Home » Recensioni » “E il giardino creò l’uomo”. Come gli alberi conducono a noi stessi:

“E il giardino creò l’uomo”. Come gli alberi conducono a noi stessi

luglio 31, 2012 Recensioni

Nel grande deserto che è diventato il mondo degli uomini, non ci resta che il giardino!”. Lo spirito con cui Jorn De Precy, filosofo-giardiniere islandese, scrive nel 1912 E il giardino creò l’uomo (The Lost Garden), è riassunto benissimo in questa frase. Il libro, pubblicato in Italia da Ponte alle Grazie, è curato da Marco Martella, storico dei giardini e fondatore a Parigi della rivista Jardins, sulla filosofia e la poetica del giardino, che lo ha trovato per caso in un mercatino delle pulci di Londra. Un po’ saggio e un po’ diario, il volume è un elogio del giardino come “territorio tra parentesi”, in cui l’uomo può ritrovare il tempo che in città scorre troppo veloce, e forse comprendere anche il senso delle cose.

Nel libro, l’autore raccoglie, uniti a consigli su come creare un giardino selvatico e adatto al luogo in cui si trova, riflessioni sul rapporto tra l’uomo e la natura e sull’importanza delle piante per raggiungere un nuovo equilibrio con l’ambiente nell’era della modernità. Per dirla con de Précy, che quelle idee le applicò nel suo giardino selvatico di Greystone, nella campagna inglese dell’Oxfordshire, è “una raccolta di liberi pensieri su tutto ciò che, nell’esperienza del giardino, ci chiama in causa come esseri umani”.

I temi toccati sorprendono per la loro grande attualità, a partire da quello del Genius loci, cioè lo spirito di un luogo. L’unica regola per chi voglia creare e curare un giardino, dice de Précy, è il “rispetto per il luogo in cui operiamo” e che “ci parla”: “Quando si crea o si mantiene un giardino bisogna sempre fare atto di modestia. Il luogo ha origini lontane, più lontane delle nostre. Possiede una storia in cui abbiamo il dovere di entrare in punta di piedi”. Ancora, “bisogna imparare l’arte di guardare e quella della pazienza, che abbiamo da tempo disimparato; ma anche, anzi soprattutto, quella di ascoltare”. E allora, a un certo giardinaggio di oggi, molto “interventista” sulla terra, si sostituisce quello del “giardino selvatico”, lasciato ai propri ritmi. Giardinieri che si mantengono in penombra, a cui l’autore consegna questo imperativo: “Fate il meno possibile, lasciate alla natura il grosso del lavoro, ritiratevi  quanto potete dal campo d’azione”.

Con l’avvento della modernità, scrive malinconico de Precy, “ci siamo allontanati, forse irrimediabilmente, dal mondo naturale”. Ma è proprio attraverso il giardino che questo divario può essere colmato: è con quella stessa umiltà del giardiniere che possiamo “modificare radicalmente il nostro rapporto con il vivente, fino a considerare l’intero pianeta come un vasto giardino”. L’insegnamento del giardino sta proprio qui: “Un’umanità finalmente tranquilla può, se lo vuole, vivere in questo grande spazio che è la terra, prendendosi cura della vita”.

Il giardino diventa allora, e questa è forse l’idea più suggestiva del libro, una forma di resistenza, disobbedienza, ribellione ai ritmi e ai modi di vita imposti dalla città moderna. Nei giardini – di cui il verde urbano resta solo un surrogato un po’ triste – l’uomo può riconquistare il senso delle cose e lo scorrere naturale del tempo, di cui i ritmi quotidiani lo hanno privato. “Ci sono luoghi che sembrano resistere meglio a questa distruzione lenta e apparentemente inevitabile”, scrive de Precy alla fine del secondo capitolo, e continua: “Luoghi che riescono a preservare la propria anima e che la stupidità della civiltà non riesce a edulcorare facilmente. In questi luoghi l’esperienza della bellezza, del mistero vivente dell’essere è ancora accessibile ai comuni mortali. Naturalmente, sto parlando dei giardini”.

Marco Martella, curatore autore del libro, escogita un meccanismo narrativo molto efficace: l’espediente del volumetto perduto e ritrovato viene svelato solo alla fine da una oscura Nota dell’Editore, che lascia comunque intatto gran parte del mistero che avvolge il testo. “Per creare il personaggio mi sono ispirato (oltre, naturalmente, a me stesso, al  mio modo di vedere il giardino, ai giardini che ho conosciuto o in cui ho lavorato) a diverse figure dell’Inghilterra vittoriana”, spiega Martella a Greenews. Ma, indipendentemente dall’esistenza o meno di de Precy, “E il giardino creò l’uomo” ha tutte le carte in regola per diventare un piccolo manifesto di poeti-giardinieri, coltivatori di orti urbani e piante sul balcone, alla ricerca, in mezzo alla città, di quel “dialogo ininterrotto con la terra” che è il giardinaggio.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende