Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Colombia: il fantasma dell’amianto mi insegue:

Colombia: il fantasma dell’amianto mi insegue

luglio 25, 2012 Impressioni di viaggio, Rubriche

Con l’arrivo in Sud America proseguono le “Impressioni di Viaggio” del nostro corrispondente Carlo Taglia, in viaggio per il mondo a impatto e costo “zero”.

Nuovo continente, stessa contaminazione. Poco più di un mese fa avevo lasciato l’Asia, afflitta da un intenso consumo di amianto nel settore edile, preoccupato per le tragiche previsioni di morti future. Ma quando sono sbarcato in Sud America, nel porto colombiano di Buenaventura, la prima cosa che ho incontrato è stata un’immensa distesa di tettoie in eternit. L’intero paese è sommerso da queste coperture, in tutte le grandi città come Bogotà, Medellin, Cartagena, Barranquilla, Santa Marta e Buenaventura sono facilmente visibili enormi superfici grigie in amianto. Essendo il materiale più economico in commercio viene utilizzato, soprattutto, da chi non si può permettere un’altra copertura o è costretto a raccattare resti malandati per strada per utilizzarli nella sua baracca.

Più ci si allontana dai centri città verso le periferie povere e più aumenta il consumo di questo materiale dalle conseguenze mortali. Mentre i produttori si difendono sostenendo di aver preso tutte le precauzioni necessarie per la salute dei lavoratori, in fase di produzione, non hanno nulla da dire riguardo al rischio di tutte quelle famiglie che vivono a contatto diretto con la polvere delle lastre vecchie o rotte e che, inconsapevoli degli effetti collaterali, le utilizzano nelle case o per far giocare i bambini. Non esiste nessun piano di smaltimento dell’eternit usurato che, anche qui, viene scaricato nei fiumi, nelle strade o ammassato nei cortili, rimanendo spesso a contatto diretto con la popolazione, che ne respira le polveri letali.

In Colombia il gruppo Eternit possiede ben 3 fabbriche che producono asbesto-cemento: una sul Pacifico, un’altra sul Mar dei Caraibi e l’ultima nella capitale. Realizzano mediamente quasi 200.000 tonnellate all’anno di cemento-amianto impiegando circa 1.800 lavoratori. Da oltre quarant’anni producono principalmente materiali per il settore delle costruzioni tra cui pensiline e coperture, accessori per fognature, fosse settiche e pozzi, tubi di scarico, elettrici e telefonici. Utilizzano un materiale composto dal crisotilo, al 10% circa, e dal cemento, al 90%. Il crisotilo è un minerale appartenente alla classe dei silicati, uno dei minerali del gruppo dell’amianto, di gran lunga il più estratto. Molto ricercato per via delle sue proprietà fibrose, di incombustibilità e di bassa conducibilità termica, ha però gravi conseguenze sull’organismo umano proprio per via della sua natura fibrosa. In Italia se ne conoscono, con evidenza, gli effetti anche a seguito della condanna a 16 anni ai due principali azionisti dell’azienda, ma nonostante ciò il gruppo Eternit continua a negare, nel resto del mondo, la cruda verità: l’amianto non solo provoca il mesotelioma pleurico, un terribile tumore mortale, ma molte altre malattie non immediatamente relazionabili con la respirazione delle polveri aerodisperse, come ad esempio la fibrosi polmonare, che spesso viene correlata al fumo.

Ho intervistato, anche qui, architetti, avvocati, insegnanti e semplici proprietari di case con coperture in eternit: nessuno aveva un’idea delle conseguenze dell’utilizzo del crisotilo, detto anche “amianto bianco”. Un’altra realtà di disinformazione che, a queste latitudini, stupisce ancor di più che nelle realtà asiatiche. Per un Europeo è una situazione surreale, ma sembra che la Eternit sia riuscita a rassicurare la popolazione locale e i propri lavoratori, che credono così, per la maggior parte, che gli effetti negativi dell’amianto siano una leggenda metropolitana.

La Colombia, per altro, esporta soprattutto in Europa, dove è proibito l’utilizzo di asbesto. Mi chiedo come sia possibile che né i media colombiani né quelli europei si pongano domande su questa “incongruenza”. Quali interessi ci sono dietro a questa ignoranza indotta? Quante altre persone devono morire per dimostrare che l’amianto è letale? In altri paesi del continente sud americano, tra cui Cile, Argentina, Uruguay e Brasile, sono state intraprese iniziative governative per contrastare il consumo di questa sostanza assassina, fino a proibirla totalmente.La Colombia vive invece all’oscuro. Probabilmente troppo concentrata sulle questioni del narcotraffico e della guerriglia alle Farc, per poter assorbire altre priorità.

 

 

Carlo Taglia

Le riflessioni di viaggio complete di Carlo Taglia, documentate da foto e video, sono disponibili sul suo blog: http://karl-girovagando.blogspot.com/

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende