Home » Prodotti »Prodotti »Rassegna Stampa » Inquinamento: la plastica degli oceani diventa un aspirapolvere (svedese):

Inquinamento: la plastica degli oceani diventa un aspirapolvere (svedese)

luglio 9, 2010 Prodotti, Prodotti, Rassegna Stampa

aspirapolvere, Courtesy of Chiarix, Flickr.comRiciclare i materiali inquinanti dispersi negli oceani salvando l’ambiente? Si può.

Un’importante azienda svedese sta raccogliendo dalle acque di tutto il mondo rifiuti di plastica galleggianti per poi farne aspirapolveri. Il progetto si chiama ‘Vac from the sea‘.

Gli elettrodomestici (in 6 modelli) non verranno venduti, ma esposti in vetrina così da attirare l’attenzione del pubblico sulla questione dell’inquinamento da plastica, dannosissimo per l’ambiente e per l’equilibrio degli ecosistemi. Secondo Greenpeace ogni anno vengono infatti prodotti quasi dieci milioni di tonnellate di plastica, il 10% dei quali finisce in mare.

Gli studi hanno rivelato che le isole di rifiuti potrebbero essere cinque: la più grande, nota come Pacific Trash Vortex, é un vortice di spazzatura nel centro dell’Oceano Pacifico del Nord. Ma lo scorso inverno una spedizione scientifica ne ha scoperta un’ altra, formata da piccolissimi pezzi di plastica, nella parte Nord-Ovest dell’Atlantico e secondo alcuni modelli matematici, elaborati per misurare le correnti marine, sembrerebbe che ne esistano altre tre simili, nell’Oceano Indiano, nel Pacifico del Sud e nell’Atlantico del Sud. L’allarme è scattato di recente anche nell’Antartico dove è stata evidenziata la sospetta “avanguardia di una nuova ondata di rifiuti di plastica”, che potrebbero creare la sesta isola di spazzatura.

Obiettivo dell’eco-campagna sarà dunque anche di sottolineare il problema della scarsa offerta di materie plastiche riciclate, a fronte di una maggiore domanda delle aziende per costruire elettrodomestici sostenibili.

“Esistono delle isole di plastica, alcune volte molto grandi, di dimensioni pari addirittura allo stato del Texas, che galleggiano nei nostri oceani”, ha commentato Cecilia Nord, Vicepresidente di Electrolux, l’azienda che ha lanciato il progetto. “Eppure, a terra, si lotta per entrare in possesso di sufficienti materie plastiche riciclate per soddisfare la domanda di aspirapolveri sostenibili“. Una palese assurdità.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende