Home » Prodotti »Prodotti » Sudare? Meglio nel cotone bio:

Sudare? Meglio nel cotone bio

agosto 22, 2011 Prodotti, Prodotti

Si scrive 100% puro cotone, si legge tessuto che può contenere sostanze tossiche e pericolose. Pesticidi e fertilizzanti non arrivano infatti nel nostro organismo solo attraverso il cibo e l’acqua, o perché li respiriamo, ma anche con i vestiti e le lenzuola. Persino dalla fibra che ci sembra più naturale: il cotone, appunto. Per questo, dagli anni Ottanta è in costante crescita l’interesse per il cotone organico, ottenuto da agricoltura biologica, senza l’utilizzo di sostanze chimiche, con sementi non Ogm, e trattato e colorato con prodotti naturali e non pericolosi per la pelle.

Il cotone è ancora oggi la fibra tessile più utilizzata sul pianeta, nel 47% dei casi: secondo Altromercato, che cita dati dell’istituto di ricerche Cropnosis, «sul cotone, che occupa il 3% della produzione agricola mondiale, si utilizzano il 19% del totale degli insetticidi e il 9% di tutti i pesticidi». Un impatto ambientale significativo, che si traduce in diminuzione della fertilità della terra, inquinamento delle falde acquifere, riduzione della biodiversità, danni alla salute dei coltivatori e di chi indosserà quelle fibre una volta trasformate in jeans, magliette e lenzuola.

Come spiega il Pesticide Action Network, una volta raccolto e trasformato in tessuto, il cotone viene sbiancato, lavato con detergenti, tinto (molti coloranti contengono metalli pesanti e sostanze chimiche che non si sciolgono in acqua ed essendo liposolubili vengono assorbite dalla pelle), brillantato e, per essere ben presentato al consumatore, trattato con sostanze come la formaldeide, l’ammoniaca, le resine plastiche. A causa dei coloranti utilizzati, il cotone convenzionale tenderebbe anche a trattenere il calore, non permettendo una corretta respirazione e favorendo l’insorgenza di dermatiti e allergie.

La coltivazione organica di cotone, come avviene in generale in tutta l’agricoltura biologica, prevede il bando dei prodotti chimici di sintesi e degli organismi geneticamente modificati. Regole comunemente osservate nelle piantagioni di cotone bio sono l’utilizzo di fertilizzanti di origine animale e vegetale, l’eliminazione dei parassiti tramite l’uso di insetti antagonisti, la rimozione delle erbe infestanti tramite trattori, zappe o a mano, senza erbicidi, e l’uso esclusivo di semenze che abbiano subito almeno quattro germinazioni in assenza di trattamenti chimici. Il cotone biologico è sempre garantito da un organismo di certificazione, così come avviene per gli alimenti.

La coltivazione del cotone organico è cominciata negli anni Ottanta, quando l’impatto ambientale e sulla salute di grandi estensioni di cotone è apparso sempre più evidente. Oggi, rappresenta ancora una percentuale esigua sul totale della produzione: qualcuno parla dello 0,1% su 25 milioni di tonnellate. Ma il fenomeno è in aumento e genera tante storie di successo, come quella dei texani La Rhea Pepper e Terry, che, stanchi dei pesticidi, all’inizio degli anni Novanta hanno iniziato a pensare a un metodo di coltivazione meno inquinante in grado di non mettere in crisi l’economia della propria azienda. Nel 1993, sono stati tra i fondatori della Cooperativa Texana per il Cotone Biologico (Tocmc), a cui oggi aderiscono una trentina di aziende agricole, con circa 5.000 ettari coltivati a cotone biologico o in fase di conversione. Primo sbocco della fibra è stata la produzione, con la Organic Essentials Inc., fondata nel 1996, di tamponi, batuffoli, dischetti cosmetici e assorbenti in cotone biologico, raggiungendo in pochi anni un fatturato di un milione di dollari.

Secondo l’Organic Cotton Farm and Fiber Report 2009 di Organic Exchange, solo nel biennio 2007-2008 il numero di coltivatori di cotone biologico è aumentato del 152%. Durante il 2008 le certificazioni di cotone biologico sono cresciute del 95% e su 161.000 ettari di terreno in 22 Paesi, 145.000 tonnellate di produzione sono state di cotone biologico.

La richiesta è in continuo aumento. Da alcuni anni, anche i grandi marchi, da Nike a Zara, hanno lanciato linee di abbigliamento in fibra naturale biologica. E non sono mancati, purtroppo, anche i casi di greenwashing. L’ultimo è stato lo scandalo che ha travolto la Conscious Collection primavera-estate 2010 targata H&M: in almeno il 30% dei casi, quei capi che dovevano essere di puro cotone organico si sono rivelati di cotone Ogm.

In Italia, la diffusione del cotone bio, spiega Altromercato, «è avvenuta soprattutto negli ultimi tre anni, ma sta aumentando la consapevolezza verso questo tipo di consumo alternativo». Le cui materie prime arrivano sempre più spesso, oltre che dall’Asia, anche dall’Africa, dove il cotone rappresenta una «coltura da valuta». Molti Paesi del continente, infatti, «si affidano all’esportazione di questo prodotto per rimettere in sesto bilance dei pagamenti con l’estero disastrate». In altri casi, come quello del Mali, la coltivazione del cotone bio può addirittura diventare l’occasione per il miglioramento delle condizioni di vita dei contadini: qui, l’organizzazione Helvetas ha messo in piedi un progetto che coinvolge oltre 4.000 coltivatori di cotone. Una buona pratica che potrebbe rivelarsi contagiosa.

Veronica Ulivieri

Indirizzi utili

Greencommerce.it: propone una linea di lenzuola, copriletto e tovaglie in cotone biologico

Altramoda.net: offre anche pannolini lavabili

Fior di bimbo bio, Torino, via Giuseppe Mazzini 37, accessori e abbigliamento per bimbi

Ekrù, Milano, via Friuli 81, vestiti in cotone biologico e altre fibre naturali

Pangea, Roma, via di Ripetta, 262, abiti e camicie in cotone naturale cuciti a mano

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende