Home » Nazionali »Politiche »Prodotti »Servizi » La spesa cambia: meno ipermercati e più farmer’s markets:

La spesa cambia: meno ipermercati e più farmer’s markets

febbraio 27, 2012 Nazionali, Politiche, Prodotti, Servizi

Meno ipermercati e più farmer’s markets. Il modo di fare la spesa degli italiani sta lentamente cambiando, in maniera non del tutto prevedibile. I dati Istat diffusi in questi giorni parlano di un deciso calo a dicembre 2011, rispetto al 2010, delle vendite al dettaglio, sia nei piccoli negozi di quartiere (-3,5%), sia nella grande distribuzione (-3,9%), e in particolare negli ipermercati (-4,4%). Numeri che fotografano un’Italia più propensa al risparmio, a una spesa più meditata, con meno sprechi, ma anche a stili di consumo diversi. La crisi non solo sta inducendo a mettere qualche prodotto in meno nel carrello, ma anche a scoprire o riscoprire valori, emozioni, sapori e modi diversi di fare le cose. Non è infatti un caso che nel 2011, rispetto all’anno precedente, secondo un’indagine realizzata da Swg per Coldiretti e presentata in occasione dell’Assemblea Annuale degli Agrimercati di Campagna Amica, gli acquisti diretti dal produttore siano aumentati del 53%. A fare la spesa direttamente dagli agricoltori sono stati ben 9,2 milioni di italiani, per un importo pari a 489 milioni di euro.

Un successo, spiega il presidente di Coldiretti Sergio Marini, dovuto alla qualità dei prodotti, ma anche al fatto che l’acquisto di verdure, salumi e formaggi nei farmer’s markets va al di là del semplice fare la spesa e diventa un’esperienza: «Chi va ai mercati non compra solo calorie, compra un’emozione. Con i mercati di Campagna Amica, abbiamo creato dei luoghi che fanno star bene la gente, posti dove si trovano i valori in cui tutti vorrebbero riconoscersi». Non è un caso che in media i clienti rimangano in un agrimercato 35 minuti, il tempo per informarsi sui prodotti, scambiare opinioni, confrontarsi. Con un livello di soddisfazione elevato per il 77% degli acquirenti.

A fare la spesa direttamente dal produttore nei mercati degli agricoltori sono in gran parte donne (68%), con un livello di istruzione medio-alto (68%), sotto i 54 anni (64%). Anche lo status sociale ed economico è medio-alto nell’82% dei casi, segno il risparmio «è solo una delle ragioni che spinge all’acquisto e che la scelta è fortemente condizionata dalla ricerca di cibi sani, di informazioni sui prodotti e dal bisogno di essere rassicurati su quello che si mette nel piatto», spiega Coldiretti. In nove casi su dieci, si arriva al farmer’s market grazie al passaparola, al consiglio dell’amico, del collega o del familiare.

La rete di vendita creata dall’associazione negli ultimi tre anni e mezzo è capillare e copre tutto il territorio italiano, con una maggiore concentrazione al Nord Italia. In tutto sono 878 i mercati degli agricoltori, con 20.800 produttori agricoli coinvolti, che hanno creato nuove opportunità di lavoro per 3.500 persone. Mercati che sono inseriti in network più ampio, Campagna Amica, di cui fanno parte anche 3.972 aziende agricole, 670 agriturismi, 163 botteghe, per un totale di 5.683 punti vendita, più 30 ristoranti. Un patrimonio materiale a cui se ne aggiunge un altro immateriale, fatto di «valori etici, ambientali, economici, sociali. Composto da messaggi, temi e segni distintivi propri della nostra offerta produttiva». Dove si è raggiunto un nuovo equilibrio tra gli interessi dei consumatori e quelli degli agricoltori, con condizioni più eque per entrambi. Il network, spiega il presidente della fondazione Campagna Amica Toni De Amicis, «è ancora piccolo, siamo solo a un quarto del cammino indicato da Marini, ma già grande, perché siamo riusciti a creare qualcosa che prima di noi non c’era, e che non ha eguali in Europa. Non esiste infatti negli altri Paesi europei un circuito di vendita diretta grande come il nostro».

All’assemblea era presente anche il ministro delle Politiche agricole Mario Catania, che si è detto a favore degli acquisti a chilometro zero: «La vendita diretta è una mia battaglia culturale ed economica che dobbiamo vincere insieme. È un fenomeno che, con questi ritmi di crescita, presto sarà in grado di incidere su tutta la filiera». Il punto essenziale, per il ministro, sta proprio nel «mettere i produttori nelle condizioni di avere dal mercato una giusta remunerazione, perché il valore del prodotto resta sempre di più nelle mani della distribuzione». Per questo, nel Decreto Liberalizzazioni, Catania ha inserito, all’art. 62, norme che tutelano maggiormente gli agricoltori nei rapporti con la grande distribuzione: il provvedimento fissa a 30 giorni i termini di pagamento per i prodotti alimentari deteriorabili (e 60 per le altre merci), introduce la forma scritta obbligatoria per tutti i contratti di fornitura, prevede quali comportamenti sono espressamente vietati nelle relazioni commerciali e istituisce infine uno specifico regime sanzionatorio. Mentre nel Decreto Semplificazioni c’è una norma che aiuterà non poco gli agricoltori interessati a vendere direttamente i propri prodotti: «Sarà sufficiente – ha spiegato il ministro – inviare una semplice comunicazione, e si potrà subito avviare l’attività».

Veronica Ulivieri

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende