Home » Progetti » Il progetto Wico per lanciare l’eolico urbano:

Il progetto Wico per lanciare l’eolico urbano

aprile 18, 2011 Progetti

“L’unico elemento necessario è il vento. E come gonfia le vele sotto riva, può servire per illuminare le case“. Non ha dubbi, Andrea Mengozzi, assessore all’Ambiente della Provincia di Ravenna. Il progetto Wico (Wind of the Coast), il primo del genere in Italia, aprirà le porte “all’eolico urbano, l’eolico sui tetti delle case”.

Wico è finanziato dall’Unione europea con 224 mila euro a fondo perduto, nell’ambito di un programma per lo sviluppo dell’economia low carbon e la riduzione delle emissioni di gas serra. Il progetto prevede di sperimentare impianti di “micro eolico” lungo aree costiere, per una produzione di energia pulita, dal vento. “La tecnologia del micro eolico – spiega Mengozzi – è in scala molto ridotta rispetto alle pale tradizionali: nei parchi eolici sono di 80 – 100 metri di altezza, mentre i modelli di mini eolico sono pali di 6 metri che reggono turbine di un metro e mezzo o 2,40 metri. L’impatto visivo è quindi minimo, e le micro turbine producono da 1 a 1,5  kilowattora“.

Partner della Provincia di Ravenna sono altre due amministrazioni, la spagnola Diputacion Huelva (Andalucia), e l’inglese Marine South East. In base ai dati raccolti, sono state presentate il 13 aprile a Bruxelles le linee guida per il mini eolico, con indicazioni utili su condizioni ottimali del territorio, prototipi idonei, iter burocratici per le autorizzazioni, misure necessarie alle amministrazioni locali per regolamentare le installazioni.

Le principali aziende costruttrici italiane, Pramac di Siena  e Tozzi di Trento, producono turbine ad asse verticale, quindi meno impattanti dal punto di vista estetico delle abituali pale eoliche; alcuni modelli sono stati realizzati anche da noti architetti e designer, come Philip Starck.  Come ricorda Mengozzi: “Uno stabilimento balneare con le giuste condizioni di vento potrebbe dimezzare la bolletta energetica. Un modello Pramac, dal costo di circa duemila euro, dovrebbe rendere qui 1200 kw l’anno, quindi tra i 500 e i 1000 euro l’anno di energia elettrica” assicura l’assessore, che guarda avanti con lungimiranza: oltre i quattrocentoventi stabilimenti e cento hotel della fascia costiera ravennate, “si può sfruttare la brezza marina su tutta la costa – dice –  grazie agli spostamenti di masse d’aria calda da terra verso il mare e viceversa”.

Le condizioni di ventilazione perchè il mini eolico sia efficiente devono però mantenersi su una velocità media annua compresa tra i cinque e gli otto metri al secondo: “In base ai tre anemometri disposti in posti diversi della costiera abbiamo calcolato che non tutti i punti danno lo stesso ritorno. Perciò avvieremo una seconda sperimentazione, sempre con fondi europei, in altri quattro stabilimenti“. E se i risultati saranno positivi, sarà possibile chiedere altri finanziamenti ad hoc per queste fonti energetiche. “Già ora gli impianti eolici accedono ad una tariffa onnicomprensiva più bassa, ma purtroppo altri incentivi sono venuti meno proprio quest’anno. Il Ministero dell’Ambiente dovrebbe ottenere di più da quello dello Sviluppo Economico” auspica l’amministratore. “Le tecnologie e le conoscenze sono a un livello abbastanza buono, anche se non come in Germania”.

Paolo Cagnoli, responsabile Energia di Arpa Emilia-Romagna, si occupa di eolico da più di dieci anni. “Per esempio, l’aleatorietà delle fonti rinnovabili, legate alla disponibilità del vento o del sole, oggi si può mitigare in più modi – spiega. – Per il solare termodinamico si può stoccare il calore prodotto ad alte temperature trasformandolo in fluidi. Oppure si può ricorrere a un  mix energetico, associando l’eolico, più disponibile la notte, al solare ed al fotovoltaico, più produttivi di giorno“. Le soluzioni hanno soprattutto un inconveniente: il costo ancora elevato. “Non tutti riescono a reggersi senza incentivi, anche se il mercato italiano offre oggi molto spazio a imprese di green economy” conferma Cagnoli. “Ma un altro problema per chi vuol produrre energia eolica è la burocrazia, davvero un ostacolo per piccoli imprenditori o famiglie“. Laddove gli enti locali non sono abbastanza consapevoli sull’uso delle fonti alternative, le procedure autorizzative sono più tortuose e lunghe. Anche il dirigente Arpa si sente tuttavia ottimista sul futuro delle fonti alternative: “Il mini eolico non è ancora una tecnologia matura come l’eolico, ma ha il pregio di catturare anche le turbolenze, i cambi di direzione del vento, per cui la sua minor efficienza rispetto a un grosso impianto si compensa con il vento che riesce a catturare. Perciò si può ipotizzare una sua diffusione in ambiente urbano, sugli edifici alti come le torri della Regione a Bologna, ma anche sui tetti dei rifugi, oltre che sulle coste. Infatti si parla già di generazione distribuita, il contrario del monopolio. A produrre energia saranno presto anche le famiglie“.

C. G.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

agosto 10, 2017

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

“Il 25 Agosto 2017 lascerò l’Italia per raggiungere Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, da dove il 28 Agosto partirò a piedi per ripercorrere, ben 231 anni dopo, il viaggio di Wolfgang Goethe del 1786. Il viaggio di Goethe  ha avuto una grande importanza nella cultura europea e sicuramente potrebbe coincidere con l’inizio del mito del [...]

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

agosto 4, 2017

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

RÖFIX, azienda austriaca presente in Italia dal 1980, ha lanciato una nuova linea di prodotti industriali per la bioedilizia a base di canapa a marchio “CalceClima Canapa“. I prodotti CalceClima – intonaco e finitura a base di canapulo e calce idraulica naturale – hanno già ottenuto il marchio di qualità Natureplus, che certifica la loro [...]

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

agosto 4, 2017

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

E’ stato prorogato fino al 7 settembre alle ore 13.00 il termine per la presentazione delle candidature per il CRESCO Award – Città sostenibili, il premio promosso da Fondazione Sodalitas e ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), in partnership con alcune aziende impegnate sul fronte della sostenibilità, per valorizzare la spinta innovativa dei Comuni italiani nel mettere [...]

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

agosto 3, 2017

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

Anche il lavaggio dell’automobile, in tempi di siccità, finisce sotto accusa per l’eccessivo  e inutile spreco di acqua. Un’ordinanza diffusa in alcune città italiane vieta infatti ai cittadini  l’utilizzo improprio  di  acqua destinata ad azioni quotidiane, come irrigare superfici private adibite ad attività sportive, riempire piscine private, alimentare impianti di condizionamento, pulizia e lavaggio della fossa  biologica o “lavare [...]

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

agosto 3, 2017

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

Torino sarà una delle città, con Berlino, Manchester e Göteborg, dove si testerà il servizio MaaS (acronimo di Mobility as a Service). La Città, insieme alla società partecipata 5T, è infatti tra i partner di IMove,  progetto del programma europeo Horizon 2020 che ha tra i suoi obiettivi la realizzazione di un servizio MaaS, che [...]

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

agosto 1, 2017

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

Mancano poche ore ormai al 2 agosto, il cosiddetto Earth Overshoot Day 2017 (o Giorno del superamento delle risorse della Terra), la giornata in cui l’umanità avrà usato l’intero “budget” annuale di risorse naturali. Stando ai dati a disposizione, il Global Footprint Network ha stimato che per soddisfare il nostro fabbisogno attuale di risorse naturali [...]

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

luglio 31, 2017

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

Sabato 2 e domenica 3 settembre 2017 a Rivalta di Lesignano De’ Bagni, in provincia di Parma, torna per il quarto anno l’appuntamento del “Rural Festival“, dedicato alla varietà di produzioni artigianali locali di agricoltori e allevatori: un invito alla scoperta e all’assaggio di prodotti di antiche razze animali e varietà vegetali. L’area protetta di biodiversità [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende