Home » Recensioni » The Hunger Games: un futuro distopico sullo sfondo dei cambiamenti climatici:

The Hunger Games: un futuro distopico sullo sfondo dei cambiamenti climatici

aprile 5, 2012 Recensioni

Il 23 marzo è uscito negli Usa The Hunger Games, il film tratto dal libro omonimo di Suzanne Collins. La storia racconta le vicende di due adolescenti che vivono in un futuro dove il mondo come noi  lo conosciamo non esiste più. C’è invece Panem, una terra sorta sulle ceneri dell’America del Nord, dove a governare è una ristretta oligarchia ricca e potente residente a Capitol e dominante su tutti i 12 distretti periferici di cui Panem è composta.  Ogni anno il governo organizza un grande reality che chiama due teenager per distretto a partecipare a quella che è una vera e propria guerra all’ultimo sangue: a vincere il premio in palio sarà l’unico in grado di uccidere tutti gli altri concorrenti nella gara per la sopravvivenza nella foresta. L’evento è seguito dalla televisione e i giocatori, oltre a sopravvivere, devono anche ingraziarsi i favori del pubblico per ricevere i loro bonus. I due adolescenti protagonisti saranno coinvolti in una serie di avventure rocambolesche e solo alla fine sapremo se ce la faranno davvero o no.

Il film ha avuto un enorme successo negli Usa – si parla di 155 milioni di dollari nel primo weekend di proiezione – e negli altri paesi europei dove è già stato distribuito. In Italia potremo vederlo dal primo maggio. Oltre ai protagonisti Jennifer Lawrence (candidata all’Oscar nel 2011 come migliore attrice protagonista per Un gelido inverno) e Josh Hutcherson, la pellicola conta su una lista di ottimi attori nei ruoli secondari, oltre che su una colonna sonora interessante. La critica lo ha promosso, così come ha promosso il libro da cui è stato tratto, il primo di una trilogia. Hunger Games venne pubblicato negli Stati Uniti nel settembre del 2008 e da allora ha venduto 26 milioni di copie. Il secondo libro della trilogia, Catching Fire, è uscito nel 2009 ed è stato pubblicato in Italia con il titolo “La ragazza di fuoco nel novembre 2010. Il terzo è stato pubblicato negli Stati Uniti nell’agosto 2010 con il titolo di Mockingjay e uscirà in Italia il 15 maggio come “Il canto della rivolta”. Si vocifera già di un sequel al cinema sulla base di Catching fire, che dovrebbe arrivare nelle sale americane il 22 novembre 2013.

La produzione è interessante non solo per il clamore di pubblico con cui è stato accolto all’estero ed è atteso in Italia. Sebbene non specificato in dettaglio, il libro racconta di un mondo nato dopo la morte di un pianeta che ha attraversato una serie di fenomeni facilmente riconducibili a un cambiamento climatico pesante. Il sindaco di Capitol racconta infatti che Panem è nata dopo deserti, inondazioni, tempeste, carestie e mari prosciugati. Tutti fenomeni che attualmente gli scienziati ipotizzano come future conseguenze ai cambiamenti climatici in atto. Un tema, dunque, decisamente di attualità. Nature Geoscience ha infatti da poco pubblicato uno studio secondo  il quale la temperatura del nostro pianeta crescerà in media di 1,4 – 3°C, da qui al 2050, anche in uno scenario di inquinamento atmosferico moderato.

The Hunger Games fa pertanto riferimento a uno scenario tristemente possibile. Non è tuttavia l’unico né l’ultimo film a essere legato a tematiche ambientali, al cinema stiamo assistendo a un exploit di pellicole environment friendly. Pensiamo anche solo a quelli recentemente recensiti, da  Qualcosa di straordinario a Lorax – Il guardiano della foresta. Segno che le paure collettive si stanno orientando sempre più sull’ambiente. Come negli anni Settanta venivano esorcizzati sul grande schermo i timori di epidemie incontrollate – da Il pianeta delle scimmie a Cassandra Crossing, quasi ad anticipare l’esplosione dell’AIDS negli anni Ottanta – negli anni Duemila lo scenario per un futuro davvero spaventoso è l’ambiente irreversibilmente danneggiato: The Road, L’alba del giorno dopo, 2012 solo per fare alcuni esempi. Sebbene da un punto di vista catastrofico, si può dunque concludere che l’attenzione sui temi ambientali è alta. E se passa attraverso il mainstream di film di grande successo significa che non è solo più preoccupazione di pochi ambientalisti convinti. Sempre di questi giorni è infatti la (buona) notizia che, secondo un nuovo studio condotto da Nielsen, a livello mondiale, i consumatori “socialmente consapevoli” sono giovani (il 63% è di età inferiore ai 40 anni), consultano i social media quando devono prendere decisioni d’acquisto e si preoccupano di questioni ambientali, educative e di alimentazione. Ci piace pensare che abbiamo ancora tempo per capovolgere la distopia in una realistica utopia.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende