Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Cambogia, le ferite ambientali della guerra civile:

Cambogia, le ferite ambientali della guerra civile

aprile 30, 2012 Impressioni di viaggio, Rubriche

Entrando in Cambogia dal confine Nord con il Laos si può facilmente notare l’eccessiva deforestazione a favore dei campi agricoli. Durante la guerra civile – che durò dal 1970 al 1994 – i guerriglieri finanziavano la lotta attraverso la vendita del legname ottenuto con una deforestazione illegale. Gli spietati Khmer Rossi, in quegli anni, commerciavano legname cambogiano al confine  con le compagnie thailandesi, che si facevano aiutare dai propri militari.

Nel 1990 il fenomeno  raggiunse un livello tale  che il Fondo Monetario Internazionale decise di cancellare un prestito di 120 milioni di dollari e la Banca Mondiale di sospendere gli aiuti finanziari al governo finchè la corruzione nel settore non fosse risolta. Solo così il governo si mosse, per cercare di placare questa inarrestabile devastazione ambientale. Si registrarono quindi i primi effetti positivi, ma l’azione non fu abbastanza incisiva e dal 2000 al 2005 il 30% della foresta cambogiana fu distrutta.  Ad oggi solo metà del territorio cambogiano rimane coperta da foreste e sebbene il governo sembri aver consolidato un maggiore controllo del fenomeno, la superficie forestale è destinata ancora a diminuire, anche a causa dagli scavi delle miniere da cui si ricava oro, bauxite e ferro.

A generare problemi ambientali di difficile risoluzione è poi la rapida crescita della popolazione urbana. L’aumento dei  liquami non trattati, i rifiuti industriali e gli sprechi di ogni genere stanno inquinando la superficie e i pozzi d’acqua in diverse città e villaggi cambogiani. Il sistema fognario non è adeguato o spesso non è funzionante, a discapito dell’igiene e porta, come conseguenza, un elevato rischio di malattie, tra cui diarrea e colera, nella popolazione urbana. La pressione demografica sulla capitale e le sistemazioni improvvisate, dovute al sovraffollamento, stanno causando spreco d’acqua, danni alle infrastrutture e al sistema naturale di drenaggio, che fino ad oggi è servito come salvaguardia contro la possibilità di allagamenti. Le diverse “maniche” di protezione dagli allagamenti sono state occupate dagli immigrati in città, restringendo i flussi d’acqua e aumentando significativamente le problematiche igieniche.

La raccolta rifiuti, in gran parte della Cambogiaè piuttosto scarsa e troppo spesso si trovano piccole discariche a cielo aperto sparse per la città, in mezzo alle abitazioni. La povertà porta molti cambogiani, soprattutto bambini, a rovistare tra i rifiuti alla ricerca di materiale da riciclare per ricevere un piccolo compenso economico. I cassonetti rimangono però aperti e i rifiuti fuoriescono per le strade causando odori e inquinamento al limite del sopportabile.

Il disinteresse sui  temi ambientali della popolazione locale sta danneggiando anche le risorse costiere, marine e di acqua dolce, già degradate dalla  sedimentazione di fiumi e coste, dalla conversione delle foreste di mangrovie e da una mal gestita acquacoltura di gamberi. Stanno inoltre aumentando rapidamente le pressioni sulle risorse acquatiche e paludose per la pesca sfrenata, l’utilizzo di pesticidi chimici molto dannosi e il prosciugamento delle paludi a favore dell’agricoltura.

Riguardo alla drammatica situazione asiatica sull’utilizzo dell’amianto killer, già denunciata nel nostro precedente articolo, la Cambogia purtroppo non si differenzia dai suoi vicini. Nonostante siano meno visibili le tettoie in asbesto, il mercato legato al suo utilizzo, per realizzare un tipo di cemento di “maggiore qualità”, è in continua espansione e provenie soprattutto dalla Thailandia. Si stima, negli ultimi anni, una media annua di importazione di amianto di circa 40.000 tonnellate. Anche in questo paese non esistono ancora, del resto, le conoscenze e gli strumenti medici per correlare i danni alla salute causati da questo intollerabile mercato. La mancanza di consapevolezza da parte dei lavoratori e degli operatori del settore non permette loro di proteggersi adeguatamente.

La Cambogia, dopo la terribile guerra civile che ha lasciato ferite profonde, ancora insanate, ha dovuto fare i conti con una povertà diffusa, che ha portato corruzione e un eccessivo sfruttamento delle risorse naturali. Il degrado della biodiversità e delle risorse forestali avrà conseguenze pesanti sulla future generazioni, se si pensa che circa 3/4 della popolazione vive ancora di agricoltura e dipende dalla propria terra per coprire le necessità quotidiane, e dall’agricoltura deriva quasi il 40% del PIL nazionale.

L’urgenza di un modello sostenibile di sfruttamento dei terreni, per salvaguardare le foreste nazionali e  le risorse acquatiche, imporrebbe la creazione di aree protette e una maggiore azione governativa. Eppure ci si ritrova, anche qui in Cambogia, di fronte all’ennesimo caso in cui l’importanza di intervenire e informare la popolazione locale sulle conseguenze letali di questi fenomeni viene sacrificata all’altare di interessi economici di una ristretta minoranza.

Carlo Taglia

Le riflessioni di viaggio complete di Carlo Taglia, documentate da foto e video, sono disponibili sul suo blog: http://karl-girovagando.blogspot.com/

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

giugno 20, 2018

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

Ubeeqo, gestore di car sharing parte di Europcar Mobility Group, si è qualificato come operatore certificato di car sharing al bando indetto da ICS Iniziativa Car Sharing, una Convenzione di Comuni e altri Enti locali, sostenuto dal Ministero dell’Ambiente. Obiettivo di ICS è quello di promuovere e sostenere la diffusione del car sharing come strumento di [...]

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

giugno 19, 2018

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

Le imprese e le famiglie residenti ad Affi, in provincia di Verona, potranno partecipare al finanziamento dell’impianto eolico, della potenza complessiva di 4 MW, realizzato dalla multiutility locale AGSM nel 2017. L’operazione replica uno schema già adottato con successo per il vicino impianto eolico di Rivoli Veronese realizzato dalla stessa società nel 2013, e prevede un’emissione di obbligazioni (“Affi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende