Home » Rassegna Stampa » Al via a Torino il più grande processo europeo sull’amianto:

Al via a Torino il più grande processo europeo sull’amianto

dicembre 10, 2009 Rassegna Stampa

Courtesy of Pizzodisevo (Flickr)Si apre oggi al Tribunale di Torino il più grande processo europeo in materia di sicurezza sul lavoro e inquinamento ambientale causato dall’amianto.

Il WWF si costituirà parte civile nel processo contro la multinazionale Eternit Spa, gestore degli stabilimenti di Casale Monferrato, Cavagnolo, Bagnoli e Rubiera, accusata di omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro e disastro doloso.

Ad oggi, le vittime accertate, affette da asbestosi e mesotelioma pleurico a causa dell’esposizione all’amianto dal 1952 al 2008, sono più di 2000, a cui si somma “un numero indeterminato di lavoratori e popolazione colpita”. Le stime fanno inoltre temere un picco da tumori per amianto che sarà riscontrabile soltanto tra il 2015 e il 2020.

Le indagini, condotte dal Pubblico Ministero Raffaele Guariniello, hanno accertato, secondo quanto riporta il WWF, ”una serie di omissioni nella gestione dei cicli di produzione e una serie di danni conclamati che si sono verificati in un’area ben più vasta rispetto a quella del singolo stabilimento“. Come le aree pubbliche e le stesse abitazioni dei lavoratori, dove entravano “gli indumenti da lavoro non sottoposti a pulizia in ambito aziendale”.

Per il solo inquinamento relativo a Casale Monferrato, continua il WWF, ”il Ministero dell’Ambiente, che ha individuato l’area interessata direttamente dall’inquinamento di amianto, ha dovuto perimetrare 738,95 chilometri quadrati ricadenti nei territori di ben 48 comuni. Si tratta di territori interessati non solo dalla massiccia presenza di materiali in eternit (cioé di amianto-cemento con cui sono state fatte tettoie, tubature, cassoni dell’acqua, coibentazioni), ma anche dalla diffusione degli scarichi della lavorazione di questo”. 

Una situazione che ha reso necessario decretare l’area Sito d’Importanza Nazionale (Sin), con un conseguente stanziamento di 35,5 milioni di euro per i complessi interventi di bonifica. A essere interessato sarebbe infatti anche “un pezzo della sponda del Po dove lo stabilimento scaricava“.

I numeri del processo sono impressionanati: 2.000 persone attese al Tribunale di Torino, oltre 4.ooo mila parti civili e 5 miliardi di euro di risarcimento richiesti. “Numeri talmente fuori misura”, sottolinea il WWF ,”da rendere necessaria la notifica del decreto che dispone il giudizio per pubblici annunzi, ovvero pubblicandolo su vari siti internet istituzionali, con diffusione di un comunicato stampa dell’ufficio di Presidenza del Tribunale di Torino e, addirittura, con pubblicazione nella Gazzetta ufficiale”.

Ilaria Burgassi

Si veda anche Grazia Longo, “Eternit, via al processo. La sentenza nel 2011“, LaStampa.it, 10 dicembre 1009

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

L’invasione degli smartphones: 7 miliardi di pezzi in 10 anni e 968 TWh di energia consumata

febbraio 28, 2017

L’invasione degli smartphones: 7 miliardi di pezzi in 10 anni e 968 TWh di energia consumata

Negli ultimi dieci anni, la produzione e lo smaltimento di smartphone hanno avuto un impatto significativo sul nostro pianeta, secondo un rapporto diffuso ieri da Greenpeace USA, all’inaugurazione del “World Mobile Congress” di Barcellona. Il rapporto “From Smart to Senseless: The Global Impact of Ten Years of Smartphones” fornisce una panoramica dell’aumento dell’uso degli smartphone [...]

Resilienza: l’Ordine degli Architetti di Roma a convegno sul rischio sismico e idrogeologico

febbraio 28, 2017

Resilienza: l’Ordine degli Architetti di Roma a convegno sul rischio sismico e idrogeologico

Prevenire con efficacia i danni provocati dai terremoti e dalle catastrofi naturali comporta un cambiamento culturale, sociale e tecnico che coinvolge le istituzioni, i cittadini, le imprese e i professionisti. Un radicale cambiamento che dall’emergenza ci deve portare alla gestione ordinaria dei rischi naturali e a progettare e realizzare città capaci di adattarsi ai cambiamenti climatici e [...]

Consiglio Ambiente UE: le associazioni ambientaliste chiedono una riforma coraggiosa dell’ETS

febbraio 28, 2017

Consiglio Ambiente UE: le associazioni ambientaliste chiedono una riforma coraggiosa dell’ETS

L’appello è arrivato alla vigilia della riunione dei Ministri dell’Ambiente della UE, in programma oggi a Bruxelles. Un appuntamento importante perché al primo punto all’ordine del giorno, è prevista la revisione dell’Emission Trading Scheme (ETS), il meccanismo europeo di scambio delle emissioni il cui obiettivo dovrebbe essere quello di far pagare gli emettitori di CO2 per [...]

Botanica: musica e scienza per raccontare la vita delle piante

febbraio 27, 2017

Botanica: musica e scienza per raccontare la vita delle piante

Aboca, Stefano Mancuso e i DeProducers tornano insieme con lo spettacolo Botanica per continuare ad unire musica e scienza e raccontare le meraviglie del mondo vegetale. Un progetto innovativo e coinvolgente che vede la consulenza scientifica di uno dei più importanti ricercatori botanici internazionali, il Prof. Mancuso, tra le massime autorità mondiali nel campo della neurobiologia [...]

Progetto EVE: 325 colonnine di ricarica elettrica per la Toscana

febbraio 27, 2017

Progetto EVE: 325 colonnine di ricarica elettrica per la Toscana

EVE – Electric Vehicle Energy è un progetto che nasce dalla collaborazione tra tre grandi realtà toscane, come Enegan, trader di luce e gas che opera a livello nazionale, il Polo Tecnologico di Navacchio (Pisa) – realtà composta da 60 imprese hi-tech – e Dielectrik, che lavora alla progettazione e alla produzione di prototipi di generi [...]

Officinae Verdi e Manni Group lanciano GMH4.0, soluzione per il “green social housing”

febbraio 24, 2017

Officinae Verdi e Manni Group lanciano GMH4.0, soluzione per il “green social housing”

In Italia oltre la metà del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, circa 500.000 alloggi, è classificato ad elevato consumo energetico (classi E, F e G): per questo motivo le famiglie che vi abitano spendono oltre il 10% del loro reddito per elettricità e gas, a causa della bassa efficienza e di uno dei costi energetici [...]

Ristorante Solidale: al via la prima consegna (in bicicletta) anti-spreco

febbraio 23, 2017

Ristorante Solidale: al via la prima consegna (in bicicletta) anti-spreco

Just eat, azienda leader nel mercato dei servizi per ordinare pranzo e cena a domicilio, ha dato il via ieri, nella sede istituzionale di Palazzo Marino a Milano, alla prima consegna di Ristorante Solidale, il progetto di food delivery solidale patrocinato dal Comune di Milano e sviluppato in collaborazione con Caritas Ambrosiana, l’organismo pastorale della Diocesi di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende