Home » Aziende »Eventi »Pratiche »Progetti » Terni Green, l’industria verde come opportunità di crescita:

Terni Green, l’industria verde come opportunità di crescita

ottobre 10, 2011 Aziende, Eventi, Pratiche, Progetti

In tempi di crisi – ambientale ed economica - perseguire una crescita sostenibile sembra essere la sola ancora di salvezza. Va in questa direzione lo sviluppo proposto, per il Paese, da T.E.R.N.I. Research, socio di maggioranza di TerniEnergia e di TerniGreen, che venerdì scorso ha annunciato alla comunità finanziaria riunita a Palazzo Mezzanotte, l’obiettivo della quotazione in Borsa.

Efficienza uguale ricchezza”, è l’equazione con cui ha esordito Stefano Neri, presidente e amministratore delegato di TerniEnergia e di TerniGreen. Ricchezza che, secondo i numeri forniti durante l’incontro milanese, vuol dire: 170mila nuovi posti di lavoro e un aumento di due decimi di Pil l’anno per arrivare a un incremento del 5% nel 2040.

Le opportunità offerte dalla cosiddetta “industria verde” sono state il tema centrale del seminario, durante il quale Terni ha voluto allargare la visione d’insieme ad altre realtà produttive e affiancare, agli interventi dei propri managers (i consiglieri delegati Paolo Ricci, Fabrizio Venturi e Stefano Viali), la partecipazione di Anna Lambiase, amministratore delegato di IR TopAndrea Marano, amministratore delegato Lucos Alternative Energies e di Franco Gaudenti, managing partner di EnVent.

“Il nostro mercato di riferimento – ha premesso Stefano Viali – è il recupero, il riciclo di rifiuti, il compostaggio e le bonifiche. Gli impianti di compostaggio, solo per fare un esempio, hanno prodotto nel 2008 circa un milione di tonnellate di prodotto. Un prodotto che per il 70% viene utilizzato dall’agricoltura e il 30% venduto per la trasformazione di prodotti da giardinaggio”. TerniGreen intende ora presidiare la “fascia centrale” della filiera, concentrandosi sul trattamento senza occuparsi della raccolta e dello smaltimento. “Per quanto riguarda gli impianti a biogas– ha continuato Viali – tra il 1999 e il 2009 il numero di strutture è aumentato da 103 nel 1999 a 273 nel 2009 ad un tasso medio annuo di crescita del 10%”.

Gli investimenti in “tecnologie verdi” nel mondo, del resto, sono cresciuti del 35% nel 2009-2010, nonostante la crisi finanziaria in corso. In Italia, benché alla crescita dell’industria green del paese sia destinato solo l’1,3% del pacchetto di stimolo all’economia, gli investimenti in rinnovabili hanno registrato un’impennata, conseguendo un +3% sul totale dell’energia negli ultimi quattro anni. Esiste inoltre, nel nostro Paese, un notevole margine di incremento in termini quantitativi, poiché le rinnovabili potranno arrivare facilmente a percentuali fino al 30-40% rispetto all’attuale 22% nel mix delle fonti di produzione. Negli ultimi due anni questa tipologia di impresa ha già creato il 300% in più di nuovi posti di lavoro.

Il nostro Gruppo punta a diventare il primo polo verde italiano. L’industria green offre infatti possibilità di crescita e sviluppo che oggi non hanno eguali, in particolare nel nostro Paese, nonostante i limiti dovuti alla mancanza di una politica nazionale coerente” ha dichiarato Stefano Neri. “Continueremo pertanto a investire in questo ambito, che abbiamo scelto di presidiare e sul quale concentreremo i nostri sforzi sul lungo termine, certi che quella verde sia l’energia del futuro” ha concluso Neri.

Anche TerniEnergia intende cogliere le opportunità offerte da questo settore ad alta marginalità, puntando ad un obiettivo operativo di 57.000 punti luce nel 2013 e primi impianti ORC (Ciclo Organico Rankine per il recupero energetico dei cicli industriali) installati. Le linee strategiche di sviluppo della società prevedono comunque un consolidamento della presenza nel fotovoltaico, con capacità installata attesa nel 2012-2013 pari a 120 MW.

“Il campione di aziende che operano nel settore green è ben rappresentato sul listino azionario italiano – spiega Anna Lambiase – benché non esista in Italia un indice azionario specifico per le società così selezionateLe 13 società green hanno mostrato, nel 2010, solidi fondamentali e risultati in forte crescita, segnando un +35% nell’incremento dei ricavi rispetto a una media europea del +25% con un livello di occupazione che vede oltre 7.000 unità impiegate”. Elevate prospettive di sviluppo e di internazionalizzazione del settore spiegano dunque la forte presenza di investitori istituzionali nel capitale delle società, che ammontano a 74, prevalentemente stranieri (72%) per un valore complessivo dell’investimento di 111 milioni di euro, pari al 15% della capitalizzazione complessiva del campione italiano. Tra gli investitori italiani più attivi figurano Eurizon, Symphonia Gestnord, mentre tra gli stranieri DFA, Financiere de Champlain, Vanguard, Lemanik, HSBC, Julius Baer, Pharus e Wisdom Tree. “E’ il segno di una evoluzione dell’industria green nei capital markets auspicabile anche per l’Italia”, ha commentato Lambiase fornendo una previsione: ”nel contesto italiano TerniEnergia e Terni Green, avranno un ruolo fondamentale nei settori maggiormente rappresentati oggi sul mercato azionario italiano: fotovoltaico e waste management

Francesca Fradelloni

 


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende