Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Cambogia, le ferite ambientali della guerra civile:

Cambogia, le ferite ambientali della guerra civile

aprile 30, 2012 Impressioni di viaggio, Rubriche

Entrando in Cambogia dal confine Nord con il Laos si può facilmente notare l’eccessiva deforestazione a favore dei campi agricoli. Durante la guerra civile – che durò dal 1970 al 1994 – i guerriglieri finanziavano la lotta attraverso la vendita del legname ottenuto con una deforestazione illegale. Gli spietati Khmer Rossi, in quegli anni, commerciavano legname cambogiano al confine  con le compagnie thailandesi, che si facevano aiutare dai propri militari.

Nel 1990 il fenomeno  raggiunse un livello tale  che il Fondo Monetario Internazionale decise di cancellare un prestito di 120 milioni di dollari e la Banca Mondiale di sospendere gli aiuti finanziari al governo finchè la corruzione nel settore non fosse risolta. Solo così il governo si mosse, per cercare di placare questa inarrestabile devastazione ambientale. Si registrarono quindi i primi effetti positivi, ma l’azione non fu abbastanza incisiva e dal 2000 al 2005 il 30% della foresta cambogiana fu distrutta.  Ad oggi solo metà del territorio cambogiano rimane coperta da foreste e sebbene il governo sembri aver consolidato un maggiore controllo del fenomeno, la superficie forestale è destinata ancora a diminuire, anche a causa dagli scavi delle miniere da cui si ricava oro, bauxite e ferro.

A generare problemi ambientali di difficile risoluzione è poi la rapida crescita della popolazione urbana. L’aumento dei  liquami non trattati, i rifiuti industriali e gli sprechi di ogni genere stanno inquinando la superficie e i pozzi d’acqua in diverse città e villaggi cambogiani. Il sistema fognario non è adeguato o spesso non è funzionante, a discapito dell’igiene e porta, come conseguenza, un elevato rischio di malattie, tra cui diarrea e colera, nella popolazione urbana. La pressione demografica sulla capitale e le sistemazioni improvvisate, dovute al sovraffollamento, stanno causando spreco d’acqua, danni alle infrastrutture e al sistema naturale di drenaggio, che fino ad oggi è servito come salvaguardia contro la possibilità di allagamenti. Le diverse “maniche” di protezione dagli allagamenti sono state occupate dagli immigrati in città, restringendo i flussi d’acqua e aumentando significativamente le problematiche igieniche.

La raccolta rifiuti, in gran parte della Cambogiaè piuttosto scarsa e troppo spesso si trovano piccole discariche a cielo aperto sparse per la città, in mezzo alle abitazioni. La povertà porta molti cambogiani, soprattutto bambini, a rovistare tra i rifiuti alla ricerca di materiale da riciclare per ricevere un piccolo compenso economico. I cassonetti rimangono però aperti e i rifiuti fuoriescono per le strade causando odori e inquinamento al limite del sopportabile.

Il disinteresse sui  temi ambientali della popolazione locale sta danneggiando anche le risorse costiere, marine e di acqua dolce, già degradate dalla  sedimentazione di fiumi e coste, dalla conversione delle foreste di mangrovie e da una mal gestita acquacoltura di gamberi. Stanno inoltre aumentando rapidamente le pressioni sulle risorse acquatiche e paludose per la pesca sfrenata, l’utilizzo di pesticidi chimici molto dannosi e il prosciugamento delle paludi a favore dell’agricoltura.

Riguardo alla drammatica situazione asiatica sull’utilizzo dell’amianto killer, già denunciata nel nostro precedente articolo, la Cambogia purtroppo non si differenzia dai suoi vicini. Nonostante siano meno visibili le tettoie in asbesto, il mercato legato al suo utilizzo, per realizzare un tipo di cemento di “maggiore qualità”, è in continua espansione e provenie soprattutto dalla Thailandia. Si stima, negli ultimi anni, una media annua di importazione di amianto di circa 40.000 tonnellate. Anche in questo paese non esistono ancora, del resto, le conoscenze e gli strumenti medici per correlare i danni alla salute causati da questo intollerabile mercato. La mancanza di consapevolezza da parte dei lavoratori e degli operatori del settore non permette loro di proteggersi adeguatamente.

La Cambogia, dopo la terribile guerra civile che ha lasciato ferite profonde, ancora insanate, ha dovuto fare i conti con una povertà diffusa, che ha portato corruzione e un eccessivo sfruttamento delle risorse naturali. Il degrado della biodiversità e delle risorse forestali avrà conseguenze pesanti sulla future generazioni, se si pensa che circa 3/4 della popolazione vive ancora di agricoltura e dipende dalla propria terra per coprire le necessità quotidiane, e dall’agricoltura deriva quasi il 40% del PIL nazionale.

L’urgenza di un modello sostenibile di sfruttamento dei terreni, per salvaguardare le foreste nazionali e  le risorse acquatiche, imporrebbe la creazione di aree protette e una maggiore azione governativa. Eppure ci si ritrova, anche qui in Cambogia, di fronte all’ennesimo caso in cui l’importanza di intervenire e informare la popolazione locale sulle conseguenze letali di questi fenomeni viene sacrificata all’altare di interessi economici di una ristretta minoranza.

Carlo Taglia

Le riflessioni di viaggio complete di Carlo Taglia, documentate da foto e video, sono disponibili sul suo blog: http://karl-girovagando.blogspot.com/

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende