Home » Rassegna Stampa » Rapporto IREX: dalle rinnovabili 90.000 posti di lavoro:

Rapporto IREX: dalle rinnovabili 90.000 posti di lavoro

aprile 21, 2011 Rassegna Stampa

Le fonti di energia rinnovabile potrebbero produrre in Italia 90.000 posti di lavoro aggiuntivi, per un valore tra i 28,6 ed i 42,3 miliardi di euro entro il 2020.

È questo uno dei dati più interessanti contenuti nel Rapporto Annuale Irex sulle energie rinnovabili, elaborato dalla società di consulenza Althesys. A decidere il futuro di un comparto florido e con grandi potenzialità saranno le politiche energetiche nazionali ed internazionali e gli incentivi che gli stati membri adotteranno.

Primo aspetto su cui si sofferma lo studio, realizzato sotto la direzione di Alessandro Marangoni, riguarda gli investimenti italiani negli ultimi anni. L’immagine che ne esce è positiva e raffigura un settore dinamico, «in marcata crescita nonostante la congiuntura economica sfavorevole e le incertezze ricorrenti nel quadro regolatorio». «Nell’ultimo anno, sono state realizzate 203 operazioni (nuovi impianti e attività di finanza straordinaria) con investimenti per 12,3 miliardi di euro e 5.165 MW.  La crescita interna rappresenta, come nel 2008‐2009, quasi la metà delle operazioni mappate, quella esterna il 34% circa e le forniture, compresi i contratti EPC (cioè quelli per cui le aziende si occupano di tutte le attività e i servizi necessari per la progettazione e la costruzione di impianti, ndr), il 18% del totale. I soli investimenti in impianti equivalgono a quasi lo 0,4% del PIL italiano», si legge nella sintesi del rapporto.

Particolare è il campo del fotovoltaico, in cui le aziende con il ruolo di EPC contractor hanno scelto la strategia dell’«integrazione lungo la value chain; in misura più ridotta a monte verso la produzione delle tecnologie; più marcata a valle verso la generazione. Il progressivo consolidamento del mercato sta, invece, riducendo gli spazi per i developer e gli operatori locali che, nel lungo periodo, avranno un ruolo marginale».

Un discorso a parte merita poi la chiusura dei rubinetti del credito seguita all’incertezza legislativa degli ultimi mesi. «L’indagine presso le imprese evidenzia come il rischio, percepito o reale, dell’investimento nelle rinnovabili stia aumentando. Due terzi degli operatori dichiarano di aver ridotto gli investimenti a causa della situazione finanziaria. L’aumento del rischio ricade sulla bancabilità dei progetti: il 27% delle aziende rinuncia a oltre il 30% dei progetti in portafoglio per questioni collegate al finanziamento. Gli operatori prevedono un maggior ricorso all’equity e al leasing per finanziare i progetti, mentre si riduce l’accesso al credito bancario e al project financing», spiega lo studio.  Una considerazione che richiama anche le preoccupazioni del commissario europeo per l’Energia Günter Oettinger. Da lui è infatti arrivata in questi giorni una severa bacchettata all’Italia per l’instabilità normativa che mette a rischio anche gli investimenti già fatti dagli operatori internazionali.

Proprio sulle azioni per lo sviluppo delle rinnovabili nel quadro delle politiche  ambientali ed energetiche il dibattito è ancora aperto, sia a livello europeo che italiano. Il nodo cruciale è il saldo tra costi e benefici di queste misure. In diversi Paesi europei, i sistemi di incentivazione sono stati riconsiderati e ricalibrati, e dovranno via via scomparire con il raggiungimento della grid parity, ossia la parità di costo tra un kilowattora prodotto da fonti convenzionali e uno da fonti rinnovabili.

Le previsioni di Althesys per l’Italia sono, anche in questo caso, ottimistiche: «L’analisi costi‐benefici svolta su due sentieri di sviluppo delle FER al 2020, mostra un saldo netto positivo per l’Italia tra 24,2 e 32,3  miliardi di euro, in aumento rispetto ai calcoli del 2010. La spesa per gli incentivi (ipotizzati in calo fino ad azzerarsi con la grid parity al 2020 nel sentiero di minore crescita) è più che bilanciata dai numerosi benefici: aumento di occupazione e indotto, ricadute sul PIL, diminuzione delle emissioni, minor dipendenza energetica e fuel risk».

Grande assente nei piani di sviluppo del nostro Paese è ancora l’efficienza energetica, che «pur essendo un elemento chiave della Direttiva 20‐20‐20, non è stata finora al centro delle politiche energetiche italiane». Il report mette in guardia sui rischi e gli oneri futuri: «L’impatto del mancato raggiungimento degli obiettivi previsti in questo ambito per la componente elettrica è rilevante; il rispetto del target complessivo della Direttiva richiederebbe l’installazione di ulteriore potenza nelle rinnovabili (da 1,6 a 8,2 GW) rispetto a quanto già previsto dal Piano di azione nazionale al 2020. Ciò comporterebbe una maggior spesa per incentivi tra 14,2 e 24,4 miliardi di euro».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende