Home » Nazionali »Politiche »Prodotti »Servizi » La spesa cambia: meno ipermercati e più farmer’s markets:

La spesa cambia: meno ipermercati e più farmer’s markets

febbraio 27, 2012 Nazionali, Politiche, Prodotti, Servizi

Meno ipermercati e più farmer’s markets. Il modo di fare la spesa degli italiani sta lentamente cambiando, in maniera non del tutto prevedibile. I dati Istat diffusi in questi giorni parlano di un deciso calo a dicembre 2011, rispetto al 2010, delle vendite al dettaglio, sia nei piccoli negozi di quartiere (-3,5%), sia nella grande distribuzione (-3,9%), e in particolare negli ipermercati (-4,4%). Numeri che fotografano un’Italia più propensa al risparmio, a una spesa più meditata, con meno sprechi, ma anche a stili di consumo diversi. La crisi non solo sta inducendo a mettere qualche prodotto in meno nel carrello, ma anche a scoprire o riscoprire valori, emozioni, sapori e modi diversi di fare le cose. Non è infatti un caso che nel 2011, rispetto all’anno precedente, secondo un’indagine realizzata da Swg per Coldiretti e presentata in occasione dell’Assemblea Annuale degli Agrimercati di Campagna Amica, gli acquisti diretti dal produttore siano aumentati del 53%. A fare la spesa direttamente dagli agricoltori sono stati ben 9,2 milioni di italiani, per un importo pari a 489 milioni di euro.

Un successo, spiega il presidente di Coldiretti Sergio Marini, dovuto alla qualità dei prodotti, ma anche al fatto che l’acquisto di verdure, salumi e formaggi nei farmer’s markets va al di là del semplice fare la spesa e diventa un’esperienza: «Chi va ai mercati non compra solo calorie, compra un’emozione. Con i mercati di Campagna Amica, abbiamo creato dei luoghi che fanno star bene la gente, posti dove si trovano i valori in cui tutti vorrebbero riconoscersi». Non è un caso che in media i clienti rimangano in un agrimercato 35 minuti, il tempo per informarsi sui prodotti, scambiare opinioni, confrontarsi. Con un livello di soddisfazione elevato per il 77% degli acquirenti.

A fare la spesa direttamente dal produttore nei mercati degli agricoltori sono in gran parte donne (68%), con un livello di istruzione medio-alto (68%), sotto i 54 anni (64%). Anche lo status sociale ed economico è medio-alto nell’82% dei casi, segno il risparmio «è solo una delle ragioni che spinge all’acquisto e che la scelta è fortemente condizionata dalla ricerca di cibi sani, di informazioni sui prodotti e dal bisogno di essere rassicurati su quello che si mette nel piatto», spiega Coldiretti. In nove casi su dieci, si arriva al farmer’s market grazie al passaparola, al consiglio dell’amico, del collega o del familiare.

La rete di vendita creata dall’associazione negli ultimi tre anni e mezzo è capillare e copre tutto il territorio italiano, con una maggiore concentrazione al Nord Italia. In tutto sono 878 i mercati degli agricoltori, con 20.800 produttori agricoli coinvolti, che hanno creato nuove opportunità di lavoro per 3.500 persone. Mercati che sono inseriti in network più ampio, Campagna Amica, di cui fanno parte anche 3.972 aziende agricole, 670 agriturismi, 163 botteghe, per un totale di 5.683 punti vendita, più 30 ristoranti. Un patrimonio materiale a cui se ne aggiunge un altro immateriale, fatto di «valori etici, ambientali, economici, sociali. Composto da messaggi, temi e segni distintivi propri della nostra offerta produttiva». Dove si è raggiunto un nuovo equilibrio tra gli interessi dei consumatori e quelli degli agricoltori, con condizioni più eque per entrambi. Il network, spiega il presidente della fondazione Campagna Amica Toni De Amicis, «è ancora piccolo, siamo solo a un quarto del cammino indicato da Marini, ma già grande, perché siamo riusciti a creare qualcosa che prima di noi non c’era, e che non ha eguali in Europa. Non esiste infatti negli altri Paesi europei un circuito di vendita diretta grande come il nostro».

All’assemblea era presente anche il ministro delle Politiche agricole Mario Catania, che si è detto a favore degli acquisti a chilometro zero: «La vendita diretta è una mia battaglia culturale ed economica che dobbiamo vincere insieme. È un fenomeno che, con questi ritmi di crescita, presto sarà in grado di incidere su tutta la filiera». Il punto essenziale, per il ministro, sta proprio nel «mettere i produttori nelle condizioni di avere dal mercato una giusta remunerazione, perché il valore del prodotto resta sempre di più nelle mani della distribuzione». Per questo, nel Decreto Liberalizzazioni, Catania ha inserito, all’art. 62, norme che tutelano maggiormente gli agricoltori nei rapporti con la grande distribuzione: il provvedimento fissa a 30 giorni i termini di pagamento per i prodotti alimentari deteriorabili (e 60 per le altre merci), introduce la forma scritta obbligatoria per tutti i contratti di fornitura, prevede quali comportamenti sono espressamente vietati nelle relazioni commerciali e istituisce infine uno specifico regime sanzionatorio. Mentre nel Decreto Semplificazioni c’è una norma che aiuterà non poco gli agricoltori interessati a vendere direttamente i propri prodotti: «Sarà sufficiente – ha spiegato il ministro – inviare una semplice comunicazione, e si potrà subito avviare l’attività».

Veronica Ulivieri

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende