Home » Progetti » Il progetto Wico per lanciare l’eolico urbano:

Il progetto Wico per lanciare l’eolico urbano

aprile 18, 2011 Progetti

“L’unico elemento necessario è il vento. E come gonfia le vele sotto riva, può servire per illuminare le case“. Non ha dubbi, Andrea Mengozzi, assessore all’Ambiente della Provincia di Ravenna. Il progetto Wico (Wind of the Coast), il primo del genere in Italia, aprirà le porte “all’eolico urbano, l’eolico sui tetti delle case”.

Wico è finanziato dall’Unione europea con 224 mila euro a fondo perduto, nell’ambito di un programma per lo sviluppo dell’economia low carbon e la riduzione delle emissioni di gas serra. Il progetto prevede di sperimentare impianti di “micro eolico” lungo aree costiere, per una produzione di energia pulita, dal vento. “La tecnologia del micro eolico – spiega Mengozzi – è in scala molto ridotta rispetto alle pale tradizionali: nei parchi eolici sono di 80 – 100 metri di altezza, mentre i modelli di mini eolico sono pali di 6 metri che reggono turbine di un metro e mezzo o 2,40 metri. L’impatto visivo è quindi minimo, e le micro turbine producono da 1 a 1,5  kilowattora“.

Partner della Provincia di Ravenna sono altre due amministrazioni, la spagnola Diputacion Huelva (Andalucia), e l’inglese Marine South East. In base ai dati raccolti, sono state presentate il 13 aprile a Bruxelles le linee guida per il mini eolico, con indicazioni utili su condizioni ottimali del territorio, prototipi idonei, iter burocratici per le autorizzazioni, misure necessarie alle amministrazioni locali per regolamentare le installazioni.

Le principali aziende costruttrici italiane, Pramac di Siena  e Tozzi di Trento, producono turbine ad asse verticale, quindi meno impattanti dal punto di vista estetico delle abituali pale eoliche; alcuni modelli sono stati realizzati anche da noti architetti e designer, come Philip Starck.  Come ricorda Mengozzi: “Uno stabilimento balneare con le giuste condizioni di vento potrebbe dimezzare la bolletta energetica. Un modello Pramac, dal costo di circa duemila euro, dovrebbe rendere qui 1200 kw l’anno, quindi tra i 500 e i 1000 euro l’anno di energia elettrica” assicura l’assessore, che guarda avanti con lungimiranza: oltre i quattrocentoventi stabilimenti e cento hotel della fascia costiera ravennate, “si può sfruttare la brezza marina su tutta la costa – dice –  grazie agli spostamenti di masse d’aria calda da terra verso il mare e viceversa”.

Le condizioni di ventilazione perchè il mini eolico sia efficiente devono però mantenersi su una velocità media annua compresa tra i cinque e gli otto metri al secondo: “In base ai tre anemometri disposti in posti diversi della costiera abbiamo calcolato che non tutti i punti danno lo stesso ritorno. Perciò avvieremo una seconda sperimentazione, sempre con fondi europei, in altri quattro stabilimenti“. E se i risultati saranno positivi, sarà possibile chiedere altri finanziamenti ad hoc per queste fonti energetiche. “Già ora gli impianti eolici accedono ad una tariffa onnicomprensiva più bassa, ma purtroppo altri incentivi sono venuti meno proprio quest’anno. Il Ministero dell’Ambiente dovrebbe ottenere di più da quello dello Sviluppo Economico” auspica l’amministratore. “Le tecnologie e le conoscenze sono a un livello abbastanza buono, anche se non come in Germania”.

Paolo Cagnoli, responsabile Energia di Arpa Emilia-Romagna, si occupa di eolico da più di dieci anni. “Per esempio, l’aleatorietà delle fonti rinnovabili, legate alla disponibilità del vento o del sole, oggi si può mitigare in più modi – spiega. – Per il solare termodinamico si può stoccare il calore prodotto ad alte temperature trasformandolo in fluidi. Oppure si può ricorrere a un  mix energetico, associando l’eolico, più disponibile la notte, al solare ed al fotovoltaico, più produttivi di giorno“. Le soluzioni hanno soprattutto un inconveniente: il costo ancora elevato. “Non tutti riescono a reggersi senza incentivi, anche se il mercato italiano offre oggi molto spazio a imprese di green economy” conferma Cagnoli. “Ma un altro problema per chi vuol produrre energia eolica è la burocrazia, davvero un ostacolo per piccoli imprenditori o famiglie“. Laddove gli enti locali non sono abbastanza consapevoli sull’uso delle fonti alternative, le procedure autorizzative sono più tortuose e lunghe. Anche il dirigente Arpa si sente tuttavia ottimista sul futuro delle fonti alternative: “Il mini eolico non è ancora una tecnologia matura come l’eolico, ma ha il pregio di catturare anche le turbolenze, i cambi di direzione del vento, per cui la sua minor efficienza rispetto a un grosso impianto si compensa con il vento che riesce a catturare. Perciò si può ipotizzare una sua diffusione in ambiente urbano, sugli edifici alti come le torri della Regione a Bologna, ma anche sui tetti dei rifugi, oltre che sulle coste. Infatti si parla già di generazione distribuita, il contrario del monopolio. A produrre energia saranno presto anche le famiglie“.

C. G.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende