Aziende »Prodotti »Prodotti »Rassegna Stampa » Trapani aspira al ruolo di capitale mediterranea del bioetanolo:

Trapani aspira al ruolo di capitale mediterranea del bioetanolo

dicembre 23, 2009 Aziende, Prodotti, Prodotti, Rassegna Stampa

Courtesy of CarmotorNel porto di Trapani, in posizione strategica per il passaggio delle navi nel Mediterraneo, si trova l’Industria Meridionale Alcolici del Gruppo Bertolino, che ha iniziato nel 1991 a produrre bioetanolo, diventando l’unico impianto a “setacci molecolari” esistente in Italia a distillarlo per farne carburante.

Lo stabilimento possiede un parco di 20 serbatoi per lo stoccaggio di alcool (con una capacità complessiva di 30mila metri cubi) collegato direttamente alla banchina del porto con due pipelines che permettono un rapido carico/scarico dalle navi. In grado di produrre alcol carburante a 99,9 gradi l’IMA utilizza materie prime (alcool o sottoprodotti di distilleria) provenienti per l’80% dall’Italia e per il 20% dal Brasile, paese dove questo prodotto è comunemente utilizzato nelle auto già dagli inizi degli anni ’70.

Oggi, a seguito dell’emanazione della direttiva comunitaria sui biocarburanti (2003/30/CE), l’ etanolo viene disidratato dalla IMA, in conformità alle specifiche richieste dai singoli Paesi comunitari quali: Svezia, Finlandia, Francia, Germania, Italia. Per l’ Italia, la IMA ha disidratato i primi volumi destinati all’ avvio del programma nazionale. L’importanza che questo prodotto riveste è dunque oggi sempre più importante, per le sue caratteristiche di carburante alternativo prodotto dalla biomassa agricola, quindi da una fonte di energia rinnovabile, a ridotto impatto inquinante rispetto alla tradizionale benzina “verde”. Le nuove strategie verdi che interessano il mondo dell’auto sono state anche al centro del BMW Sustainability Press Experience, il tour che ha visitato, tra gli altri, l’impianto di Trapani.

Puntando sulla sostenibilità ambientale del bioetanolo, l’IMA ne sta sperimentando, da tre anni, la produzione a partire da materia prima vegetale coltivata in loco, nella speranza di creare una propria filiera energetica a chilometro zero. La pianta utilizzata è il sorgo zuccherino, un vegetale che veniva destinato a foraggio, caratterizzato dall’alto contenuto di zucchero (circa 18-22%). I raccolti stanno dando risultati superiori alle aspettative, permettendo di ricavare oltre 2mila quintali di materia per ogni ettaro piantato, in un ciclo di crescita che dura quattro mesi e permette più raccolti in un anno. Il bioetanolo ottenuto viene poi venduto alle compagnie petrolifere che producono carburanti, andando a costituire l’ elemento ecologico delle benzine.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende