Home » Recensioni » The Hunger Games: un futuro distopico sullo sfondo dei cambiamenti climatici:

The Hunger Games: un futuro distopico sullo sfondo dei cambiamenti climatici

aprile 5, 2012 Recensioni

Il 23 marzo è uscito negli Usa The Hunger Games, il film tratto dal libro omonimo di Suzanne Collins. La storia racconta le vicende di due adolescenti che vivono in un futuro dove il mondo come noi  lo conosciamo non esiste più. C’è invece Panem, una terra sorta sulle ceneri dell’America del Nord, dove a governare è una ristretta oligarchia ricca e potente residente a Capitol e dominante su tutti i 12 distretti periferici di cui Panem è composta.  Ogni anno il governo organizza un grande reality che chiama due teenager per distretto a partecipare a quella che è una vera e propria guerra all’ultimo sangue: a vincere il premio in palio sarà l’unico in grado di uccidere tutti gli altri concorrenti nella gara per la sopravvivenza nella foresta. L’evento è seguito dalla televisione e i giocatori, oltre a sopravvivere, devono anche ingraziarsi i favori del pubblico per ricevere i loro bonus. I due adolescenti protagonisti saranno coinvolti in una serie di avventure rocambolesche e solo alla fine sapremo se ce la faranno davvero o no.

Il film ha avuto un enorme successo negli Usa – si parla di 155 milioni di dollari nel primo weekend di proiezione – e negli altri paesi europei dove è già stato distribuito. In Italia potremo vederlo dal primo maggio. Oltre ai protagonisti Jennifer Lawrence (candidata all’Oscar nel 2011 come migliore attrice protagonista per Un gelido inverno) e Josh Hutcherson, la pellicola conta su una lista di ottimi attori nei ruoli secondari, oltre che su una colonna sonora interessante. La critica lo ha promosso, così come ha promosso il libro da cui è stato tratto, il primo di una trilogia. Hunger Games venne pubblicato negli Stati Uniti nel settembre del 2008 e da allora ha venduto 26 milioni di copie. Il secondo libro della trilogia, Catching Fire, è uscito nel 2009 ed è stato pubblicato in Italia con il titolo “La ragazza di fuoco nel novembre 2010. Il terzo è stato pubblicato negli Stati Uniti nell’agosto 2010 con il titolo di Mockingjay e uscirà in Italia il 15 maggio come “Il canto della rivolta”. Si vocifera già di un sequel al cinema sulla base di Catching fire, che dovrebbe arrivare nelle sale americane il 22 novembre 2013.

La produzione è interessante non solo per il clamore di pubblico con cui è stato accolto all’estero ed è atteso in Italia. Sebbene non specificato in dettaglio, il libro racconta di un mondo nato dopo la morte di un pianeta che ha attraversato una serie di fenomeni facilmente riconducibili a un cambiamento climatico pesante. Il sindaco di Capitol racconta infatti che Panem è nata dopo deserti, inondazioni, tempeste, carestie e mari prosciugati. Tutti fenomeni che attualmente gli scienziati ipotizzano come future conseguenze ai cambiamenti climatici in atto. Un tema, dunque, decisamente di attualità. Nature Geoscience ha infatti da poco pubblicato uno studio secondo  il quale la temperatura del nostro pianeta crescerà in media di 1,4 – 3°C, da qui al 2050, anche in uno scenario di inquinamento atmosferico moderato.

The Hunger Games fa pertanto riferimento a uno scenario tristemente possibile. Non è tuttavia l’unico né l’ultimo film a essere legato a tematiche ambientali, al cinema stiamo assistendo a un exploit di pellicole environment friendly. Pensiamo anche solo a quelli recentemente recensiti, da  Qualcosa di straordinario a Lorax – Il guardiano della foresta. Segno che le paure collettive si stanno orientando sempre più sull’ambiente. Come negli anni Settanta venivano esorcizzati sul grande schermo i timori di epidemie incontrollate – da Il pianeta delle scimmie a Cassandra Crossing, quasi ad anticipare l’esplosione dell’AIDS negli anni Ottanta – negli anni Duemila lo scenario per un futuro davvero spaventoso è l’ambiente irreversibilmente danneggiato: The Road, L’alba del giorno dopo, 2012 solo per fare alcuni esempi. Sebbene da un punto di vista catastrofico, si può dunque concludere che l’attenzione sui temi ambientali è alta. E se passa attraverso il mainstream di film di grande successo significa che non è solo più preoccupazione di pochi ambientalisti convinti. Sempre di questi giorni è infatti la (buona) notizia che, secondo un nuovo studio condotto da Nielsen, a livello mondiale, i consumatori “socialmente consapevoli” sono giovani (il 63% è di età inferiore ai 40 anni), consultano i social media quando devono prendere decisioni d’acquisto e si preoccupano di questioni ambientali, educative e di alimentazione. Ci piace pensare che abbiamo ancora tempo per capovolgere la distopia in una realistica utopia.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

giugno 19, 2018

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

Le imprese e le famiglie residenti ad Affi, in provincia di Verona, potranno partecipare al finanziamento dell’impianto eolico, della potenza complessiva di 4 MW, realizzato dalla multiutility locale AGSM nel 2017. L’operazione replica uno schema già adottato con successo per il vicino impianto eolico di Rivoli Veronese realizzato dalla stessa società nel 2013, e prevede un’emissione di obbligazioni (“Affi [...]

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

giugno 15, 2018

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

La rete europea del World Green Building Council (WorldGBC) e le principali banche europee hanno lanciato ieri un nuovo schema pilota di mutui per l’efficienza energetica. Un segnale importante da parte degli investitori, che dimostra come “l’edilizia sostenibile” stia diventando un mercato chiave per la crescita dell’Europa. Lo schema pilota è finalizzato alla sperimentazione di [...]

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

giugno 14, 2018

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

Si sono conclusi con una tavola rotonda al Politecnico di Milano i due giorni di convegno promossi da Lombardy Energy Cleantech Cluster (LE2C) sul tema “Microinquinanti emergenti”, che ha visto un’ampia partecipazione di rappresentanti delle imprese, degli enti pubblici e dell’università, attirati da un tema di grande importanza, ma ancora poco noto al pubblico e poco trattato [...]

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

giugno 14, 2018

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

E’ partita da Pescara la prima tappa del roadshow “Le opportunità di sviluppo delle fonti rinnovabili nel settore elettrico – Incontri con il territorio” organizzato da Elettricità Futura. Un’occasione di confronto tra istituzioni e aziende del settore elettrico con un particolare focus sullo sviluppo delle rinnovabili e le opportunità di finanziamento. Questa prima tappa, organizzata in [...]

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

giugno 6, 2018

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

Si è conclusa ieri, nella Giornata Mondiale dell’Ambiente, la XXI edizione di Cinemambiente, il Festival internazionale di cinema e cultura ambientale organizzato a Torino dall’omonima associazione, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema. Legambiente, che con i propri educatori ambientali supporta Cinemambiente Junior, la sezione del Festival dedicata ai ragazzi, e che ogni anno assegna un riconoscimento [...]

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

giugno 5, 2018

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

Le città del mondo si attrezzano per affrontare i mutamenti climatici e Torino, tra le italiane, è una delle più attive nel percorso finalizzato alla predisposizione di un piano di adattamento. In particolare attraverso il progetto europeo Life DERRIS, nato tre anni fa per favorire la creazione di una partnership pubblico-privato nella definizione di una strategia [...]

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

giugno 4, 2018

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

La nuova Piattaforma per il monitoraggio degli impianti fotovoltaici di grande taglia rappresenta un primo passo del GSE per favorire il raggiungimento dell’obiettivo di 72 TWh di produzione fotovoltaica al 2030. Per proiettare il Paese verso la decarbonizzazione e garantire uno sviluppo che sia davvero sostenibile, sarà infatti importante non solo realizzare nuovi impianti FER, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende