Home » Recensioni » “E il giardino creò l’uomo”. Come gli alberi conducono a noi stessi:

“E il giardino creò l’uomo”. Come gli alberi conducono a noi stessi

luglio 31, 2012 Recensioni

Nel grande deserto che è diventato il mondo degli uomini, non ci resta che il giardino!”. Lo spirito con cui Jorn De Precy, filosofo-giardiniere islandese, scrive nel 1912 E il giardino creò l’uomo (The Lost Garden), è riassunto benissimo in questa frase. Il libro, pubblicato in Italia da Ponte alle Grazie, è curato da Marco Martella, storico dei giardini e fondatore a Parigi della rivista Jardins, sulla filosofia e la poetica del giardino, che lo ha trovato per caso in un mercatino delle pulci di Londra. Un po’ saggio e un po’ diario, il volume è un elogio del giardino come “territorio tra parentesi”, in cui l’uomo può ritrovare il tempo che in città scorre troppo veloce, e forse comprendere anche il senso delle cose.

Nel libro, l’autore raccoglie, uniti a consigli su come creare un giardino selvatico e adatto al luogo in cui si trova, riflessioni sul rapporto tra l’uomo e la natura e sull’importanza delle piante per raggiungere un nuovo equilibrio con l’ambiente nell’era della modernità. Per dirla con de Précy, che quelle idee le applicò nel suo giardino selvatico di Greystone, nella campagna inglese dell’Oxfordshire, è “una raccolta di liberi pensieri su tutto ciò che, nell’esperienza del giardino, ci chiama in causa come esseri umani”.

I temi toccati sorprendono per la loro grande attualità, a partire da quello del Genius loci, cioè lo spirito di un luogo. L’unica regola per chi voglia creare e curare un giardino, dice de Précy, è il “rispetto per il luogo in cui operiamo” e che “ci parla”: “Quando si crea o si mantiene un giardino bisogna sempre fare atto di modestia. Il luogo ha origini lontane, più lontane delle nostre. Possiede una storia in cui abbiamo il dovere di entrare in punta di piedi”. Ancora, “bisogna imparare l’arte di guardare e quella della pazienza, che abbiamo da tempo disimparato; ma anche, anzi soprattutto, quella di ascoltare”. E allora, a un certo giardinaggio di oggi, molto “interventista” sulla terra, si sostituisce quello del “giardino selvatico”, lasciato ai propri ritmi. Giardinieri che si mantengono in penombra, a cui l’autore consegna questo imperativo: “Fate il meno possibile, lasciate alla natura il grosso del lavoro, ritiratevi  quanto potete dal campo d’azione”.

Con l’avvento della modernità, scrive malinconico de Precy, “ci siamo allontanati, forse irrimediabilmente, dal mondo naturale”. Ma è proprio attraverso il giardino che questo divario può essere colmato: è con quella stessa umiltà del giardiniere che possiamo “modificare radicalmente il nostro rapporto con il vivente, fino a considerare l’intero pianeta come un vasto giardino”. L’insegnamento del giardino sta proprio qui: “Un’umanità finalmente tranquilla può, se lo vuole, vivere in questo grande spazio che è la terra, prendendosi cura della vita”.

Il giardino diventa allora, e questa è forse l’idea più suggestiva del libro, una forma di resistenza, disobbedienza, ribellione ai ritmi e ai modi di vita imposti dalla città moderna. Nei giardini – di cui il verde urbano resta solo un surrogato un po’ triste – l’uomo può riconquistare il senso delle cose e lo scorrere naturale del tempo, di cui i ritmi quotidiani lo hanno privato. “Ci sono luoghi che sembrano resistere meglio a questa distruzione lenta e apparentemente inevitabile”, scrive de Precy alla fine del secondo capitolo, e continua: “Luoghi che riescono a preservare la propria anima e che la stupidità della civiltà non riesce a edulcorare facilmente. In questi luoghi l’esperienza della bellezza, del mistero vivente dell’essere è ancora accessibile ai comuni mortali. Naturalmente, sto parlando dei giardini”.

Marco Martella, curatore autore del libro, escogita un meccanismo narrativo molto efficace: l’espediente del volumetto perduto e ritrovato viene svelato solo alla fine da una oscura Nota dell’Editore, che lascia comunque intatto gran parte del mistero che avvolge il testo. “Per creare il personaggio mi sono ispirato (oltre, naturalmente, a me stesso, al  mio modo di vedere il giardino, ai giardini che ho conosciuto o in cui ho lavorato) a diverse figure dell’Inghilterra vittoriana”, spiega Martella a Greenews. Ma, indipendentemente dall’esistenza o meno di de Precy, “E il giardino creò l’uomo” ha tutte le carte in regola per diventare un piccolo manifesto di poeti-giardinieri, coltivatori di orti urbani e piante sul balcone, alla ricerca, in mezzo alla città, di quel “dialogo ininterrotto con la terra” che è il giardinaggio.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende