Home » Rassegna Stampa » Google investe 5 miliardi nell’eolico off-shore:

Google investe 5 miliardi nell’eolico off-shore

ottobre 13, 2010 Rassegna Stampa

impianto eolico off-shore, Courtesy of ecologiae.comDopo i motori di ricerca, i servizi di posta elettronica, i sistemi operativi per smartphone,Google promette di rivoluzionare il sistema dell’energia eolica. La compagnia di Palo Alto, insieme con il gruppo finanziario americano Good Energies, ha infatti presentato un piano da5 miliardi di dollari per un progetto assolutamente innovativo: la costruzione dell’Atlantic Wind Connection, una mega-linea elettrica di 600 chilometri, che scorrerà sotto il mare lungo la costa atlantica degli Stati Unitidal New Jersey fino alla Virginia, e che servirà per trasportare l’energia prodotta da centrali elettriche off-shore. Questa dorsale marina avrà una capacità di 6 mila megawatt, l’equivalente di quanto prodotto da cinque grandi centrali nucleari, e verrà posata a circa 30 chilometri dalla costa. Il primo tratto dovrebbe essere completato nel 2016 mentre il progetto intero dovrebbe essere pronto nel 2021.

Ad oggi però, nel tratto di costa atlantica interessato dalla linea, non esistano centrali eoliche off-shore: esiste un solo progetto esecutivo, quello della Bluewater Wind off nel Delawareper costruire una centrale da 450 megawatts, ma i tempi di costruzione sono per ora incerti.

Che senso ha allora questo massiccio investimento?Per prima cosa, la linea avrà il vantaggio di favorire il trasferimento dell’energia dalla Virginia, dove i costi di produzione sono minori, fino al New Jersey, abbattendo i prezzi per i consumatori del nord.

Poi, come ha spiegato al New York Times Richard L. Needham, direttore del Green business operations group di Google’s “è un’opportunità per far decollare l’industria eolica e, nel lungo termine, fornire un’opportunità agli stati che si affacciano sulla costa atlantica di raggiungere i loro obiettivi per la produzione di energia rinnovabile”.

Mentre per ora il prezzo di mercato dell’energia prodotta da centrali eoliche off-shore è di circa il 50% maggiore rispetto a quella prodotta dal carbone o dal gas naturale, l’ Atlantic Wind Connection dovrebbe consentire una sensibile riduzione dei costi: dall’allacciamento alla rete alle economie di scala, dalla semplificazione logistica alla possibilità di entrare in un network a cui possono attingere quasi decine di milioni di abitanti. Per rendere vantaggiosa l’energia eolica off-shore basterebbe poi un cambiamento delle condizioni di mercato, un incremento del prezzo del gas naturale, o anche l’adozione, da parte dell’amministrazione federale, di una tassa sulle emissioni carboniche.

Un altro vantaggio che verrebbe garantito dalla linea atlantica, il cui progetto è stato salutato con favore da tutti i governatori degli stati interessati, è quello di rendere il flusso di energia eolica più stabile e prevedibile: “Lungo la costa atlantica vi sono il vento segue traiettorie più o meno stabili – ha dichiarato al New York Times l’esperto di energie rinnovabili Willett Kempton dell’Università del Delaware – Se venerdì soffia in Virginia, sabato dovrebbe essere in Delawere e domenica in New Jersey. Quindi la lunga dorsale dovrebbe assicurare che il flusso di energia in arrivo sulla terraferma sia più o meno costante”.

Infine, la costruzione stessa della dorsale incoraggerà lo sviluppo della filiera industriale che produce componenti specializzati nell’offshore eolico.

L’operazione, dal punto di vista finanziario, ha visto Google e il gruppo Good Energies acquisire rispettivamente il 37,5% delle quote del progetto, al quale partecipano anche altre società, tra cui la giapponese Marubeni. Già nei mesi scorsi Google aveva cominciato a investire nelle rinnovabili acquistando attraverso la controllata Google Energy due impianti di energia eolica del Nord Dakota per quasi 39 milioni di dollari.

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende